Sono disponibili le registrazioni del modulo AB Biotek tenutosi durante Enoforum Italia 2021 dal 18 al 20 maggio 2021 in formato virtuale.

Dopo una breve introduzione di Attilio Bellachioma, Direttore Commerciale per il settore vino in Europa per AB Biotek, seguono i relatori tecnico scientifici – Anthony Heinrich e Teresa Garde-Cerdá – che parlano di una nuova tematica, delle nuove potenzialità nel campo della microflora per trovare delle nuove alternative alla solforosa, partendo dalla domanda, perché ridurre l’utilizzo di solfiti nel vino? Studi preliminari svolti mostrano un potenziale dei ceppi di Metschnikowia pulcherrima di ridurre contaminazioni da parte di microorganismi nel vino.

Teresa Garde-Cerdán, direttore di VIENAP – Gruppo di Viticoltura ed Enologia Applicata – è colei che ha svolto queste prove, in collaborazione con AB Biotek, e presenta i risultati del lavoro intitolato “Bioprotezione attraverso l’uso di lieviti non-Saccharomyces nella vinificazione”. Il lievito non-Sacchamonyces identificato in altri studi che ha dimostrato di essere in grado di ridurre il grado alcolico e di migliorare il colore del vino, quando impiegato in inoculazioni sequenziali, è Metschnikowia pulcherrima. L’obiettivo principale del lavoro è stato dunque quello di studiare il comportamento del lievito non-Saccharomyces durante le fermentazioni alcoliche per evitare l’aggiunta di solforosa, ovvero, studiare la bioprotezione.

Notizie correlate: