italianoenglishfrançaisdeutschespañolportuguês
Lingua
Cerca nel sito
  • » Macrowine 2021
  • » Gli starter misti Schizosaccharomyces japonicus/Saccharomyces cerevisiae come nuovo strumento per migliorare la stabilità di invecchiamento dei vini Sangiovese
  • Verifica filtrazione finale pre-imbottigliamento
    Imbottigliare con fiducia grazie a VERIFLOW BOTTLESAFE™
    Dalla creazione di Invisible Sentinel, Inc. nel 2006, allo sviluppo della sezione vino nel 2015 in collaborazione con Jackson Family Wines, fino all'acquisizione di bioMérieux nel 2019. L'ultima in...
    Pubblicata il: 30/11/2023

Gli starter misti Schizosaccharomyces japonicus/Saccharomyces cerevisiae come nuovo strumento per migliorare la stabilità di invecchiamento dei vini Sangiovese

Paola Domizio et al., Università di Firenze, Italia

Gli starter misti <i>Schizosaccharomyces japonicus/Saccharomyces cerevisiae</i> come nuovo strumento per migliorare la stabilità di invecchiamento dei vini Sangiovese

E-mail: paola.domizio[@]unifi.it

Nel presente lavoro Schizosaccharomyces japonicus e Saccharomyces cerevisiae sono stati inoculati simultaneamente o in sequenza in prove di fermentazione mista con l'obiettivo di verificare la loro capacità di migliorare la qualità complessiva dei vini rossi, in particolare del Sangiovese.

L'impatto degli inoculi simultanei e sequenziali sulle cinetiche di crescita e fermentazione e sui profili analitici e sensoriali dei vini sperimentali è stato valutato alla fine della fermentazione alcolica e 24 mesi dopo l'imbottigliamento con metodi standard.

S. japonicus ha influenzato la crescita e la capacità fermentativa di S. cerevisiae solo nella fermentazione sequenziale. I vini sperimentali prodotti con S. japonicus e S. cerevisiae in fermentazione mista simultanea e sequenziale hanno raggiunto concentrazioni di polisaccaridi totali rispettivamente due e tre volte superiori a quelle ottenute con colture pure di S. cerevisiae. Inoltre, i lieviti non-Saccharomyces hanno modulato la concentrazione di alcuni dei più importanti composti volatili del vino. Alla fine della fermentazione alcolica, l'acetato di etile era significativamente più alto nei vini a fermentazione mista rispetto al livello accettabile per un vino rosso giovane. Tuttavia, questo metabolita ha subito una notevole idrolisi durante i due anni di affinamento in bottiglia, con una marcata diminuzione della sua concentrazione. Analogamente, i vini a fermentazione mista rispetto ai vini di controllo non hanno mostrato differenze significative per quanto riguarda la percezione dell'acetato di etile valutata dall'analisi sensoriale effettuata 24 mesi dopo l'imbottigliamento. L'equilibrio idrolisi-esterificazione nei vini da fermentazione mista ha causato un aumento dei composti esteri acetati responsabili dell'aroma fruttato. Questi composti esteri hanno raggiunto concentrazioni significativamente più elevate in entrambi i vini da fermentazione mista rispetto al vino di controllo inoculato con S. cerevisiae. Inoltre, tutti i vini da fermentazione mista sono stati percepiti con una minore sensazione di astringenza in bocca rispetto a quelli ottenuti con S. cerevisiae, probabilmente a causa del maggiore contenuto di polisaccaridi.

Sulla base dell'evidenza che dopo 2 anni di invecchiamento, i vini a fermentazione mista hanno presentato un aumento della stabilità del colore e della concentrazione di aroma fruttato e una diminuzione dell'astringenza, l'utilizzo combinato di Sch. japonicus e S. cerevisiae potrebbe rappresentare un'innovazione per il miglioramento della stabilità all'invecchiamento del vino Sangiovese.

Poster presentato al Macrowine Virtual (23-30 giugno 2021)

Pubblicata il 06/07/2022
Schede correlate
© Vinidea srl 2016: Piazza I° Maggio, 20, 29028 Ponte dell'Olio (PC) - ITALY - P.Iva: 01286830334
Per contattarci segui questo link
Titolo del periodico: Rivista Internet di Viticoltura ed Enologia
Editore e proprietario: Vinidea Srl
Registro Stampa - Giornali e Periodici: iscrizione presso il Tribunale di Piacenza al n. 722 del 02/03/2018
ISSN 1826-1590
powered by Infonet Srl Piacenza
- A +
ExecTime : 2,952637