italianoenglishfrançaisdeutschespañolportuguês
Lingua
Cerca nel sito
  • » Articoli Tecnici
  • » Uso dei Biostimolanti e induttori di resistenza in Viticoltura – Un possibile aiuto alla nutrizione e difesa della Vite

Uso dei Biostimolanti e induttori di resistenza in Viticoltura – Un possibile aiuto alla nutrizione e difesa della Vite

tesi di laurea in viticoltura ed enologia di Francesco BALDUCCI, Università di Firenze

Uso dei Biostimolanti e induttori di resistenza in Viticoltura – Un possibile aiuto alla nutrizione e difesa della Vite

La tutela dell’ambiente e della salute umana devono essere delle priorità nella gestione del vigneto: l’utilizzo di Biostimolanti e Induttori di Resistenza possono aiutare a limitare l’uso di fertilizzanti e fitofarmaci di sintesi.

Ad oggi,però, i Biostimolanti\Induttori di resistenza si trovano in una “Zona Grigia” della legislazione e sono collocati nella categoria dei fertilizzanti.

Una nutrizione corretta del terreno con apporto di macro e micro elementi è fondamentale per avere una pianta equilibrata e una produzione di qualità se si apportano gli elementi minerali secondo le necessità delle piante e le caratteristiche del Terroir.

L’uso di fertilizzanti fogliari ha dimostrato un grande aiuto nelle correzioni di carenze e come pratica annuale di supporto alla nutrizione della pianta ma la conoscenza e l’uso di sostanza ad azione Biostimolante può dare importanti miglioramenti a livello qualitativo e quantitativo nella produzione agricolo e vitivinicola.

Il meccanismo di azione di questi composti è basato sull’aumento dell’attività metabolica delle piante che permette di migliorare l’efficienza di assorbimento dei nutrienti, presenti nel terreno e forniti con le concimazioni.

In questo lavoro sono stati analizzate:

-      le sostante Umiche che regolano numerose proprietà fisiche e chimiche del suolo e sono in grado di influenzare il metabolismo della pianta;

-      gli Estratti di Alghe, tali estratti possono contenere macro e microelementi, aminoacidi, vitamine e sostanze simili ai fitormoni naturali che influenzano il metabolismo cellulare, contribuendo ad un aumento di crescita, di produzione e di difesa della pianta. Gli estratti di alghe presi in esame sono: estratti di Laminaria digitata, che mostra indurre resistenza nei confronti di Botrytis cinerea e Plasmopara viticola, l'estratto di Ulva armoricana aiuta nei confronti dell’oidio, altri estratti come Ecklonia maxima e Ascophyllum nodosum possono essere utili nell'associazione ad altri principi attivi per combattere sia peronospora che oidio;

-      gli Idrolizzati Proteici,  costituiti da peptidi a catena più o meno lunga e L-amminoacidi (AA) liberi. La loro azione dipende molto dalle caratteristiche delle molecole, hanno importanti effetti sulla fisiologia della pianta e sulla qualità dei frutti. I principali idrolizzati proteici citati sono: estratti di Erba Medica, Epitelio Animale e estratto di Fabacee, ognuno ad azione stimolante sulla pianta, con vari effetti.

 

Nella strategia di difesa della pianta è importante conoscere i vari meccanismi naturali che sfruttano per combattere i patogeni, tra gli induttori di resistenza troviamo: il chitosano con attività significativa nei confronti di antracnosi , botrite, peronospora, oidio e Legno Nero, inoltre importate è il loro effetto sulla qualità del frutto; le cellodestrine hanno mostrato attività nei confronti della botrite e buone attività sono state riscontrate, anche dalle vitamine B1 e B2 nei confronti della peronospora.

Sono interessanti anche gli estratti vegetali di rabarbaro e frangola, salice, Reynoutria sachalinensis, Solidago canadensis, che meriterebbero ulteriori sperimentazioni e prove in campo.

Esiste, poi, la categoria dei corroboranti che include sostanze diverse da agrofarmaci e concimi e che si presta a includere anche gli induttori di resistenza, sostanze naturali che aiutano la difesa della pianta dai patogeni, con meccanismi d'azione chimico-fisica e meccanica, a seconda del prodotto, utilizzati come coadiuvanti, fungicidi o insetticidi di origine naturale.

Importanti studi sono stati fatti sul Mal dell’Esca e sull’utilizzo di biostimolanti in vigneti con piante affette da tale patologia con sintomo evidente non ha fornito risultati incoraggianti, però i dati ottenuti non escludono una possibile evoluzione delle ricerche limitatamente a impianti giovani, possibilmente esenti dalla malattia o almeno non ancora interessati da manifestazioni sintomatologiche, allo scopo di approfondire eventuali effetti associati a una maggiore resistenza della pianta alle infezioni. Come ogni prodotto, questa categoria di sostanze di origine naturale ha bisogno di molte sperimentazioni e prove in campo, ma dai primi risultati potremmo essere abbastanza fiduciosi sul loro contributo.

Pubblicata il 11/07/2018
Schede correlate
© Vinidea srl 2016: Piazza I° Maggio, 20, 29028 Ponte dell'Olio (PC) - ITALY - P.Iva: 01286830334
Per contattarci segui questo link
Titolo del periodico: Rivista Internet di Viticoltura ed Enologia
Editore e proprietario: Vinidea Srl
Registro Stampa - Giornali e Periodici: iscrizione presso il Tribunale di Piacenza al n. 722 del 02/03/2018
ISSN 1826-1590
powered by Infonet Srl Piacenza
Privacy Policy
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Maggiori informazioniOK

- A +
ExecTime : 1,984375