italianoenglishfrançaisdeutschespañolportuguês
Lingua
Cerca nel sito
  • » Igiene di cantina
  • » Brettanomyces: la presenza, la crescita e gli effetti sull’aroma del vino
  • La stabilità tartarica ad "alte temperature"
    Negli ultimi anni abbiamo assistito all’impennata dei costi energetici con conseguente impatto sui bilanci delle cantine. Uno dei processi più energivori riguarda le pratiche per il raggiungimento ...
    Pubblicata il: 23/02/2024

Brettanomyces: la presenza, la crescita e gli effetti sull’aroma del vino

Torey ARVIK, Thomas HENICK-KLING, Cornell University,New York State Agricultural Experiment Station, Geneva, NY

Una rassegna sul tema di Brettanomyces fatto dal gruppo di Thomas Henick-Kling, considerato uno dei maggiori esperti mondiali sull’argomento. Dopo aver chiarito il significato di Dekkera, si descrivono gli effetti di Brett nel vino, il suo ruolo nella produzione della birra inglese (ale), il comportamento del microrganismo (con la produzione di 4-etilfenolo, ma non solo), le dinamiche di contaminazione e gli effetti sull’aroma. Si fa cenno quindi a nuove metodiche di identificazione precoce del contaminante.
Pubblicata il 24/01/2005
Schede correlate
© Vinidea srl 2016: Piazza I° Maggio, 20, 29028 Ponte dell'Olio (PC) - ITALY - P.Iva: 01286830334
Per contattarci segui questo link
Titolo del periodico: Rivista Internet di Viticoltura ed Enologia
Editore e proprietario: Vinidea Srl
Registro Stampa - Giornali e Periodici: iscrizione presso il Tribunale di Piacenza al n. 722 del 02/03/2018
ISSN 1826-1590
powered by Infonet Srl Piacenza
- A +
ExecTime : 1,453125