R. Jimenez Lorenzo, P. Brial, C. Picou, M. Perez, A. Bloem, C. Camarasa
UMR SPO, INRA, Université Montpellier, SupAgro
Contatto e-mail:  
rafael.jimenez-lorenzo@inrae.fr

L’aroma del vino è uno dei più importanti determinanti della qualità, poiché influenza fortemente l’accettazione o il rifiuto del prodotto da parte del consumatore.

Tra le migliaia di molecole che compongono l’aroma del vino, i composti contenenti zolfo possono essere considerati un’ “arma a doppio taglio”: alcuni di essi, derivanti da precursori varietali, forniscono aromi fruttati e gradevoli, mentre altri, prodotti dal metabolismo dei lieviti, sono legati ad aromi “sgradevoli”.

L’impatto negativo e la loro bassa soglia di percezione nel vino rendono questi composti solforati volatili (CSV) un oggetto di studio essenziale per controllare la qualità del vino.

Ad oggi, i meccanismi chimici e metabolici coinvolti nella formazione dei CSV durante la fermentazione rimangono scarsamente elucidati. Inoltre, l’incidenza di fattori ambientali o tecnologici che possono interagire con il metabolismo del lievito sulla produzione di CSV non è stata studiata in modo esaustivo.

In questo contesto, lo scopo di questo progetto è stato quello di approfondire la formazione di CSV durante la fermentazione del vino da parte di S. cerevisiae, valutando il contributo relativo del metabolismo del lievito e delle conversioni chimiche alla produzione di CSV e studiando la modulazione di queste produzioni da parte di parametri ambientali (composizione e disponibilità di risorse azotate, concentrazione di vitamine) o tecnologici (aggiunta di SO2).

Le fermentazioni sono state condotte utilizzando diverse condizioni (concentrazioni di YAN, SO2 e acido pantotenico, disponibilità di metionina e cisteina) con 4 ceppi di S. cerevisiae e la produzione di 18 CSV è stata misurata mediante GC-MS per chiarire come la variazione di questi parametri modifichi la concentrazione finale.

Come previsto, l’aggiunta di metionina ha aumentato la produzione finale dei composti derivati, ma non ha influenzato il resto dei composti. L’aggiunta di cisteina aumenta la produzione degli esteri (metiltioacetato ed etiltioacetato) senza modificare la concentrazione degli altri composti. Abbiamo anche scoperto che un aumento dell’acido pantotenico, come aggiunta di metionina, può promuovere la produzione di composti derivati dalla metionina. Con questi dati potremmo essere in grado di ridurre la produzione totale di CSV durante la fermentazione.

Poster presentato al Macrowine virtual (23-30 giugno 2021)

Documenti allegati
Notizie correlate:
Il ruolo della tiamina nelle fermentazioni lente

Abstract La tiamina (vitamina B1) è un nutriente vitale per la crescita e il metabolismo dei lieviti. I lieviti privilegiano l’assimilazione della tiamina dal mosto d’uva prima di iniziare a produrne di propria. I lieviti possono immagazzinare fino a 10 000 volte più tiamina di quella disponibile nel mosto d’uva. Questo processo di immagazzinamento conserva

Cos’è l’instabilità dei vini e quali sono le conseguenze sul prodotto?

“Instabilità” è un termine generico definito come la tendenza a cambiare, anche repentinamente. Questa definizione delinea una situazione di incertezza, che traslata nel settore enologico significa che il vino instabile può cambiare anche rapidamente nel tempo in funzione delle condizioni di conservazione, evolvendo generalmente in modo negativo. L’instabilità del vino riguarda molti dei suoi costituenti sia semplici

SalViBio: dalla biodiversità viticola locale nuove opportunità per l’adattamento della viticoltura al cambiamento climatico

Pier Giorgio Bonicelli, Ginevra Canavera, Riccardo Collivasone, Silvia Pagani, Mario Gabrielli, Tommaso FrioniUniversità cattolica del Sacro Cuore, Piacenza Una delle sfide impellenti per la viticoltura italiana è quella di trovare nuove soluzioni per fronteggiare il cambiamento climatico. L’aumento delle temperature e la carenza di precipitazioni hanno infatti pesanti ripercussioni sulla produttività e qualità delle uve

Lievito demalicante per preservare l’acidità del vino

Marzio Mannino (Resp. Tecnico e Qualità – Francy Oenology)  Tommaso Perini Tutti gli enologi valutano il quadro acido del mosto in fermentazione e del vino finito commentando i livelli di acido acetico, malico e lattico principalmente, ma valutando molto poco anche i livelli di acido citrico, succinico e altri acidi considerati minori. Normalmente impuntano una variazione

Effetto delle strategie ecologiche di protezione dei vigneti sull’ecologia dei lieviti durante la fermentazione

Vasileios ENGLEZOS, Ilario FERROCINO, Simone GIACOSA, Susana RIO SEGADE, Jatziri MOTA-GUTIERREZ, Luca COCOLIN, Luca ROLLE, Kalliopi RANTSIOUUniversità di Torino, DISAFA, ItaliaEmail contact: vasileios.englezos@unito.it Questo studio ha valutato l’effetto di un’ampia gamma di prodotti ecologici applicati nel vigneto sull’ecologia dei lieviti dell’uva alla vendemmia e nel corso di fermentazioni spontanee e inoculate in condizioni di cantina e