italianoenglishfrançaisdeutschespañolportuguês
Lingua
Cerca nel sito
  • » Marketing
  • » Cresce l'export di spumante italiano
  • Invaiatura breve e uva di qualità: ecco la connessione
    ILSA in collaborazione con la Fondazione Edmund Mach ha individuato un protocollo biologico per aumentare il potenziale in polifenoli delle uve rosse
    L’uniformità di maturazione delle uve rosse porta ad un aumento dell’estraibilità del colore. ILSA in collaborazione con la Fondazione Edmund Mach ha individuato un protocollo biologico per aumenta...
    Pubblicata il: 24/05/2022

Cresce l'export di spumante italiano

fonte: ANSA

Cresce il consumo e il valore degli spumanti italiani all'estero. Nel 2009, sono state 193 milioni le bottiglie spedite sui mercati internazionali, per una crescita del 10,36% sui 173 milioni del 2008. In crescita anche il giro d'affari (+2%), pari a 1,880 miliardi di euro di valore al consumo. I dati sono resi noti dall'Osservatorio economico Mercati&Consumi che sottolinea anche come siano diventati 76 (8 in più rispetto al 2008) i Paesi che importano direttamente spumanti italiani. "A far crescere l'export di bollicine all'estero - osserva Giampietro Comolli, responsabile dell'Osservatorio Mercati&Consumi - il prezzo all'origine contenuto delle bottiglie italiane che vengono incontro alle esigenze del consumatore sempre più attento al rapporto qualità/prezzo, e consentono inoltre margini di guadagno anche all'intermediazione". Il prezzo medio al consumo di una bottiglia di spumante italiano sui mercati esteri si è attestato nel 2009 a 9,73 euro. In Italia si è riscontrato un prezzo a bottiglia al consumo intorno a 4,95 euro (media per uno charmat) e 11,15 euro (media per un metodo classico). Le migliori performance dell'export di bollicine nostrane si sono registrate in Paesi nuovi ed extra Ue, ad eccezione della Germania che segna +5% (secondo anno consecutivo positivo dopo un 2006-2007 in forte frenata). Il Regno Unito continua a essere per il quinto anno il mercato europeo più attivo (+12% in volumi ma con un calo del 10% del fatturato) e la Francia scopre le bollicine italiane (con volumi a +4% e valore a +8%) nel mentre lo Champagne perde quota un po' ovunque e in Italia se ne sono importate l'anno scorso due milioni di bottiglie in meno. Molto bene, infine, gli Stati Uniti, dove i volumi dell'export di spumanti sono aumentati del 14% e il giro d'affari è cresciuto dell'11%.
Pubblicata il 08/04/2010
Schede correlate
© Vinidea srl 2016: Piazza I° Maggio, 20, 29028 Ponte dell'Olio (PC) - ITALY - P.Iva: 01286830334
Per contattarci segui questo link
Titolo del periodico: Rivista Internet di Viticoltura ed Enologia
Editore e proprietario: Vinidea Srl
Registro Stampa - Giornali e Periodici: iscrizione presso il Tribunale di Piacenza al n. 722 del 02/03/2018
ISSN 1826-1590
powered by Infonet Srl Piacenza
- A +
ExecTime : 1,859375