italianoenglishfrançaisdeutschespañolportuguês
Lingua
Cerca nel sito
  • » Legislazione
  • » Limite all'etil-carbammato in Corea del Sud

Limite all'etil-carbammato in Corea del Sud

La Corea del Sud è in procinto di fissare un limite di 30 microg/l al contenuto in etil-carbammato dei vini consumati nel paese. Secondo fonti australiane, a metà 2008 dovrebbe essere varato un nuovo testo unico sul vino in Corea che include il provvedimento limitativo. L'etil-carbammato (uretano) è un composto cancerogeno che si produce nel vino a partire principalmente dall'urea prodotta dal lievito durante la fermentazione alcolica, tramite una reazione chimica con l'alcool favorita dalle alte temperature. USA e Canada sono i due paesi che per primi hanno sollevato la questione dell'uretano nel vino: dopo parecchi studi, le autorità hanno deciso di non fissare un limite ma di controllare il suo contenuto nei vini al consumo con l'obiettivo di mantenerlo a livelli inferiori a 15-30 microg/l secondo i casi. Le principali regole per evitare la formazione di eccessive quantità di uretano nel vino sono: evitare le forti fertilizzazioni azotate in vigneto, controllare l'azoto facilmente assimilabile dei mosti ed evitare aggiunte inutili di azoto, utilizzare ceppi di lieviti e batteri di cui sia nota la tendenza a produrre urea o altri precursori dell'uretano, evitare riscaldamenti importanti e prolungati del vino
Pubblicata il 13/05/2008
Schede correlate
© Vinidea srl 2016: Piazza I° Maggio, 20, 29028 Ponte dell'Olio (PC) - ITALY - P.Iva: 01286830334
Per contattarci segui questo link
Titolo del periodico: Rivista Internet di Viticoltura ed Enologia
Editore e proprietario: Vinidea Srl
Registro Stampa - Giornali e Periodici: iscrizione presso il Tribunale di Piacenza al n. 722 del 02/03/2018
ISSN 1826-1590
powered by Infonet Srl Piacenza
- A +
ExecTime : 1,547363