italianoenglishfrançaisdeutschespañolportuguês
Lingua
Cerca nel sito
  • » Articoli Tecnici
  • » Metodo ELISA automatizzato per una rapida valutazione della presenza/assenza di lisozima nel vino

Metodo ELISA automatizzato per una rapida valutazione della presenza/assenza di lisozima nel vino

Laura Barp , Alex Carlà, Mario Malacarne, Roberto Larcher ; Fondazione Edmund Mach – Centro Trasferimento Tecnologico, S. Michele all'Adige, ITALY

Metodo ELISA automatizzato per una rapida valutazione della presenza/assenza di lisozima nel vino

Da ormai molti anni, il lisozima, ricavato dal bianco d’uovo, è ampiamente utilizzato nelle cantine in alternativa all’anidride solforosa come agente antimicrobico per il controllo delle popolazioni di batteri lattici nei vini bianchi e rossi, o anche per ritardare, o inibire del tutto, la fermentazione malo-lattica durante la fermentazione alcolica.

i vini trattati con additivi allergenici quali uova, latte e i loro derivati, nonché i solfiti, devono essere sottoposti a un'etichettatura specifica se la loro presenza può essere rilevata nel prodotto finale.

Come metodo di riferimento per la ricerca di residui allergenici in vino, l’OIV propone un approccio immunoenzimatico ELISA.

La possibilità di ricercare con una medesima tecnica ELISA multiparametrica completamente automatizzata l’eventuale presenza di tutti i possibili allergeni derivanti da uovo e latte costituirebbe un auspicabile obiettivo per tutti i laboratori di controllo qualità, soprattutto per gli aspetti legati all’ottimizzazione dei tempi e dei costi analitici

In questo lavoro si è voluto pertanto confrontare i risultati ottenuti con due differenti approcci, cromatografico (HPLC-FLD) e immunoenzimatico automatizzato (ELISA), sia su vini bianchi non trattati che su vini addizionati di lisozima a livelli da 0,1 a 10 mg/L, focalizzando l’attenzione non solo sulle caratteristiche prestazionali dei diversi metodi, ma anche su considerazioni relative ai tempi e costi di impiego e sulla possibilità di utilizzare il test ELISA come approccio per uno screening rapido sulla presenza/assenza di tale enzima in vino.

Pubblicata il 26/04/2018
Schede correlate
© Vinidea srl 2016: Piazza I° Maggio, 20, 29028 Ponte dell'Olio (PC) - ITALY - P.Iva: 01286830334
Per contattarci segui questo link
Titolo del periodico: Rivista Internet di Viticoltura ed Enologia
Editore e proprietario: Vinidea Srl
Registro Stampa - Giornali e Periodici: iscrizione presso il Tribunale di Piacenza al n. 722 del 02/03/2018
ISSN 1826-1590
powered by Infonet Srl Piacenza
Privacy Policy
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Maggiori informazioniOK

- A +
ExecTime : 1,71875