italianoenglishfrançaisdeutschespañolportuguês
Lingua
Cerca nel sito
  • » Macerazione
  • » Approcci per limitare le interazioni tra polisaccaridi delle pareti cellulari e tannini
  • Pulizia e prefiltrazione dei vini in un unico passaggio
    Tebaldi e 3M insieme per una filtrazione Quality Respect
    Una gamma completa di filtri a membrana e il nuovo QR Filter per la pulizia e la prefiltrazione dei vini in un unico passaggio, suggellano la collaborazione tra Tebaldi e 3M, azienda di fama mondia...
    Pubblicata il: 31/03/2020

Approcci per limitare le interazioni tra polisaccaridi delle pareti cellulari e tannini

Encarna Gomez-Plaza, Departamento de Ciencias y tecnología de los Alimentos, Universidad de Murcia, Spagna

Approcci per limitare le interazioni tra polisaccaridi delle pareti cellulari e tannini

I tannini sono uno dei principali composti responsabili della qualità del vino rosso. Questi composti sono presenti nella buccia e nei semi dell'uva e vengono trasferiti al mosto-vino durante la fase di macerazione della vinificazione. Questo trasferimento è tuttavia tutt'altro che completo: questo, tra le altre cause, potrebbe essere dovuto al fatto che i tannini estratti si legano ai polisaccaridi delle pareti cellulari della polpa e della pelle, che sono presenti in elevate concentrazioni nel mosto.

Per limitare queste interazioni, la ricerca presentata da Encarna Gomez-Plaza in occasione di Enoforum 2019 si è concentrata su alcuni approcci enologici. Uno di questi era includere nella vinificazione del vino rosso una fase di svinatura simile a quella che è comune nei vini bianchi e rosati.

Un altro approccio studiato è stato l'ottimizzazione dell'uso degli enzimi di decostruzione della parete cellulare, che potrebbe ridurre queste interazioni e aumentare la quantità di tannini.

Il gruppo di ricerca ha studiato diverse combinazioni e modalità di addizione (individualmente, in serie o sequenziale) di diversi enzimi idrolitici, evidenziando come l'uso della metodologia di profiling dei polimeri di microarray (CoMPP) permette una migliore comprensione di come gli enzimi siano in grado di degradare ed esporre la struttura multistrato della parete cellulare dell'uva.

L'uso di enzimi può anche essere combinato in una cantina con l'applicazione della tecnologia ad ultrasuoni, aumentando così anche significativamente il contenuto di composti fenolici nel vino finale.

Lavoro finalista del Premio SIVE OENOPPIA 2019. La relazione riprodotta in questo filmato è stata presentata alla  12ª edizione di Enoforum  (Vicenza, 21-23 maggio 2019)

Abbonamento annuale ad Infowine: L'abbonamento, al costo di € 60 (IVA inclusa) dà diritto all'accesso per un anno a tutti i documenti pubblicati sul sito, archivio storico compreso (clicca qui)

Pubblicata il 02/07/2020
Disponibile in english spagnolo portoghese
Area Contenuti Premium
  • VIDEO SEMINARIO (Encarna GOMEZ-PLAZA; streaming 20 min)
Prezzo:15 €(Iva inclusa)
Schede correlate
© Vinidea srl 2016: Piazza I° Maggio, 20, 29028 Ponte dell'Olio (PC) - ITALY - P.Iva: 01286830334
Per contattarci segui questo link
Titolo del periodico: Rivista Internet di Viticoltura ed Enologia
Editore e proprietario: Vinidea Srl
Registro Stampa - Giornali e Periodici: iscrizione presso il Tribunale di Piacenza al n. 722 del 02/03/2018
ISSN 1826-1590
powered by Infonet Srl Piacenza
Privacy Policy
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Maggiori informazioniOK

- A +
ExecTime : 1,954102