italianoenglishfrançaisdeutschespañolportuguês
Lingua
Cerca nel sito

Y-TEAM - Sistema di Gestione Integrato dei Lieviti

Raffaele LOPREIATO – Università degli studi di Padova; Paolo ANTONIALI – Italiana Biotecnologie; Francesco RUSALEN – EVER srl

Y-TEAM -    Sistema di Gestione Integrato dei Lieviti


2018: Oltre la certificazione

Per garantire la propria clientela EVER, avviò già dal 2007, in collaborazione con AQA (Istituto San Michele all'Adige), la certificazione di prodotto per il lievito secco attivo enologico definendolo “Lievito ad alta vitalità e purezza”, fino ad arrivare allo standard DTP 100 sotto il controllo di CSQA.

Ci si rese conto precocemente che basarsi solo su alcune caratteristiche chimico- fisiche o microbiologiche non garantiva in maniera completa il cliente in quanto ci si concentrava solo sulla parte finale del processo produttivo.

Da questa osservazione nacque l’esigenza di un "approccio “globale che compendiasse tutte le fasi del processo partendo dalla selezione dei ceppi, attraverso la caratterizzazione genomica ed il sequenziamento, la gestione della collezione, la gestione della moltiplicazione del LSA, il controllo qualitativo, il corretto confezionamento e immagazzinamento, fino alla distribuzione e l’applicazione dell’idonea procedura di reidratazione.

Tutto questo è realizzato attraverso il metodo esclusivo Y-TEAM: presentato per la prima volta all’ENOFORUM 2015 a Vicenza, nel corso del quale sono stati illustrati i punti salienti del progetto, rappresenta oggi il fiore all’occhiello dell’attività di R&D di Ever per le biotecnologie.

Tutti i lieviti della gamma MYCOFERM sono selezionati, prodotti e distribuiti secondo le procedure definite nel protocollo Y-TEAM.

Evoluzione da “collezione di ceppi” a “collezione caratterizzata”
Collezionare ceppi di lievito non è funzionale se non si è in grado di conoscerne le caratteristiche genetiche e fisiologiche, tantomeno se non vengono definiti i suoi attributi tecnologici.
Caratterizzare un ceppo di lievito comporta la sua definizione, mettendone in rilievo le sue caratteristiche. Le caratteristiche di un ceppo di lievito sono riconducibili a tre diverse conoscenze: genetiche, fisiologiche, tecnologiche.

Y-TEAM
ATTIVITA’ IN CORSO

Gestione della produzione:
Dalla ceppoteca viene preparata la “work colture” che viene immediatamente controllata dal punto di vista genetico confrontandola con il ceppo “reference”. Qualora venga superato il test genetico si procede con l’invio della coltura allo stabilimento di produzione, viceversa va ripetuta la preparazione della coltura.

Una volta giunto allo stabilimento di produzione si procede alla moltiplicazione della biomassa, alla sua centrifugazione, estrusione, essicamento e confezionamento secondo la procedura precedentemente illustrata, secondo la “ricetta di produzione” stabilità.

Una volta ottenuto il prodotto esso viene controllato secondo tutti i parametri: genetici, microbiologici, qualitativi e solo dopo il superamento di tutti i requisiti il lotto viene accettato e giudicato idoneo per la commercializzazione

Supporto applicativo
Y-TEAM avendo svolto un grosso lavoro di caratterizzazione dei ceppi è in grado di fornire assistenza all’enologo sia per quanto riguarda il corretto impiego, consigliando quindi il ceppo od il protocollo più indicato all’ottenimento del risultato cercato, ma anche di intervenire studiando soluzioni dedicate relativamente alle più varie problematiche presenti a livello aziendale, quali : protocolli di reidratazione dedicati, protocolli fermentativi/rifermentativi dedicati, gestione di fermentazioni difficili a causa di condizioni ambientali/trofiche/di substrato avverse.
Questo aspetto va a chiudere il cerchio iniziato con la selezione del ceppo e che convenientemente viene a concludersi con il corretto impiego dello stesso, fornendo allo stesso tempo un feed-back utile alla predisposizione di nuove attività sempre aggiornate ed in sintonia con le richieste della moderna enologia.

Y-TEAM non solo per i lieviti…
Il modello gestionale dei lieviti essiccati è stato applicato anche ai derivati di lievito. I criteri che hanno guidato le scelte strategiche ed operative necessarie alla realizzazione dei punti cardine sui quali imperniare una sempre più ottimizzata, perfezionata e personalizzata gestione dei derivati di lievito, sono i seguenti:

  • Identificazione dei parametri analitici essenziali per la classificazione qualitativa dei prodotti;
  • Caratterizzazione chemiometrica dei prodotti disponibili sul mercato;
  • Attribuzione della qualifica di “best in class” per ciascuna categoria di prodotti;
  • Prove funzionali di applicazione enologica;
  • Feed back per la riprogettazione ed il perfezionamento dei prodotti finiti.


Le fasi sopra descritte hanno fornito due livelli interpretativi, da una parte fissare le basi per un sistema di gestione della qualità e, dall’altra, stimolare nuovi approcci per gli sviluppi futuri. In particolare siamo orientati alla caratterizzazione dei ceppi della collezione in funzione delle loro attitudini ad essere utilizzati per la produzione di frazioni cellulari/molecolari da impiegarsi nelle formulazioni dei derivati di lievito (autolisati, scorze di lieviti, lieviti inattivi, mannoproteine, ecc). 

Scopri di più su http://www.ever.it/it/lieviti-selezionati.html

Nel seguente link è possibile visualizzare le presentazioni di Paolo Antoniali e Raffaele Lopreiato sulla messa a punto del metodo Y-TEAM:
“Yeast-Total Enhancement Advanced Method“: sistema di gestione integrato dei lieviti enologici

Pubblicata il 25/06/2018
Disponibile in english spagnolo
Schede correlate
  • di Francesco D’Ippolito, Università degli studi di Firenze
    L'entomofagia è una parola che deriva dal greco e significa: éntomos ‘insetto’ e phagein ‘mangiare’. E' un regime dietetico che vede gli insetti come alimento ed è una pratica diffusa presso molte ...
    Pubblicata il:20/06/2018
  • tesi di laurea in viticoltura ed enologia di Alessio Sostegni
    Obiettivo della presente tesi era di analizzare gli effetti sinergici che etanolo e temperatura hanno sul metabolismo di Saccharomyces cerevisiae, per poter comprendere meglio l’arresto di fermenta...
    Pubblicata il:12/09/2018
  • Risultato di interviste in 10 regioni vinicole
    Il documento descrive le pratiche osservate in campo in seno alle interviste realizzate durante il progetto Winetwork. Sono state realizzate 219 interviste in 10 regioni vitivinicole europee con l’...
    Pubblicata il:06/12/2016
  • Valerio Carinci, Centro Enologico Meridionale srl – Chieti – Italia
    La bentonite, è uno dei coadiuvanti più utilizzati nel mondo enologico, grazie alle sue doti di stabilizzazione proteica, regolazione della fermentazione e azione chiarificante; per queste sue cara...
    Pubblicata il:10/08/2018
  • Lucile PIC et Jacques MATHIEU ; GIE ICV VVS
    Per aiutare gli enologi a scegliere il metodo analitico migliore per prevenire la formazione di fenoli volatili e di note «animali» nei vini, gli autori hanno cercato di valutare con questo lavoro ...
    Prezzo:6 €(Iva inclusa)
    Pubblicata il:20/12/2016
  • Marongiu G. Et al.; AGRIS Sardegna, Cagliari – D.B.T.B.S Università Milano - Bicocca
    Una delle varietà di vite dimenticate che un tempo qualificava l'areale vitivinicolo della Sardegna Centrale è il vitigno Lacconargiu, a bacca bianca, oggi coltivato marginalmente nelle aree collin...
    Pubblicata il:19/12/2016
© Vinidea srl 2016: Piazza I° Maggio, 20, 29028 Ponte dell'Olio (PC) - ITALY - P.Iva: 01286830334
Per contattarci segui questo link
Titolo del periodico: Rivista Internet di Viticoltura ed Enologia
Editore e proprietario: Vinidea Srl
Direttore Responsabile: Dott. Giordano Chiesa
Registro Stampa - Giornali e Periodici: iscrizione presso il Tribunale di Piacenza al n. 722 del 02/03/2018
ISSN 1826-1590
powered by Infonet Srl Piacenza
Privacy Policy
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Maggiori informazioniOK

- A +