italianoenglishfrançaisdeutschespañolportuguês
Lingua
Cerca nel sito
  • » Difesa della vite
  • » Indagine sulla tolleranza della vite selvatica europea (Vitis vinifera subsp. sylvestris) nei confronti della fillossera (Daktulosphaira vitifoliae Fitch)
  • Agrigenius Vite, il DSS di BASF per la viticoltura sostenibile e di precisione
    Il Gruppo amplia la propria offerta e si afferma sempre più nel mercato come fornitore di soluzioni complete per l’agricoltura
    È completamente “made in Italy” il primo servizio digitale della divisione Agricultural Solutions di BASF: si tratta di Agrigenius - Il tutor per l’agricoltura”, un sistema di supporto alle decisio...
    Pubblicata il: 17/12/2020

Indagine sulla tolleranza della vite selvatica europea (Vitis vinifera subsp. sylvestris) nei confronti della fillossera (Daktulosphaira vitifoliae Fitch)

D. Campus, G. Marongiu, L. Otgianu, M. Farci, G. Pili, G. Lovicu; AGRIS Sardegna, Cagliari (Italy)

Indagine sulla tolleranza della vite selvatica europea (Vitis vinifera subsp. sylvestris) nei confronti della fillossera (Daktulosphaira vitifoliae Fitch)

La vite selvatica in Sardegna è uscita quasi indenne dall'arrivo della fillossera della vite durante il XIX secolo. In particolare, le indagini svolte nell'isola, se da un lato confermano la presenza degli stessi agenti patogeni che caratterizzano la specie coltivata, d'altra parte hanno dimostrato che la presenza della fillossera non costituisce certamente un problema significativo per la vite selvatica sarda, anche in siti vicino ai vigneti infetti.

L'obiettivo di questa indagine preliminare è quello di valutare la resistenza alla fillossera di alcune accessioni di vite selvatica, raccolte in diverse aree della Sardegna.

Durante l'inverno del 2010, sono state propagate talee da 13 accessioni di Vitis sylvestris, messe a confronto con barbatelle auto radicate di una varietà autoctona (Muristellu) e con il portinnesto Berlandieri x Rupestris 779P.

Tutte le accessioni sono state sottoposte all'infezione della filossera e sono state riesaminate dopo circa due anni: le barbatelle di vitigni di uve coltivate erano altamente infestate dalle galle dell’afide, mentre quasi tutte le viti selvatiche, che sono risultate generalmente indenni da virus, hanno evidenziato un comportamento simile a quello del portainnesto 779P.

Poster presentato a Enoforum 2015, 5-7 Maggio, Vicenza (Italia)

 

Pubblicata il 27/01/2017
Schede correlate
© Vinidea srl 2016: Piazza I° Maggio, 20, 29028 Ponte dell'Olio (PC) - ITALY - P.Iva: 01286830334
Per contattarci segui questo link
Titolo del periodico: Rivista Internet di Viticoltura ed Enologia
Editore e proprietario: Vinidea Srl
Registro Stampa - Giornali e Periodici: iscrizione presso il Tribunale di Piacenza al n. 722 del 02/03/2018
ISSN 1826-1590
powered by Infonet Srl Piacenza
Privacy Policy
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Maggiori informazioniOK

- A +
ExecTime : 1,65625