italianoenglishfrançaisdeutschespañolportuguês
Lingua
Cerca nel sito
  • » Articoli Tecnici
  • » Potenzialità dell’irrigazione multifunzionale come strumento per mitigare gli effetti negativi dei cambiamenti climatici in viticoltura
  • La stabilità tartarica ad "alte temperature"
    Negli ultimi anni abbiamo assistito all’impennata dei costi energetici con conseguente impatto sui bilanci delle cantine. Uno dei processi più energivori riguarda le pratiche per il raggiungimento ...
    Pubblicata il: 23/02/2024

Potenzialità dell’irrigazione multifunzionale come strumento per mitigare gli effetti negativi dei cambiamenti climatici in viticoltura

Risultati preliminari del Progetto ADAM

Potenzialità dell’irrigazione multifunzionale come strumento per mitigare gli effetti negativi dei cambiamenti climatici in viticoltura

È tempo di bilanci per ADAM. Il progetto, cofinanziato da Regione Lombardia ed arrivato al secondo anno di sperimentazione, vede impegnati i ricercatori del DiSAA (Dipartimento di Scienze Agrarie ed Ambientali) dell’Università degli Studi di Milano nello studio delle potenzialità dell’irrigazione multifunzionale come strumento per mitigare gli effetti negativi dei cambiamenti climatici in viticoltura.

Lo sguardo è particolarmente rivolto alla produzione spumantistica, che, per i noti motivi, più di altri potrebbe soffrire dell’intensificarsi di fenomeni metereologici estremi come alte temperature, siccità e gelate tardive.

Nel vigneto di Chardonnay dell’Azienda Ricchi a Cavriana (MN) sono due in particolare le modalità innovative sperimentate: l’irrigazione a goccia gestita secondo criteri razionali, anche in previsione di ondate di calore e l’irrigazione sovrachioma con nebulizzatori, attivata a determinate soglie di temperatura, con la duplice funzione di preservare la pianta dai danni delle gelate tardive in primavera e delle temperature eccessive in estate.

Di seguito sono presentati i progressi nelle varie aree di miglioramento previste dal progetto mentre a fine articolo si possono trovare maggiori informazioni sul disegno sperimentale e sui concetti chiave sui quali si basa.

  • Prevenzione da danni di gelate primaverili

Durante le inattese gelate notturne di inizio aprile, è stata utilizzata con successo l’irrigazione tramite nebulizzatori che ha agito con effetto climatizzante a protezione delle gemme

Qui maggiori dettagli sull’intervento realizzato nella notte tra il 7 e l’8 aprile 2021. Inoltre era stato riscontrato un effetto positivo anche durante l'intervento del 25/26 marzo 2020. 

  • Prevenzione da stress termico

Nella stagione 2020, non sono mancati alcuni episodi di temperature particolarmente elevate, potenzialmente dannose per la bacca.

Alla luce di quanto visto, i risultati più interessanti della stagione, riguardano sicuramente l’irrigazione a goccia accoppiata alla nebulizzazione sovrachioma. Questa è stata attivata in dieci giornate, utilizzando come valore soglia di intervento i 33° C  di temperatura dell’aria.

In media, durante gli interventi più significativi, la nebulizzazione ha permesso di diminuire di 5°C la temperatura dell’acino (da 37,3°C a 32,5°C) e di circa 3°C quella dell’aria rispetto al controllo non irriguo. Non solo, ma anche nella tesi irrigua con gestione razionale, la temperatura media dell’acino (35,4°C) è stata statisticamente inferiore rispetto al controllo non irriguo. Qui ulteriori dettagli.

  • Ritardo della maturazione

L’irrigazione con nebulizzazione sembra portare inoltre ad un ritardo nella maturazione tecnologica delle uve che alla vendemmia sono caratterizzate da una maggiore acidità (qui il decorso della concentrazione di acido malido nelle bacche durante la maturazione) rispetto alla tesi non irrigua. L'aspetto qualitativo delle uve verrà approfondito durante la sessione di Enoforum dedicata al progetto.

  • Prevenzione da stress idrico

A causa di una piovosità abbondante e ben distribuita durante tutta la stagione, è stata rilevata una sostanziale assenza di stress idrico. Tuttavia, dato l’obiettivo di valutare il potenziale idrico della vite è stata realizzata una sperimentazione in condizioni controllate. E' stata allestita, una prova sperimentale utilizzando un totale di 24 piante di vite (Vitis vinifera L. cv. Pinot blanc, di 4 anni) cresciute all’interno di vasi da circa 60 L.

Tale sperimentazione ha posto le basi per una futura applicazione di queste tecniche direttamente in campo, per validare i modelli ottenuti (in condizioni controllate) ponendosi in situazioni di operatività reale durante la campagna sperimentale 2021 (per ulteriori dettagli clicca qui).

  • Attenzione alla sostenibilità

È possibile trovare maggiori informazioni sulla sostenibilità in termini di risparmio idrico e di water footprint sull' articolo dedicato.

Per maggiori informazioni consultare il sito di progetto o iscriversi al webinar di presentazione dei risultati il 18 maggio durante il congresso Enoforum.

Per approfondire i temi legati al disegno sperimentale e ai concetti chiave sui quali si basa, cliccare sugli argomenti di interesse.

Informazioni sull'irrigazione multifunzionale

Il vigneto di Chardonnay dell’Azienda Ricchi a Cavriana (MN)

La maturazione e l'effetto delle temperature eccessive sulla maturazione

Le tesi messe a confronto

 

ADAM è un progetto realizzato dal Dipartimento di Scienze Agrarie ed Ambientali (DISAA) dell’Università degli Studi di Milano, cofinanziato da Regione Lombardia (bando per il finanziamento di progetti di ricerca in campo agricolo e forestale, dds 28 marzo 2018 n. 4403)

logo ADAM DiSAA

 

 

 

 

 

 

Pubblicata il 19/04/2021
Schede correlate
© Vinidea srl 2016: Piazza I° Maggio, 20, 29028 Ponte dell'Olio (PC) - ITALY - P.Iva: 01286830334
Per contattarci segui questo link
Titolo del periodico: Rivista Internet di Viticoltura ed Enologia
Editore e proprietario: Vinidea Srl
Registro Stampa - Giornali e Periodici: iscrizione presso il Tribunale di Piacenza al n. 722 del 02/03/2018
ISSN 1826-1590
powered by Infonet Srl Piacenza
- A +
ExecTime : 1,59375