italianoenglishfrançaisdeutschespañolportuguês
Lingua
Cerca nel sito
  • » Analisi
  • » Rilevamento rapido e identificazione dei lieviti nei mosti e nei vini tramite citometria a flusso e FISH
  • 10 anni di successi nell’aumentare i gradi Brix
    In dieci anni di prove, il biostimolante vegetale ILSAC-ON ha sempre aumentato i gradi Brix alla vendemmia su tutti i principali vitigni italiani
    ILSA festeggia dieci anni di prove di sviluppo in campo del padre dei suoi biostimolanti, ILSAC-ON, completamente vegetale. Coniugando materia prima (tessuti di piante della famiglia delle Fabaceae...
    Pubblicata il: 26/04/2021

Rilevamento rapido e identificazione dei lieviti nei mosti e nei vini tramite citometria a flusso e FISH

Olga LUCIO, Isabel PARDO, Sergi FERRER; ENOLAB – Departament de Microbiologia i Ecologia/ERI-ISIC BIOTECMED/IViSoCa. Universitat de València, Spain.

La citometria a flusso (FC) può essere considerata un metodo utile per il controllo di qualità microbiologico nelle cantine e per lo studio delle dinamiche di crescita dei microrganismi nel vino. Offre numerosi vantaggi, quali elevata velocità (e il rilevamento simultaneo di migliaia di cellule singole), elevata precisione, misurazioni simultanee di parametri multipli cellulari, possibilità di rilevare la presenza di popolazioni eterogenee (per es. diverse specie simultanee), conservazione della vitalità cellulare e delle funzioni cellulari e facilità di utilizzo. 

 

In questo lavoro, abbiamo adattato precedenti protocolli di ibridazione fluorescente in situ (FISH) alla FC, ottimizzando allo stesso tempo un protocollo di ibridazione liquida. Abbiamo utilizzato sonde oligonucleotidiche specifiche marcate con fluoresceina associate alla regione D1/D2 del rRNA 26S di diverse specie di lieviti che si trovano spesso nei vini, lieviti sia dannosi che utili. 

 

Per ottimizzare il protocollo di ibridazione, abbiamo testato diversi parametri come la crescita dei lieviti, la fissazione e la permeabilizzazione delle cellule, i parametri di ibridazione e altri. Quindi, è stata confermata la possibilità dell’utilizzo della FC associata alle sonde fluorescenti per il rilevamento rapido e l’identificazione dei lieviti nei mezzi di laboratorio, nei mosti e nei vini (bianchi e rossi). 

 

Un vantaggio importante è che i lieviti ibridati nel liquido possono essere esaminati con un microscopio (FISH) e/o tramite FC. L’ibridazione con sonde fluorescenti è estremamente specifica è ciò facilita l’identificazione e la conta delle diverse specie di lieviti nello stesso vino con una singola analisi.

 

Pubblicata il 24/06/2015
Area Contenuti Premium
  • Apri e leggi l'articolo (pdf, 93 Kb. Pay per View 6€ )
Schede correlate
© Vinidea srl 2016: Piazza I° Maggio, 20, 29028 Ponte dell'Olio (PC) - ITALY - P.Iva: 01286830334
Per contattarci segui questo link
Titolo del periodico: Rivista Internet di Viticoltura ed Enologia
Editore e proprietario: Vinidea Srl
Registro Stampa - Giornali e Periodici: iscrizione presso il Tribunale di Piacenza al n. 722 del 02/03/2018
ISSN 1826-1590
powered by Infonet Srl Piacenza
Privacy Policy
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Maggiori informazioniOK

- A +
ExecTime : 2,40625