italianoenglishfrançaisdeutschespañolportuguês
Lingua
Cerca nel sito
  • » Articoli Tecnici
  • » Gli effetti del microbiota sulla qualità della lignificazione e i risultati della tecnologia BluVite
  • CDR WineLab® presenta il nuovo pannello per la gestione dei polifenoli alla fiera Enomaq di Saragozza Padiglione 5 Stand C1
    CDR WineLab®: soluzione per il controllo della microssigenazione e della macerazione durante la fermentazione alcolica. Ora disponibile un pannello completo per seguire l’evoluzione dei polifenoli
    Pubblicata il: 06/02/2019

Gli effetti del microbiota sulla qualità della lignificazione e i risultati della tecnologia BluVite

Martina Broggio, BluAgri srl, Conegliano (TV)

Gli effetti che il microbiota ha sulla vite sono stati oggetto di numerose ricerche effettuate negli ultimi 6 anni dal gruppo di ricerca BluAgri. In questo tempo sono state effettuate più di 350.000 misurazioni in 2000 ha di prove in campo per valutare l’efficacia della nuova tecnologia BluVite. Lo stimolo del microbiota del suolo consente di ripristinare i naturali meccanismi di interazione tra l’apparato radicale e i microorganismi del suolo, grazie a questi è possibile verificare una notevole emissione di radici laterali e quindi un maggiore assorbimento di nutrienti.

Riattivando e ripristinando un apparato radicale efficiente la pianta da una parte è in grado di assorbire un numero maggiore di nutrienti e dall’altra, grazie all’azione di funghi e batteri, riesce ad assorbire anche quei nutrienti naturalmente bloccati nel suolo.

In questo modo è possibile ottenere una pianta più efficiente e sana dal punto di vista della traslocazione linfatica e della fotosintesi, ottenendo così un incremento dello “storage” delle riserve all’interno del legno della pianta.

EFFETTO DEL MICROBIOTA SU APPARATO RADICALE:

effetti-microbiota-sulla-vite-Bluvite

Rauscedo (PN)_Nelle foto barbatelle varietà Glera su Kober 5BB, nel trattato BluVite non è stato usato acido NAA, ormone radicante, utilizzato invece nella tesi standard.

Nel 2018 a causa delle elevate rese in uva molti vigneti non sono riusciti a lignificare completamente i tralci, causando in alcuni casi anche il 50% di perdita in carica di gemme.

Con l’utilizzo di BluVite è stato possibile ovviare a questa problematica aumentando le sostanze di riserva della pianta. Grazie alla base naturale del prodotto è possibile ripristinare la fertilità microbiologica del suolo e favorire i naturali processi di interazione tra la radice ed i batteri, fondamentali per la produzione di nuove radici.

effetti-microbiota-sulla-vite-BluviteEFFETTO SULLA REGOLARITÀ DEGLI INTERNODI:

Un apparato radicale efficiente è in grado di nutrire la chioma in maniera equilibrata.

L’emissione di internodi regolari indica come la maggiore attività radicale consenta di avere vigneti meno soggetti agli stress idrici e ai deficit nutrizionali.

L’interazione con le popolazioni batteriche del suolo consente alla pianta di assorbire in maniera costante ed equilibrata tutti i nutrienti di cui necessita in quanto questi vengono resi biodisponibili e prontamente assimilabili.

Nelle foto tralci var. Garganega, Az. Agr. Gini, Monteforte d’Alpone (VR).

EFFETTO SULLA LIGNIFICAZIONE:

effetti-microbiota-sulla-vite-Bluvite

La maggiore biodisponibilità di nutrienti si riflette inoltre sullo sviluppo di un apparato fogliare efficiente, in grado di fornire un maggior numero di fotosintetati e quindi di sostanze come lignina e amidi che vanno ad accumularsi nei tralci e nel legno.

Secondo numerosi test in campo è stato possibile osservare una lignificazione completa ed omogenea, in questo caso i vigneti a test sono di Traminer in zona Campodipietra (TV).

Per maggiori informazioni val al sito BLUAGRI

 

Pubblicata il 12/02/2019
Immagini
Disponibile in english
Schede correlate
  • di Francesco D’Ippolito, Università degli studi di Firenze
    L'entomofagia è una parola che deriva dal greco e significa: éntomos ‘insetto’ e phagein ‘mangiare’. E' un regime dietetico che vede gli insetti come alimento ed è una pratica diffusa presso molte ...
    Pubblicata il:20/06/2018
  • tesi di laurea in viticoltura ed enologia di Alessio Sostegni
    Obiettivo della presente tesi era di analizzare gli effetti sinergici che etanolo e temperatura hanno sul metabolismo di Saccharomyces cerevisiae, per poter comprendere meglio l’arresto di fermenta...
    Pubblicata il:12/09/2018
  • Risultato di interviste in 10 regioni vinicole
    Il documento descrive le pratiche osservate in campo in seno alle interviste realizzate durante il progetto Winetwork. Sono state realizzate 219 interviste in 10 regioni vitivinicole europee con l’...
    Pubblicata il:06/12/2016
  • Valerio Carinci, Centro Enologico Meridionale srl – Chieti – Italia
    La bentonite, è uno dei coadiuvanti più utilizzati nel mondo enologico, grazie alle sue doti di stabilizzazione proteica, regolazione della fermentazione e azione chiarificante; per queste sue cara...
    Pubblicata il:10/08/2018
  • Lucile PIC et Jacques MATHIEU ; GIE ICV VVS
    Per aiutare gli enologi a scegliere il metodo analitico migliore per prevenire la formazione di fenoli volatili e di note «animali» nei vini, gli autori hanno cercato di valutare con questo lavoro ...
    Prezzo:6 €(Iva inclusa)
    Pubblicata il:20/12/2016
  • Marongiu G. Et al.; AGRIS Sardegna, Cagliari – D.B.T.B.S Università Milano - Bicocca
    Una delle varietà di vite dimenticate che un tempo qualificava l'areale vitivinicolo della Sardegna Centrale è il vitigno Lacconargiu, a bacca bianca, oggi coltivato marginalmente nelle aree collin...
    Pubblicata il:19/12/2016
© Vinidea srl 2016: Piazza I° Maggio, 20, 29028 Ponte dell'Olio (PC) - ITALY - P.Iva: 01286830334
Per contattarci segui questo link
Titolo del periodico: Rivista Internet di Viticoltura ed Enologia
Editore e proprietario: Vinidea Srl
Direttore Responsabile: Dott. Giordano Chiesa
Registro Stampa - Giornali e Periodici: iscrizione presso il Tribunale di Piacenza al n. 722 del 02/03/2018
ISSN 1826-1590
powered by Infonet Srl Piacenza
Privacy Policy
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Maggiori informazioniOK

- A +
ExecTime : 1,09375