italianoenglishfrançaisdeutschespañolportuguês
Lingua
Cerca nel sito
  • » Marketing
  • » Cresce l'export di spumante italiano
  • Una strada innovativa per la nutrizione organica
    Controllo dei radicali liberi: miglioramento del benessere del lievito e ottimizzazione della rivelazione aromatica attraverso la nutrizione organica
    Da un’idea del team R&D del gruppo IOC, sviluppata in collaborazione con la Fondazione Edmund Mach di San Michele all’Adige, nascono due innovativi nutrienti 100% organici, studiati per...
    Pubblicata il: 18/07/2022

Cresce l'export di spumante italiano

fonte: ANSA

Cresce il consumo e il valore degli spumanti italiani all'estero. Nel 2009, sono state 193 milioni le bottiglie spedite sui mercati internazionali, per una crescita del 10,36% sui 173 milioni del 2008. In crescita anche il giro d'affari (+2%), pari a 1,880 miliardi di euro di valore al consumo. I dati sono resi noti dall'Osservatorio economico Mercati&Consumi che sottolinea anche come siano diventati 76 (8 in più rispetto al 2008) i Paesi che importano direttamente spumanti italiani. "A far crescere l'export di bollicine all'estero - osserva Giampietro Comolli, responsabile dell'Osservatorio Mercati&Consumi - il prezzo all'origine contenuto delle bottiglie italiane che vengono incontro alle esigenze del consumatore sempre più attento al rapporto qualità/prezzo, e consentono inoltre margini di guadagno anche all'intermediazione". Il prezzo medio al consumo di una bottiglia di spumante italiano sui mercati esteri si è attestato nel 2009 a 9,73 euro. In Italia si è riscontrato un prezzo a bottiglia al consumo intorno a 4,95 euro (media per uno charmat) e 11,15 euro (media per un metodo classico). Le migliori performance dell'export di bollicine nostrane si sono registrate in Paesi nuovi ed extra Ue, ad eccezione della Germania che segna +5% (secondo anno consecutivo positivo dopo un 2006-2007 in forte frenata). Il Regno Unito continua a essere per il quinto anno il mercato europeo più attivo (+12% in volumi ma con un calo del 10% del fatturato) e la Francia scopre le bollicine italiane (con volumi a +4% e valore a +8%) nel mentre lo Champagne perde quota un po' ovunque e in Italia se ne sono importate l'anno scorso due milioni di bottiglie in meno. Molto bene, infine, gli Stati Uniti, dove i volumi dell'export di spumanti sono aumentati del 14% e il giro d'affari è cresciuto dell'11%.
Pubblicata il 08/04/2010
Schede correlate
© Vinidea srl 2016: Piazza I° Maggio, 20, 29028 Ponte dell'Olio (PC) - ITALY - P.Iva: 01286830334
Per contattarci segui questo link
Titolo del periodico: Rivista Internet di Viticoltura ed Enologia
Editore e proprietario: Vinidea Srl
Registro Stampa - Giornali e Periodici: iscrizione presso il Tribunale di Piacenza al n. 722 del 02/03/2018
ISSN 1826-1590
powered by Infonet Srl Piacenza
- A +
ExecTime : 1,828125