italianoenglishfrançaisdeutschespañolportuguês
Lingua
Cerca nel sito
  • » Articoli Tecnici
  • » Esperienze di vinificazione di uve albana in qvevri georgiane
  • La mela non si tocca - A Diachem movie
    Una visione che si proietta sul domani con una proposta sostenibile e integrata, che parte dal desiderio di contribuire alla sicurezza alimentare globale, rispettando Uomo e Ambiente.
    Pubblicata il: 24/11/2021

Esperienze di vinificazione di uve albana in qvevri georgiane

A. g. Buglia, T. Bindi, A. Castro Marín, F. Chinnici, C. Riponi; Università di Bologna

Esperienze di vinificazione di uve albana in qvevri georgiane

I qvevri sono vasi vinari, in terracotta e a forma ovale, utilizzati per la fermentazione, la conservazione e l'affinamento del tradizionale vino georgiano.

Secondo questo metodo, i qvevri vengono interrati per fornire un controllo naturale della temperatura durante la fermentazione, quest’ultima condotta da lieviti indigeni ed effettuata in presenza di vinacce in percentuali variabili a seconda della regione georgiana considerata.

La fermentazione malolattica si svolge contestualmente o, più spesso, successivamente al completamento la fermentazione alcolica, dopo la quale i qvevri sono sigillati per permettere la conservazione e l’affinamento del vino, sovente senza effettuare la rimozione delle bucce (1).

Le prolungate macerazioni, la dissoluzione di ossigeno e la microflora fermentativa indigena sono tra i fattori che contribuiscono a caratterizzare i vini ottenuti attraverso questa tecnica, che si contraddistinguono per una spiccata complessità gustativa ed aromatica, abbinata ad intensità cromatiche rilevanti. Negli ultimi anni, questo metodo di vinificazione ha riscosso un buon interesse fra quei produttori desiderosi di differenziare la propria produzione, riducendo gli interventi in cantina, aumentando la complessità sensoriale, talvolta esaltando la caratteristiche varietali proprie di taluni vitigni a limitata diffusione nazionale.

Lo scopo di questo lavoro è stato quello di valutare gli effetti dell'uso di qvevri sulle proprietà fisiche, chimiche e sensoriali di vini ottenuti da uve cv. Albana, una varietà di vite a bacca bianca  tradizionalmente diffusa in una zona dell’Emilia Romagna compresa fra le provincie di Forlì-Cesena, Ravenna e Bologna.

Pubblicata il 17/10/2018
Schede correlate
© Vinidea srl 2016: Piazza I° Maggio, 20, 29028 Ponte dell'Olio (PC) - ITALY - P.Iva: 01286830334
Per contattarci segui questo link
Titolo del periodico: Rivista Internet di Viticoltura ed Enologia
Editore e proprietario: Vinidea Srl
Registro Stampa - Giornali e Periodici: iscrizione presso il Tribunale di Piacenza al n. 722 del 02/03/2018
ISSN 1826-1590
powered by Infonet Srl Piacenza
Privacy Policy
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Maggiori informazioniOK

- A +
ExecTime : 3,203125