italianoenglishfrançaisdeutschespañolportuguês
Lingua
Cerca nel sito
  • » Articoli Tecnici
  • » Uso dei Biostimolanti e induttori di resistenza in Viticoltura – Un possibile aiuto alla nutrizione e difesa della Vite
  • Raffaele LOPREIATO – Università degli studi di Padova; Paolo ANTONIALI – Italiana Biotecnologie; Francesco RUSALEN – EVER srl
    Presentato per la prima volta all’ENOFORUM 2015, il progetto Y-TEAM rappresenta oggi il fiore all’occhiello dell’attività di R&D di EVER per le biotecnologie.
    Pubblicata il: 25/06/2018

Uso dei Biostimolanti e induttori di resistenza in Viticoltura – Un possibile aiuto alla nutrizione e difesa della Vite

tesi di laurea in viticoltura ed enologia di Francesco BALDUCCI, Università di Firenze

La tutela dell’ambiente e della salute umana devono essere delle priorità nella gestione del vigneto: l’utilizzo di Biostimolanti e Induttori di Resistenza possono aiutare a limitare l’uso di fertilizzanti e fitofarmaci di sintesi.

Ad oggi,però, i Biostimolanti\Induttori di resistenza si trovano in una “Zona Grigia” della legislazione e sono collocati nella categoria dei fertilizzanti.

Una nutrizione corretta del terreno con apporto di macro e micro elementi è fondamentale per avere una pianta equilibrata e una produzione di qualità se si apportano gli elementi minerali secondo le necessità delle piante e le caratteristiche del Terroir.

L’uso di fertilizzanti fogliari ha dimostrato un grande aiuto nelle correzioni di carenze e come pratica annuale di supporto alla nutrizione della pianta ma la conoscenza e l’uso di sostanza ad azione Biostimolante può dare importanti miglioramenti a livello qualitativo e quantitativo nella produzione agricolo e vitivinicola.

Il meccanismo di azione di questi composti è basato sull’aumento dell’attività metabolica delle piante che permette di migliorare l’efficienza di assorbimento dei nutrienti, presenti nel terreno e forniti con le concimazioni.

In questo lavoro sono stati analizzate:

-      le sostante Umiche che regolano numerose proprietà fisiche e chimiche del suolo e sono in grado di influenzare il metabolismo della pianta;

-      gli Estratti di Alghe, tali estratti possono contenere macro e microelementi, aminoacidi, vitamine e sostanze simili ai fitormoni naturali che influenzano il metabolismo cellulare, contribuendo ad un aumento di crescita, di produzione e di difesa della pianta. Gli estratti di alghe presi in esame sono: estratti di Laminaria digitata, che mostra indurre resistenza nei confronti di Botrytis cinerea e Plasmopara viticola, l'estratto di Ulva armoricana aiuta nei confronti dell’oidio, altri estratti come Ecklonia maxima e Ascophyllum nodosum possono essere utili nell'associazione ad altri principi attivi per combattere sia peronospora che oidio;

-      gli Idrolizzati Proteici,  costituiti da peptidi a catena più o meno lunga e L-amminoacidi (AA) liberi. La loro azione dipende molto dalle caratteristiche delle molecole, hanno importanti effetti sulla fisiologia della pianta e sulla qualità dei frutti. I principali idrolizzati proteici citati sono: estratti di Erba Medica, Epitelio Animale e estratto di Fabacee, ognuno ad azione stimolante sulla pianta, con vari effetti.

 

Nella strategia di difesa della pianta è importante conoscere i vari meccanismi naturali che sfruttano per combattere i patogeni, tra gli induttori di resistenza troviamo: il chitosano con attività significativa nei confronti di antracnosi , botrite, peronospora, oidio e Legno Nero, inoltre importate è il loro effetto sulla qualità del frutto; le cellodestrine hanno mostrato attività nei confronti della botrite e buone attività sono state riscontrate, anche dalle vitamine B1 e B2 nei confronti della peronospora.

Sono interessanti anche gli estratti vegetali di rabarbaro e frangola, salice, Reynoutria sachalinensis, Solidago canadensis, che meriterebbero ulteriori sperimentazioni e prove in campo.

Esiste, poi, la categoria dei corroboranti che include sostanze diverse da agrofarmaci e concimi e che si presta a includere anche gli induttori di resistenza, sostanze naturali che aiutano la difesa della pianta dai patogeni, con meccanismi d'azione chimico-fisica e meccanica, a seconda del prodotto, utilizzati come coadiuvanti, fungicidi o insetticidi di origine naturale.

Importanti studi sono stati fatti sul Mal dell’Esca e sull’utilizzo di biostimolanti in vigneti con piante affette da tale patologia con sintomo evidente non ha fornito risultati incoraggianti, però i dati ottenuti non escludono una possibile evoluzione delle ricerche limitatamente a impianti giovani, possibilmente esenti dalla malattia o almeno non ancora interessati da manifestazioni sintomatologiche, allo scopo di approfondire eventuali effetti associati a una maggiore resistenza della pianta alle infezioni. Come ogni prodotto, questa categoria di sostanze di origine naturale ha bisogno di molte sperimentazioni e prove in campo, ma dai primi risultati potremmo essere abbastanza fiduciosi sul loro contributo.

Pubblicata il 11/07/2018
Immagini
Schede correlate
  • di Francesco D’Ippolito, Università degli studi di Firenze
    L'entomofagia è una parola che deriva dal greco e significa: éntomos ‘insetto’ e phagein ‘mangiare’. E' un regime dietetico che vede gli insetti come alimento ed è una pratica diffusa presso molte ...
    Pubblicata il:20/06/2018
  • Risultato di interviste in 10 regioni vinicole
    Il documento descrive le pratiche osservate in campo in seno alle interviste realizzate durante il progetto Winetwork. Sono state realizzate 219 interviste in 10 regioni vitivinicole europee con l’...
    Pubblicata il:06/12/2016
  • Lucile PIC et Jacques MATHIEU ; GIE ICV VVS
    Per aiutare gli enologi a scegliere il metodo analitico migliore per prevenire la formazione di fenoli volatili e di note «animali» nei vini, gli autori hanno cercato di valutare con questo lavoro ...
    Prezzo:6 €(Iva inclusa)
    Pubblicata il:20/12/2016
  • Marongiu G. Et al.; AGRIS Sardegna, Cagliari – D.B.T.B.S Università Milano - Bicocca
    Una delle varietà di vite dimenticate che un tempo qualificava l'areale vitivinicolo della Sardegna Centrale è il vitigno Lacconargiu, a bacca bianca, oggi coltivato marginalmente nelle aree collin...
    Pubblicata il:19/12/2016
  • K. Rantsiou, V. Englezos, P. Risse, F. Cravero, F. Torchio, L. Rolle, L. Cocolin; Department of Agricultural, Food and Forest Sciences, University of
    Negli ultimi anni vi è un crescente interesse nelll'utilizzo di lieviti non-Saccharomyces per la produzione di vino. Tra le specie più promettenti, Candida zemplinina (sinonimo Starmerella bacillar...
    Pubblicata il:28/03/2017
  • G. Nicolini, T.R. Villegas, R. Larcher, S. Ingrassia, C. Barnaba, T. Nardin ; Centro Trasferimento Tecnologico, Fondazione E. Mach, Italia
    La variabilità nei contenuti vitaminici dei vini imputabile ai lieviti commerciali fermentanti in normali condizioni di vinificazione non è stata particolarmente indagata. Benché in tali contesti S...
    Pubblicata il:18/01/2017
© Vinidea srl 2016: Piazza I° Maggio, 20, 29028 Ponte dell'Olio (PC) - ITALY - P.Iva: 01286830334
Per contattarci segui questo link
Titolo del periodico: Rivista Internet di Viticoltura ed Enologia
Editore e proprietario: Vinidea Srl
Direttore Responsabile: Dott. Giordano Chiesa
Registro Stampa - Giornali e Periodici: iscrizione presso il Tribunale di Piacenza al n. 722 del 02/03/2018
ISSN 1826-1590
powered by Infonet Srl Piacenza
Privacy Policy
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Maggiori informazioniOK

- A +