italianoenglishfrançaisdeutschespañolportuguês
Lingua
Cerca nel sito
  • » Fisiologia della vite
  • » Nuova tecnica di gestione della vegetazione per ritardare la maturazione dell'uva
  • Aiutare l’espressione aromatica varietale in vigneto
    Rivedi il modulo viticolo Lallemand di Enoforum
    Per mitigare gli effetti del cambiamento climatico Lallemand ha sviluppato LalVigne™ Aroma, specifico lievito inattivo ad applicazione fogliare all’invaiatura, che consente un aumento dell’accumulo...
    Pubblicata il: 17/06/2021

Nuova tecnica di gestione della vegetazione per ritardare la maturazione dell'uva

Nuova tecnica di gestione della vegetazione per ritardare la maturazione dell'uva

Ci sono diverse tecniche per la gestione della vegetazione del vigneto, come la potatura tardiva o la cimatura severa, che riescono a ritardare la maturazione delle uve fino a quindici o venti giorni. La combinazione di entrambe le tecniche, permette un ritardo anche di un mese. Tale ritardo è considerato sufficiente per arrivare ad una data di raccolta, nella maggior parte delle aree viticole, caratterizzata da condizioni ambientali più fredde.

Ma ci sono luoghi estremamente caldi, come quelli situati nelle regioni IV e V di Winkler, con più di 1.950 ° C tra aprile e ottobre, dove le uve vengono raccolte ai primi di agosto (per esempio, Montilla-Moriles e Ribera del Guadiana, in Spagna). In questi casi, con un ritardo nella maturazione di un mese, la raccolta avverrà all'inizio di settembre, quando le temperature sono comunque ancora troppo alte. In questi casi, per ottenere condizioni più fresche dovremmo ritardare la maturazione delle uve di 2-3 mesi, ma le tecniche citate non sono sufficienti.

Per ottenere un ritardo nella maturazione di almeno due mesi, viene proposta una nuova tecnica basata sulla forzatura di un nuovo sviluppo della vite a partire da gemme di nuova formazione. Si tratta di una interessante tecnica per combattere gli effetti del riscaldamento climatico in zone viticole particolarmente calde, che consiste nel tagliare i rami che crescono verso il mese di giugno, lasciando parecchi nodi al fine di costringere lo sviluppo di nuovi germogli. In questo modo, oltre a tagliare i rami all'altezza desiderata, vengono rimosse le foglie e le possibili infiorescenze o grappoli dei nodi lasciati.

Il primo lavoro svolto in Spagna con questa tecnica è iniziato nel 2015 ed aveva l’obiettivo di determinare la tempistica ottimale considerando lo sviluppo della vite e il ritardo della maturazione delle uve.

Maggiori informazioni:

Martínez de Toda, F., García, J., Balda, P. (2019) Preliminary results on forcing vine regrowth to delay ripening to a cooler period. Vitis, 58, 17-22. 

Martínez de Toda: ricerca presentata alla 12ª edizione di Enoforum  (Zaragoza, Spagna, 31 maggio-1 giugno 2018): “Vineyard techniques of canopy management to mitigate the effects of global warming

Pubblicata il 18/06/2019
Disponibile in english francais spagnolo
Schede correlate
    Analisi e composizione delle uve
    Infowine Focus
    una selezione di contenuti dall'archivio di Infowine per approfondire il tema dell'analisi e composizione delle uve in vista della prossima vendemmia
    Pubblicata il:08/08/2019
    Maturazione delle uve
    Infowine Focus
    Un estratto dei contenuti di Infowine per approfondire un tema fondamentale per l'ottimizzazione della vendemmia
    Pubblicata il:08/08/2019
    10 anni di successi nell’aumentare i gradi Brix
    In dieci anni di prove, il biostimolante vegetale ILSAC-ON ha sempre aumentato i gradi Brix alla vendemmia su tutti i principali vitigni italiani
    ILSA festeggia dieci anni di prove di sviluppo in campo del padre dei suoi biostimolanti, ILSAC-ON, completamente vegetale. Coniugando materia prima (tessuti di piante della famiglia delle Fabaceae...
    Pubblicata il:26/04/2021
    12ª Giornata tecnica Vite e Vino: calo della produzione, ma grande annata per basi spumante e vini da invecchiamento
    Focus tecnico sull'andamento stagionale fitosanitario, qualità dei vini, flavescenza e cimice
    Il 2019 sarà ricordato per un calo della produzione di uve del 15 per cento, ma la qualità dei vini ottenuti si mantiene oltre le aspettative, soprattutto per le basi spumante e i vini da invecchia...
    Pubblicata il:10/12/2019
    1ª edizione Premio CARLO MICONI per una tesi di dottorato in Enologia
    Il premio intende valorizzare le attività di ricerca che abbiano portato un valido contributo, sul piano scientifico, applicativo e divulgativo, nel settore dell’analisi chimico-enologica applicata.
    Pubblicata il:05/02/2018
© Vinidea srl 2016: Piazza I° Maggio, 20, 29028 Ponte dell'Olio (PC) - ITALY - P.Iva: 01286830334
Per contattarci segui questo link
Titolo del periodico: Rivista Internet di Viticoltura ed Enologia
Editore e proprietario: Vinidea Srl
Registro Stampa - Giornali e Periodici: iscrizione presso il Tribunale di Piacenza al n. 722 del 02/03/2018
ISSN 1826-1590
powered by Infonet Srl Piacenza
Privacy Policy
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Maggiori informazioniOK

- A +
ExecTime : 2,75