italianoenglishfrançaisdeutschespañolportuguês
Lingua
Cerca nel sito
  • Invaiatura breve e uva di qualità: ecco la connessione
    ILSA in collaborazione con la Fondazione Edmund Mach ha individuato un protocollo biologico per aumentare il potenziale in polifenoli delle uve rosse
    L’uniformità di maturazione delle uve rosse porta ad un aumento dell’estraibilità del colore. ILSA in collaborazione con la Fondazione Edmund Mach ha individuato un protocollo biologico per aumenta...
    Pubblicata il: 15/05/2022

Abbinamento fra vino e alimenti a base di insetti

di Francesco D’Ippolito, Università degli studi di Firenze

L'entomofagia è una parola che deriva dal greco e significa: éntomos ‘insetto’ e phagein ‘mangiare’. E' un regime dietetico che vede gli insetti come alimento ed è una pratica diffusa presso molte popolazioni del pianeta.

Perché mangiare gli insetti? Nel complesso si può promuovere l'entomofagia per tre motivi:
Per la salute, perché gli insetti sono naturali e nutritivi; ricchi di sali minerali quali calcio, ferro e zinco. Sono una grande fonte di proteine e grassi salutari e quindi un’ottima alternativa alimentare.
Per l'impatto ambientale, poiché emettono considerevolmente meno gas serra della maggior parte del bestiame. Inoltre l'allevamento non è necessariamente un'attività a terra e le emissioni di ammoniaca sono notevolmente inferiori rispetto al bestiame convenzionale.
Per il sostentamento economico e sociale.

La domanda qui sorge spontanea, cosa posso bere assieme al mio bel piatto di insetti? 

Questi sono solo alcuni degli abbinamenti proposti: 

  • Le locuste ricoperte di cioccolato, che sono un piatto saporito tra il gusto salato simile ai semi di girasole e il dolce del cioccolato, con un vino passito carico di aromi, come un Recioto del Soave, un Moscato D'asti o un Primitivo di Manduria.
  • Le larve del punteruolo rosso della palma dal gusto simile al bacon con un grande rosso strutturato come un Shiraz, un Chianti o un Aglianico potente.
  • I grilli, ricordano vagamente la nocciola e vengono accostati a un vino bianco corposo come un Albariño, un Verdicchio o un Müller Thurgau.

 

In allegato potete approfondire leggendo la Tesi di Laurea di Francesco D'Ippolito.

Pubblicata il 20/06/2018
Immagini
Schede correlate
© Vinidea srl 2016: Piazza I° Maggio, 20, 29028 Ponte dell'Olio (PC) - ITALY - P.Iva: 01286830334
Per contattarci segui questo link
Titolo del periodico: Rivista Internet di Viticoltura ed Enologia
Editore e proprietario: Vinidea Srl
Registro Stampa - Giornali e Periodici: iscrizione presso il Tribunale di Piacenza al n. 722 del 02/03/2018
ISSN 1826-1590
powered by Infonet Srl Piacenza
- A +
ExecTime : 1,921997