italianoenglishfrançaisdeutschespañolportuguês
Lingua
Cerca nel sito
  • » Articoli Tecnici
  • » Identificazione di γ-nonalactone precursori in uve merlot e cabernet sauvignon
  • La stabilità tartarica ad "alte temperature"
    Maria Manara, ReS Dal Cin s.p.a.
    Negli ultimi anni abbiamo assistito all’impennata dei costi energetici con conseguente impatto sui bilanci delle cantine. Uno dei processi più energivori riguarda le pratiche per il raggiungimento ...
    Pubblicata il: 23/02/2024

Identificazione di γ-nonalactone precursori in uve merlot e cabernet sauvignon

P. de Ferron et al, Università di Bordeaux - Institut des Sciences de la Vigne et du Vin - Unità di Ricerca Enologica, Francia

Identificazione di γ-nonalactone precursori in uve merlot e cabernet sauvignon

Philippine de FERRON, Cécile THIBON, Svitlana SHINKARUK, Philippe DARRIET, Alexandre PONS
Università di Bordeaux - Institut des Sciences de la Vigne et du Vin - Unità di Ricerca Enologica, Francia

Email: philippine.de-ferron[@]u-bordeaux.fr

Il gusto del vino è il risultato di interazioni complesse di componenti odorose, che provengono da diverse famiglie aromatiche come esteri, tioli, aldeidi, pirazine o lattoni. I lattoni varietali identificati nei vini rossi contribuiscono ai sapori di frutta cotta, come la pesca secca, l'albicocca, i fichi e la prugna secca. Studi recenti hanno dimostrato l'impatto fondamentale della data di vendemmia sul contenuto di lattoni nel vino. È stata sottolineata anche l'influenza della temperatura durante la maturazione dell'uva. Molti lattoni sono stati rilevati nei vini, ma uno di essi, il γ-nonalattone, possiede una bassa soglia di rilevazione (Dth 27 µg/L) ed è stato rilevato ad alta concentrazione nel vino (fino a 200 µg/L;). Pertanto, contribuisce direttamente agli aromi di pesca cotta nei vini rossi.

Tutte queste osservazioni hanno portato il gruppo di ricerca a indagare i meccanismi chimici e biochimici associati alla formazione del γ-nonalattone nel mosto e nel vino. Sulla base di un precedente lavoro realizzato nella birra, hanno ipotizzato che l'acido 4-oxononanoico fosse un potenziale precursore del γ-nonalattone nel vino. Per studiare la sua presenza nei mosti di uve Merlot e Cabernet Sauvignon, è stato sviluppato e validato un metodo GC-(NCI) MS. L'acido 4-oxononanoico è stato identificato per la prima volta in campioni di mosto, mentre la sua concentrazione variava da alcuni µg/L a più di 60 µg/L. Inoltre, per dimostrare l'impatto della fermentazione alcolica sulla formazione di γ-nonalattone, i ricercatori hanno sintetizzato l'acido d6-4-ossononanoico marcato e hanno osservato una correlazione positiva tra la concentrazione di acido d6-4-ossononanoico aggiunto e la formazione di d6-γ-nonalattone nei campioni contaminati.

In conclusione, i risultati hanno dimostrato la presenza di acido 4-oxononanoico nel mosto e la sua biotrasformazione in γ-nonalattone durante la fermentazione alcolica di varietà di uve rosse. Hanno inoltre convalidato per la prima volta il suo ruolo di precursore del γ-nonalattone odoroso nei vini.

Poster presentato al Macrowine virtual (23-30 giugno 2021)

Pubblicata il 11/05/2022
Disponibile in english spagnolo
Schede correlate
© Vinidea srl 2016: Piazza I° Maggio, 20, 29028 Ponte dell'Olio (PC) - ITALY - P.Iva: 01286830334
Per contattarci segui questo link
Titolo del periodico: Rivista Internet di Viticoltura ed Enologia
Editore e proprietario: Vinidea Srl
Registro Stampa - Giornali e Periodici: iscrizione presso il Tribunale di Piacenza al n. 722 del 02/03/2018
ISSN 1826-1590
powered by Infonet Srl Piacenza
- A +
ExecTime : 1,938477