italianoenglishfrançaisdeutschespañolportuguês
Lingua
Cerca nel sito
  • La tecnica Real-Time PCR permette di rilevare la presenza di DNA di Brettanomyces già a bassissime quantità ed in sole 48-72 ore
    Il Laboratorio Polo (Gruppo Bioenologia 2.0) leader in ricerca e innovazione nel campo delle analisi enologiche, si è recentemente dotato di una sofisticatissima strumentazione per agire preventiva...
    Pubblicata il: 01/08/2018

Abbinamento fra vino e alimenti a base di insetti

di Francesco D’Ippolito, Università degli studi di Firenze

L'entomofagia è una parola che deriva dal greco e significa: éntomos ‘insetto’ e phagein ‘mangiare’. E' un regime dietetico che vede gli insetti come alimento ed è una pratica diffusa presso molte popolazioni del pianeta.

Perché mangiare gli insetti? Nel complesso si può promuovere l'entomofagia per tre motivi:
Per la salute, perché gli insetti sono naturali e nutritivi; ricchi di sali minerali quali calcio, ferro e zinco. Sono una grande fonte di proteine e grassi salutari e quindi un’ottima alternativa alimentare.
Per l'impatto ambientale, poiché emettono considerevolmente meno gas serra della maggior parte del bestiame. Inoltre l'allevamento non è necessariamente un'attività a terra e le emissioni di ammoniaca sono notevolmente inferiori rispetto al bestiame convenzionale.
Per il sostentamento economico e sociale.

La domanda qui sorge spontanea, cosa posso bere assieme al mio bel piatto di insetti? 

Questi sono solo alcuni degli abbinamenti proposti: 

  • Le locuste ricoperte di cioccolato, che sono un piatto saporito tra il gusto salato simile ai semi di girasole e il dolce del cioccolato, con un vino passito carico di aromi, come un Recioto del Soave, un Moscato D'asti o un Primitivo di Manduria.
  • Le larve del punteruolo rosso della palma dal gusto simile al bacon con un grande rosso strutturato come un Shiraz, un Chianti o un Aglianico potente.
  • I grilli, ricordano vagamente la nocciola e vengono accostati a un vino bianco corposo come un Albariño, un Verdicchio o un Müller Thurgau.

 

In allegato potete approfondire leggendo la Tesi di Laurea di Francesco D'Ippolito.

Pubblicata il 20/06/2018
Immagini
Schede correlate
  • tesi di laurea in viticoltura ed enologia di Alessio Sostegni
    Obiettivo della presente tesi era di analizzare gli effetti sinergici che etanolo e temperatura hanno sul metabolismo di Saccharomyces cerevisiae, per poter comprendere meglio l’arresto di fermenta...
    Pubblicata il:12/09/2018
  • Risultato di interviste in 10 regioni vinicole
    Il documento descrive le pratiche osservate in campo in seno alle interviste realizzate durante il progetto Winetwork. Sono state realizzate 219 interviste in 10 regioni vitivinicole europee con l’...
    Pubblicata il:06/12/2016
  • Valerio Carinci, Centro Enologico Meridionale srl – Chieti – Italia
    La bentonite, è uno dei coadiuvanti più utilizzati nel mondo enologico, grazie alle sue doti di stabilizzazione proteica, regolazione della fermentazione e azione chiarificante; per queste sue cara...
    Pubblicata il:10/08/2018
  • Lucile PIC et Jacques MATHIEU ; GIE ICV VVS
    Per aiutare gli enologi a scegliere il metodo analitico migliore per prevenire la formazione di fenoli volatili e di note «animali» nei vini, gli autori hanno cercato di valutare con questo lavoro ...
    Prezzo:6 €(Iva inclusa)
    Pubblicata il:20/12/2016
  • Marongiu G. Et al.; AGRIS Sardegna, Cagliari – D.B.T.B.S Università Milano - Bicocca
    Una delle varietà di vite dimenticate che un tempo qualificava l'areale vitivinicolo della Sardegna Centrale è il vitigno Lacconargiu, a bacca bianca, oggi coltivato marginalmente nelle aree collin...
    Pubblicata il:19/12/2016
  • K. Rantsiou, V. Englezos, P. Risse, F. Cravero, F. Torchio, L. Rolle, L. Cocolin; Department of Agricultural, Food and Forest Sciences, University of
    Negli ultimi anni vi è un crescente interesse nelll'utilizzo di lieviti non-Saccharomyces per la produzione di vino. Tra le specie più promettenti, Candida zemplinina (sinonimo Starmerella bacillar...
    Pubblicata il:28/03/2017
© Vinidea srl 2016: Piazza I° Maggio, 20, 29028 Ponte dell'Olio (PC) - ITALY - P.Iva: 01286830334
Per contattarci segui questo link
Titolo del periodico: Rivista Internet di Viticoltura ed Enologia
Editore e proprietario: Vinidea Srl
Direttore Responsabile: Dott. Giordano Chiesa
Registro Stampa - Giornali e Periodici: iscrizione presso il Tribunale di Piacenza al n. 722 del 02/03/2018
ISSN 1826-1590
powered by Infonet Srl Piacenza
Privacy Policy
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Maggiori informazioniOK

- A +