italianoenglishfrançaisdeutschespañolportuguês
Lingua
Cerca nel sito
  • » Infowine Premium
  • » I composti volatili nei vini bianchi dopo la fermentazione senza solfiti aggiunti in presenza di chitosano
  • Lieviti ad inoculo diretto
    SAFŒNO E2U™
    HTS e Fermentis propongono sul mercato lieviti certificati Easy-to-Use (E2U™) garantendo alti standard qualitativi, flessibilità, semplicità di utilizzo e sostenibilità agli enologi di tutto il mon...
    Pubblicata il: 16/05/2023

I composti volatili nei vini bianchi dopo la fermentazione senza solfiti aggiunti in presenza di chitosano

A. Castro-Marin, A. Gabriela Buglia, F. Chinnici, C. Riponi; Dipartimento di Scienze e Tecnologie Agro-Alimentari — DISTAL, Università di Bologna

I composti volatili nei vini bianchi dopo la fermentazione senza solfiti aggiunti in presenza di chitosano

Il chitosano è il prodotto della deacetilazione della chitina, un omopolimero della n-acetil-glucosamina, estratto dalle conchiglie, insetti o fonti fungine. Le sue proprietà di chelazione dei metalli, di antiossidante poliedrico e di azione contro i radicali superossidi e ossidrili lo rendono un prodotto naturale molto interessante in campo alimentare e agricolo.

L’utilizzo del chitosano è stato autorizzato nei mosti e nei vini per la stabilizzazione microbica o per la rimozione dei metalli e delle proteine (‘Commission Regulation (EU) 53/2011 del 21 gennaio 2011’) ma il suo utilizzo come antiossidante è ancora scarsamente studiato.

Lo scopo di questo lavoro è di studiare gli effetti dell’aggiunta in fermentazione del chitosano nei vini bianchi privi di solfiti. Sono state analizzate le differenze tra i vini bianchi vinificati con aggiunta di solfiti e i vini bianchi senza anidride solforosa a fine fermentazione e dopo 12 mesi di conservazione.

Pubblicata il 13/02/2019
Disponibile in francais
Area Contenuti Premium
  • APRI E LEGGI L'ARTICOLO
Prezzo:15 €(Iva inclusa)
Schede correlate
    Vinificazione rossi
    Infowine Focus
    L'uso delle proprietà di fluorescenza dei composti fenolici può aiutare a quantificare il contenuto fenolico in modo non invasivo, ma nel caso in cui si debba procedere con l'uso dei tannini enolog...
    Pubblicata il:06/10/2022
    Gestione di Ossigeno, acetaldeide e anidride solforosa
    Infowine Focus
    L'invecchiamento del vino è un processo ossidativo in cui l'Ossigeno molecolare è attivato da alcuni composti fenolici e dalla presenza di ioni metallici di transizione, come Ferro o Rame. Poiché l...
    Pubblicata il:15/09/2022
    Diversità in vinificazione
    Infowine Focus
    Produrre un vino in base al nostro obiettivo enologico, voler esprimere la varietà, ma adattare le pratiche in base alle condizioni sanitarie dell'uva, è sperimentazione continua. Riproponiamo alcu...
    Pubblicata il:31/08/2022
    Vini spumanti
    Infowine Focus
    Per la produzione di vini spumanti di qualità, è importante garantire la separazione dei profili fenolici corretti delle frazioni di mosto. Scoprite come la spettroscopia UV-Visibile, insieme alla ...
    Pubblicata il:10/08/2022
    Tannini enologici e ossidazione dei vini
    Infowine Focus
    L’ossidazione è uno dei principali fenomeni che modificano la qualità del vino. Può avvenire in tutti i vini e riguarda tutte le caratteristiche sensoriali...
    Pubblicata il:17/01/2022
    Aroma e gusto del vino
    Infowine Focus
    Fattori chimici, biochimici e fisiologici influenzano la composizione dell'aroma retronasale durante il consumo di vino, ma non solo i tannini influenzano la percezione in bocca: anche gli antocian...
    Pubblicata il:29/12/2021
© Vinidea srl 2016: Piazza I° Maggio, 20, 29028 Ponte dell'Olio (PC) - ITALY - P.Iva: 01286830334
Per contattarci segui questo link
Titolo del periodico: Rivista Internet di Viticoltura ed Enologia
Editore e proprietario: Vinidea Srl
Registro Stampa - Giornali e Periodici: iscrizione presso il Tribunale di Piacenza al n. 722 del 02/03/2018
ISSN 1826-1590
powered by Infonet Srl Piacenza
- A +
ExecTime : 2,28125