italianoenglishfrançaisdeutschespañolportuguês
Lingua
Cerca nel sito
  • » Infowine Premium
  • » Schizosaccharomyces japonicus inattivato: un nuovo bio-coadiuvante per la stabilizzazione proteica dei vini
  • Verifica filtrazione finale pre-imbottigliamento
    Imbottigliare con fiducia grazie a VERIFLOW BOTTLESAFE™
    Dalla creazione di Invisible Sentinel, Inc. nel 2006, allo sviluppo della sezione vino nel 2015 in collaborazione con Jackson Family Wines, fino all'acquisizione di bioMérieux nel 2019. L'ultima in...
    Pubblicata il: 30/11/2023

Schizosaccharomyces japonicus inattivato: un nuovo bio-coadiuvante per la stabilizzazione proteica dei vini

Paola Domizio | Università di Firenze

<i>Schizosaccharomyces japonicus</i> inattivato: un nuovo bio-coadiuvante per la stabilizzazione proteica dei vini

Attualmente, il trattamento più comunemente utilizzato per la stabilizzazione delle proteine nelle cantine è un trattamento sottrattivo e consiste nell'aggiunta di bentonite, un'argilla a scambio cationico. Questo trattamento, sebbene molto efficace, presenta diversi inconvenienti, tra cui in particolare la rimozione di importanti composti aromatici e la perdita di vino. A causa delle numerose implicazioni negative associate all'uso della bentonite, nel corso degli anni sono state esplorate diverse alternative al suo utilizzo, alcune delle quali sono ancora in fase di sperimentazione. Ad oggi, tuttavia, nessuna di queste alternative si è rivelata soddisfacente.

Anche preparazioni commerciali di polisaccaridi di lievito, in particolare mannoproteine, sono state proposte per la stabilizzazione colloidale del vino. Tuttavia, nonostante i molteplici effetti positivi associati alle mannoproteine, l'efficacia della maggior parte delle mannoproteine esogene commerciali di Saccharomyces è molto limitata.

Al giorno d'oggi, i derivati inattivati del lievito (IDY) stanno attirando l'attenzione anche per il loro potenziale antiossidante, la lavorazione tecnologica e le proprietà sensoriali. Tuttavia, quelli attualmente in commercio sono ottenuti solo dalla biomassa di Saccharomyces cerevisiae e contribuiscono solo in minima parte alla stabilizzazione delle proteine. In un lavoro precedente, è stato osservato che i polisaccaridi rilasciati da un ceppo di Schizosaccharomyces japonicus contribuiscono positivamente alla stabilità proteica del vino. In questo lavoro è stato valutato l'impatto di questo ceppo di Schizosaccharomyces japonicus, inattivato termicamente (SchIDY), sulla stabilità proteica di vini bianchi e rosati, ottenendo miglioramenti significativi non solo nella stabilità proteica ma anche in quella tartarica.

La relazione riprodotta in questo filmato è stata presentata alla 18ª edizione di Enoforum (Vicenza, 16-18 maggio 2023)

Questo contenuto Premium e tutti i contenuti Premium pubblicati nella rivista possono essere consultati con l'abbonamento annuale a Infowine Premium a soli 60 €! (clicca qui)

Pubblicata il 26/10/2023
Area Contenuti Premium
  • VIDEO SEMINARIO (Paola DOMIZIO, streaming 15 minuti)
Prezzo:27 €(Iva inclusa)
Schede correlate
    Vinificazione rossi
    Infowine Focus
    L'uso delle proprietà di fluorescenza dei composti fenolici può aiutare a quantificare il contenuto fenolico in modo non invasivo, ma nel caso in cui si debba procedere con l'uso dei tannini enolog...
    Pubblicata il:06/10/2022
    Gestione di Ossigeno, acetaldeide e anidride solforosa
    Infowine Focus
    L'invecchiamento del vino è un processo ossidativo in cui l'Ossigeno molecolare è attivato da alcuni composti fenolici e dalla presenza di ioni metallici di transizione, come Ferro o Rame. Poiché l...
    Pubblicata il:15/09/2022
    Diversità in vinificazione
    Infowine Focus
    Produrre un vino in base al nostro obiettivo enologico, voler esprimere la varietà, ma adattare le pratiche in base alle condizioni sanitarie dell'uva, è sperimentazione continua. Riproponiamo alcu...
    Pubblicata il:31/08/2022
    Vini spumanti
    Infowine Focus
    Per la produzione di vini spumanti di qualità, è importante garantire la separazione dei profili fenolici corretti delle frazioni di mosto. Scoprite come la spettroscopia UV-Visibile, insieme alla ...
    Pubblicata il:10/08/2022
    Tannini enologici e ossidazione dei vini
    Infowine Focus
    L’ossidazione è uno dei principali fenomeni che modificano la qualità del vino. Può avvenire in tutti i vini e riguarda tutte le caratteristiche sensoriali...
    Pubblicata il:17/01/2022
    Aroma e gusto del vino
    Infowine Focus
    Fattori chimici, biochimici e fisiologici influenzano la composizione dell'aroma retronasale durante il consumo di vino, ma non solo i tannini influenzano la percezione in bocca: anche gli antocian...
    Pubblicata il:29/12/2021
© Vinidea srl 2016: Piazza I° Maggio, 20, 29028 Ponte dell'Olio (PC) - ITALY - P.Iva: 01286830334
Per contattarci segui questo link
Titolo del periodico: Rivista Internet di Viticoltura ed Enologia
Editore e proprietario: Vinidea Srl
Registro Stampa - Giornali e Periodici: iscrizione presso il Tribunale di Piacenza al n. 722 del 02/03/2018
ISSN 1826-1590
powered by Infonet Srl Piacenza
- A +
ExecTime : 2,078125