italianoenglishfrançaisdeutschespañolportuguês
Lingua
Cerca nel sito
  • » Articoli Tecnici
  • » Vini rosati: impatto dell'affinamento proteico sulla composizione polifenolica e sul colore
  • Verifica filtrazione finale pre-imbottigliamento
    Imbottigliare con fiducia grazie a VERIFLOW BOTTLESAFE™
    Dalla creazione di Invisible Sentinel, Inc. nel 2006, allo sviluppo della sezione vino nel 2015 in collaborazione con Jackson Family Wines, fino all'acquisizione di bioMérieux nel 2019. L'ultima in...
    Pubblicata il: 30/11/2023

Vini rosati: impatto dell'affinamento proteico sulla composizione polifenolica e sul colore

Cécile Leborgne et al, Università di Montpellier | INRAE | Montpellier SupAgro & Institut Français de la Vigne et du Vin | Centre du Rosé (Francia)

Vini rosati: impatto dell'affinamento proteico sulla composizione polifenolica e sul colore

Il colore è uno degli elementi chiave nella commercializzazione dei vini rosati. La loro ampia gamma di colori è dovuta alla presenza di pigmenti rossi (cioè antociani e loro derivati) e gialli, tra cui probabilmente i prodotti di ossidazione dei polifenoli.

Gli agenti chiarificanti sono ampiamente utilizzati nell'industria enologica per migliorare la stabilità del vino e per modulare il colore del vino legando e facendo precipitare i polifenoli. In questo studio è stato analizzato l'impatto di quattro diversi agenti chiarificanti (due proteine vegetali, le proteine di patata e di pisello, una proteina animale, la caseina, e un polimero sintetico, il polivinilpolipirrolidone, PVPP) sul colore del rosato Syrah e sulla composizione fenolica (in particolare sui pigmenti).

Il colore è stato caratterizzato dall'analisi spettrofotometrica con il sistema CIELab, oltre che dai dati di assorbanza. La chiarifica con PVPP ha avuto il massimo impatto sui parametri di rossore (a*) e luminosità (L*), mentre la patatina ha ridotto fortemente la componente gialla (b*) del colore del vino.

Parallelamente, la concentrazione di 125 composti fenolici, tra cui 85 antociani e pigmenti derivati, è stata determinata mediante cromatografia liquida ad altissima prestazione accoppiata alla spettrometria di massa a triplo quadrupolo con ionizzazione elestrospray (UHPLC-QqQ-ESI-MS) in modalità di monitoraggio delle reazioni multiple. I risultati hanno confermato l'affinità del PVPP verso i flavan-3-oli e le antocianine, in particolare le antocianine coumaroilate, come già dimostrato in precedenza.

L'analisi chemiometrica dei dati relativi al colore e alla composizione ha rivelato un legame tra il rossore (a*) e la luminosità (L*) in relazione alle concentrazioni di antociani e flavan-3-oli nativi. Tuttavia, nessun marcatore specifico è stato associato alla patatina, suggerendo il coinvolgimento di altri pigmenti nella componente gialla (b*).

Ulteriori dati sono stati acquisiti sullo stesso set di campioni mediante metabolomica non mirata utilizzando la cromatografia liquida ad altissima prestazione accoppiata a uno spettrometro di massa ad alta risoluzione (UHPLC-HR-MS). I nostri risultati confermano quelli dell'analisi mirata, dimostrando una particolare affinità del PVPP per le antocianine native e i flavan-3-oli, ma anche per i flavonoli e gli stilbeni. Sono stati identificati anche i marcatori di ciascun trattamento di finissaggio.

Il trattamento di finitura con PVPP ha rivelato una forte diminuzione del colore del vino rosato, soprattutto per quanto riguarda la componente di rossore (a*), legata alla perdita di composti fenolici come gli antociani nativi. Sono in corso ulteriori indagini volte a rivelare i marcatori della componente gialla (b*) da dati di analisi non mirati.

Poster presentato al Macrowine virtual (23-30 giugno 2021)

Pubblicata il 18/10/2022
Disponibile in english francais spagnolo portoghese
Schede correlate
    Il ruolo della tiamina nelle fermentazioni lente
    James Duncan e Benoit Divol | Università di Stellenbosch, Sudafrica
    Ecco alcune informazioni utili per evitare che la carenza di tiamina rallenti le fermentazioni.
    Pubblicata il:18/09/2023
    Cos'è l'instabilità dei vini e quali sono le conseguenze sul prodotto?
    Giovanna Fia | Università degli Studi di Firenze, Italia; progetto VINTEGRO
    Instabilità è un termine generico definito come la tendenza a cambiare, anche repentinamente. Questa definizione delinea una situazione di incertezza, che traslata nel settore enologico significa c...
    Pubblicata il:28/06/2023
    SalViBio: dalla biodiversità viticola locale nuove opportunità per l’adattamento della viticoltura al cambiamento climatico
    Pier Giorgio Bonicelli et al.; Università cattolica del Sacro Cuore, Piacenza
    Una delle sfide impellenti per la viticoltura italiana è quella di trovare nuove soluzioni per fronteggiare il cambiamento climatico. L’aumento delle temperature e la carenza di precipitazioni hann...
    Pubblicata il:07/06/2023
    Lievito demalicante per preservare l’acidità del vino
    Degradazione dell'acido malico e produzione di acido ossalacetico, lattico da parte dei S.cerevisiae (LEREMY FR1684) durante FA
    Selezionato un ceppo di lievito e sviluppato un protocollo specifico per svolgere la FA e contemporaneamente degradare l’acido malico nelle prime fasi, permettendo di avere un vino stabile microbio...
    Pubblicata il:14/05/2023
    Tecnologie innovative di criomacerazione
    Risultati preliminari della produzione di vini rosati da uve di bombino nero
    Effetto di tre tecniche di gestione del pigiadiraspato sulla frazione fenolica, sui composti volatili e sulle caratteristiche sensoriali di vini rosati ottenuti da uve Bombino Nero attraverso macer...
    Pubblicata il:09/05/2023
    Lieviti fruttofili: conseguenze della selezione dei ceppi di lievito
    Jason Mabbett, Technical Applications Manager, AB Biotek
    Storicamente sono molte le cause attribuite all'arresto e alla lentezza delle fermentazioni. Tra queste figurano fattori legati al vigneto e alla viticoltura (Brix elevati alla vendemmia, carenze n...
    Pubblicata il:24/03/2023
© Vinidea srl 2016: Piazza I° Maggio, 20, 29028 Ponte dell'Olio (PC) - ITALY - P.Iva: 01286830334
Per contattarci segui questo link
Titolo del periodico: Rivista Internet di Viticoltura ed Enologia
Editore e proprietario: Vinidea Srl
Registro Stampa - Giornali e Periodici: iscrizione presso il Tribunale di Piacenza al n. 722 del 02/03/2018
ISSN 1826-1590
powered by Infonet Srl Piacenza
- A +
ExecTime : 2,078125