La diffusione di malattie da virus nei vigneti è una delle problematiche più attuali nella moderna viticoltura. Risale al biennio 2003-2004 la descrizione di una nuova malattia della vite in Trentino, i cui sintomi sono attribuibili ad un’infezione virale, potenzialmente in grado di causare gravi danni a livello di vegetazione e di produzione. La presenza e la diffusione della malattia si sta dimostrando particolarmente rilevante per tutto il comparto vitienologico europeo, imponendo un attento monitoraggio e la ricerca di effettive strategie di contenimento.

Il presente lavoro descrive, partendo da studi condotti nel 2011 dall’Istituto per la Protezione Sostenibile delle Piante del CNR di Bari, le caratteristiche di un nuovo agente patogeno, riconducibile al genere dei Trichovirus e denominato Grapevine Pinot gris virus (GPGV), putativamente associato alla malattia.

Sono riportati i risultati, aggiornati alla vendemmia 2014, di un progetto condotto presso la Fondazione Edmund Mach, con l’obiettivo di studiarne eziologia, epidemiologia, diagnosi e strategie di contenimento della patologia. Punto di forza del progetto è la rete di collaborazioni attivata, che vede coinvolti numerosi esperti in materia di malattie virali e dei loro possibili vettori.

Ricerca presentata al Premio VERSINI 2015 – IV edizione del Premio SIVE Ricerca per lo Sviluppo . La relazione riprodotta in questo filmato è stata presentata alla 9ª edizione di Enoforum (Vicenza, 5-7 maggio 2015)

Notizie correlate: