italianoenglishfrançaisdeutschespañolportuguês
Lingua
Cerca nel sito
  • » Articoli Tecnici
  • » Controllo biologico di Plasmopara viticola in Vitis vinifera mediante Composti Organici Volatili Microbici
  • SHELF-LIFE IMPROVEMENT
    Il programma di Enartis contro l’invecchiamento precoce del vino
    Il desiderio di chi produce vino è poterne bloccare l’invecchiamento per mantenere intatte le sue caratteristiche anche dopo mesi di conservazione su uno scaffale (in condizioni non sempre id...
    Pubblicata il: 24/09/2019

Controllo biologico di Plasmopara viticola in Vitis vinifera mediante Composti Organici Volatili Microbici

Casarin S., Mannino G., Vigliante I., Bertazzon N., Maffei M.E.; Università di Torino, CREA Conegliano

Controllo biologico di Plasmopara viticola in Vitis vinifera mediante Composti Organici Volatili Microbici

La peronospora è una malattia della vite causata dal fungo Plasmopara viticola che provoca consistenti perdite nella produzione viticola.

I mezzi che oggi vengono impiegati per contrastare l’attacco del patogeno sono fitofarmaci, il cui uso prolungato può causare problemi di natura ambientale. È quindi doveroso ricercare nuove soluzioni più sostenibili per il biocontrollo della peronospora.

D’altro canto, nell'ultimo decennio si è indagato sulle potenzialità dei composti organici volatili microbici (MVOC) con funzione di elicitori nelle piante. Questi normalmente vengono emessi da alcuni microorganismi del suolo, i rizobatteri promotori della crescita delle piante. Il risultato di questa interazione è la resistenza sistemica indotta (ISR), ovvero l’aumento dei metodi di difesa della pianta per contrastare l’attacco del patogeno.

In questo lavoro è stata valutata la capacità del 2R,3R-butandiolo, MVOC emesso da un gran numero di ceppi batterici presenti nel suolo, di indurre la resistenza sistemica in Vitis vinifera affetta da P. viticola.

Le piante oggetto di sperimentazione, appartenenti ad un vigneto della cultivar Merlot situato nella provincia Trevigiana, sono state trattate con una soluzione di 2R,3R-butandiolo direttamente nelle foglie affette naturalmente dal fungo. La capacità della pianta di contrastare l’incidenza e la diffusione della peronospora è stata valutata sia in campo che in laboratorio, dove sono stati analizzati i composti prodotti dalla pianta per difendersi dal patogeno.

I risultati ottenuti hanno dimostrato che il MVOC utilizzato ha attivato la ISR nelle piante oggetto di sperimentazione, in quanto si è osservata una diminuzione dell’incidenza del patogeno nelle foglie trattate e l’aumento di alcuni polifenoli come metaboliti bioattivi di difesa.

Pubblicata il 09/07/2019
Schede correlate
© Vinidea srl 2016: Piazza I° Maggio, 20, 29028 Ponte dell'Olio (PC) - ITALY - P.Iva: 01286830334
Per contattarci segui questo link
Titolo del periodico: Rivista Internet di Viticoltura ed Enologia
Editore e proprietario: Vinidea Srl
Direttore Responsabile: Dott. Giordano Chiesa
Registro Stampa - Giornali e Periodici: iscrizione presso il Tribunale di Piacenza al n. 722 del 02/03/2018
ISSN 1826-1590
powered by Infonet Srl Piacenza
Privacy Policy
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Maggiori informazioniOK

- A +
ExecTime : 2,388672