italianoenglishfrançaisdeutschespañolportuguês
Lingua
Cerca nel sito
  • » Articoli Tecnici
  • » I lieviti Brettanomyces: da organismi alterativi a preziosi collaboratori delle fermentazioni industriali
  • SHELF-LIFE IMPROVEMENT
    Il programma di Enartis contro l’invecchiamento precoce del vino
    Il desiderio di chi produce vino è poterne bloccare l’invecchiamento per mantenere intatte le sue caratteristiche anche dopo mesi di conservazione su uno scaffale (in condizioni non sempre id...
    Pubblicata il: 24/09/2019

I lieviti Brettanomyces: da organismi alterativi a preziosi collaboratori delle fermentazioni industriali

tesi di laurea in viticoltura ed enologia di Francesco LEONE

L’introduzione dei processi controllati della fermentazione alcolica, grazie all’approccio delle nuove tecniche di colture starter attraverso l’impiego dei lieviti Saccharomyces cerevisiae, hanno rappresentato una vera e propria rivoluzione nel processo di fermentazione delle bevande.
La peculiarità di S. cerevisiae consiste nel fornire alla bevanda stessa un piacevole profilo aromatico, con assenza di produzione di tossine nocive per la salute e per l’organismo. Tuttavia, in specifici processi di fermentazione in cui si verificano particolari casi, i limiti fisiologici di questo rivoluzionario lievito ne limitano l’uso.
Per ovviare a tale restrizione, gli addetti ai lavori stanno sperimentando nel medesimo processo di fermentazione il Brettanomyces bruxcellensis come alternativa valida a bypassare i limiti del Saccharomyces. Nonostante il pensiero comune sul Brettanomyces sia considerato causa di off-flavour, numerosi studiosi della materia sostengono che in alcuni casi questo microrganismo può produrre aromi gradevoli, fino ad incrementare la complessità del sapore delle bevande fermentate.
Addirittura la sua avvincente complessità chimica, permette un’alta tolleranza agli stress legati al processo di lavorazione. Questo nuovo modo di vedere il Brettanomyces permette di applicare ai processi industriali della birra e del vino gli effetti più tangibili.

In allegato potete trovare la tesi di Francesco Leone.

Se anche tu vuoi vedere la tua tesi pubblicata sulla nostra rivista allora clicca qui e scopri come fare!

Pubblicata il 19/09/2018
Immagini
Schede correlate
© Vinidea srl 2016: Piazza I° Maggio, 20, 29028 Ponte dell'Olio (PC) - ITALY - P.Iva: 01286830334
Per contattarci segui questo link
Titolo del periodico: Rivista Internet di Viticoltura ed Enologia
Editore e proprietario: Vinidea Srl
Direttore Responsabile: Dott. Giordano Chiesa
Registro Stampa - Giornali e Periodici: iscrizione presso il Tribunale di Piacenza al n. 722 del 02/03/2018
ISSN 1826-1590
powered by Infonet Srl Piacenza
Privacy Policy
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Maggiori informazioniOK

- A +
ExecTime : 2,1875