italianoenglishfrançaisdeutschespañolportuguês
Lingua
Cerca nel sito
  • » Articoli Tecnici
  • » Lieviti indigeni e selezionati nella produzione del Conegliano-Valdobbiadene Prosecco Superiore DOCG
  • Una strada innovativa per la nutrizione organica
    Controllo dei radicali liberi: miglioramento del benessere del lievito e ottimizzazione della rivelazione aromatica attraverso la nutrizione organica
    Da un’idea del team R&D del gruppo IOC, sviluppata in collaborazione con la Fondazione Edmund Mach di San Michele all’Adige, nascono due innovativi nutrienti 100% organici, studiati per...
    Pubblicata il: 18/07/2022

Lieviti indigeni e selezionati nella produzione del Conegliano-Valdobbiadene Prosecco Superiore DOCG

Coletti A., Marchiori U., Franceschi D., Tat L., Iacumin L., Battistutta F.; Università degli Studi di Udine - CIRVE, Conegliano - Università degli St

Lieviti indigeni e selezionati nella produzione del Conegliano-Valdobbiadene Prosecco Superiore DOCG

I lieviti selezionati rappresentano un elemento di sicurezza nella produzione del Conegliano-Valdobbiadene Prosecco Superiore DOCG per le loro caratteristiche di purezza e finezza fermentativa che esaltano le potenzialità del vitigno Glera. Tuttavia la tipologia di lievito utilizzata è frutto di una selezione genetica condotta al di fuori del territorio di produzione, che ha portato ad una standardizzazione dei caratteri.

L’impiego di lieviti indigeni, invece, potrebbe incentivare la complessità sensoriale del prodotto finito e contribuire a rendere irriproducibile questo vino.

Nel presente lavoro sono stati messi a confronto vini prodotti con lieviti indigeni e selezionati.

La valutazione sensoriale effettuata sui vini base ottenuti con le due tipologie di lievito ha evidenziato che i lieviti indigeni diminuivano l’intensità degli odori negativi e aumentavano il sentore fruttato di mela.

I vini base sono stati spumantizzati attraverso i due sistemi usati per la produzione del Prosecco Superiore Conegliano-Valdobbiadene DOCG: il metodo Martinotti e il metodo della Tradizione (rifermentato in bottiglia).

Gli spumanti ottenuti sono stati sottoposti ad ulteriore analisi sensoriale da parte di due tipologie di degustatori: la prima era formata da consumatori, mentre, la seconda era formata da degustatori esperti ed enologi.

L’analisi dei risultati dei consumatori ha evidenziato differenze statisticamente significative a favore dei vini ottenuti con lieviti indigeni rifermentati in bottiglia. Questo risultato è stato confermato dai degustatori esperti seppur in modo non statisticamente significativo.

Il sistema di preparazione del piede con lieviti autoctoni può, quindi, contribuire alla caratterizzazione dei prodotti mantenendo, in ogni caso, una buona sicurezza qualitativa.

Pubblicata il 19/02/2019
Disponibile in spagnolo
Schede correlate
    Un nuovo approccio voltammetrico per l’analisi dei polifenoli delle uve bianche e il controllo delle operazioni prefermentative
    M. UGLIANO, J. WIRTH, S. BÉGRAND, J. B. DIÉVAL, C. PASCAL, S. VIDAL; Università degli Studi di Verona - Vinventions, Francia
    È stato sviluppato un metodo elettrochimico per l’analisi veloce dei composti fenolici dell’uva e del mosto. Il metodo sfrutta elettrodi monouso miniaturizzati che consentono un’a...
    Pubblicata il:01/04/2019
    Abbinamento fra vino e alimenti a base di insetti
    di Francesco D’Ippolito, Università degli studi di Firenze
    L'entomofagia è una parola che deriva dal greco e significa: éntomos ‘insetto’ e phagein ‘mangiare’. E' un regime dietetico che vede gli insetti come alimento ed è una pratica diffusa presso molte ...
    Pubblicata il:20/06/2018
    Adriano Zago
    docente e consulente in viticoltura ed enologia biodinamica
    Laureato in Agraria presso l’Università di Padova, ed in Viticoltura ed Enologia presso l’Università di Montpellier, inizia a lavorare come responsabile dei vigneti in aziende del Chianti Classico ...
    Pubblicata il:12/11/2016
    Approcci biotecnologici per dare valore alimentare alle vinacce: le proposte della ricerca e l’interesse dei consumatori e delle aziende
    Progetto ReMarcForFood
    Negli ultimi anni è emerso un grande interesse di ricerca sulle vinacce, ai fini di recuperare questa biomassa e convertirla in ingredienti alimentari ad alto valore aggiunto. Il progetto ReMarcFor...
    Pubblicata il:01/10/2020
    Arresti fermentativi - cause e rimedi
    Tesi di laurea in viticoltura ed enologia di Alessio Sostegni
    Obiettivo della presente tesi era di analizzare gli effetti sinergici che etanolo e temperatura hanno sul metabolismo di Saccharomyces cerevisiae, per poter comprendere meglio l’arresto di fermenta...
    Pubblicata il:12/09/2018
    Le più popolari pratiche in Europa contro la Flavescenza dorata
    Risultato di interviste in 10 regioni vinicole
    Il documento descrive le pratiche osservate in campo in seno alle interviste realizzate durante il progetto Winetwork. Sono state realizzate 219 interviste in 10 regioni vitivinicole europee con l’...
    Pubblicata il:06/12/2016
© Vinidea srl 2016: Piazza I° Maggio, 20, 29028 Ponte dell'Olio (PC) - ITALY - P.Iva: 01286830334
Per contattarci segui questo link
Titolo del periodico: Rivista Internet di Viticoltura ed Enologia
Editore e proprietario: Vinidea Srl
Registro Stampa - Giornali e Periodici: iscrizione presso il Tribunale di Piacenza al n. 722 del 02/03/2018
ISSN 1826-1590
powered by Infonet Srl Piacenza
- A +
ExecTime : 1,625