italianoenglishfrançaisdeutschespañolportuguês
Lingua
Cerca nel sito
  • » Novità
  • » Evoluzione della produzione e del consumo mondiale di vino per colore
  • La stabilità tartarica ad "alte temperature"
    Negli ultimi anni abbiamo assistito all’impennata dei costi energetici con conseguente impatto sui bilanci delle cantine. Uno dei processi più energivori riguarda le pratiche per il raggiungimento ...
    Pubblicata il: 23/02/2024

Evoluzione della produzione e del consumo mondiale di vino per colore

Negli ultimi decenni, il settore vinicolo mondiale ha registrato una tendenza generale positiva della produzione e del consumo di vini bianchi e rosati, mentre i vini rossi sono diminuiti. Questo cambiamento strutturale può essere attribuito principalmente ai cambiamenti generali nelle preferenze dei consumatori. Il presente rapporto, redatto dal Dipartimento di Statistica dell'Organizzazione Internazionale della Vigna e del Vino (OIV), si propone di comprendere meglio questo fenomeno, fornendo una panoramica dell'evoluzione della produzione e del consumo mondiale di vino suddiviso per vini rossi, bianchi e rosati nel periodo 2000-2021.

Vino rosso

L'offerta e la domanda di vino rosso a livello mondiale sono diminuite in modo significativo negli ultimi vent'anni. Nel 2021 la produzione è diminuita del 25% rispetto al picco del 2004. Il calo è notevole anche in termini relativi: all'inizio del secolo, i vini rossi rappresentavano in media il 48% della produzione totale di vino, mentre negli ultimi anni la quota è scesa al 43%.

Produzione - Nel periodo 2000-2021 si osservano tassi di crescita negativi in tutti i principali Paesi europei produttori di vino rosso. In particolare, vale la pena notare il forte calo in Francia (che oggi produce il 50% in meno di vino rosso rispetto all'inizio del secolo) e in Italia. Questi cali sono solo parzialmente compensati dai Paesi produttori extraeuropei, come Cile, Argentina, Australia, Stati Uniti e Sudafrica, che mostrano tassi di crescita positivi nella produzione di vino rosso. Tra i primi 10 Paesi con la più alta percentuale di vino rosso nella produzione nazionale, 7 sono extraeuropei.

Consumo - La domanda di vino rosso negli ultimi vent'anni è diminuita soprattutto nei grandi mercati europei, in particolare Germania, Francia, Italia e Spagna. Tutti questi Paesi hanno registrato tassi di crescita negativi per il vino rosso a partire dal 2000. Al contrario, tassi di crescita positivi negli ultimi vent'anni sono stati registrati in Cina, Stati Uniti, Russia e Brasile. I primi 6 Paesi per percentuale di vino rosso nel consumo nazionale di vino si trovano al di fuori dell'Europa, in particolare in Sud America e in Asia orientale.

Vino bianco

La domanda e l'offerta di vino bianco a livello globale sono aumentate dal 2000. La produzione di vino bianco è aumentata nel 2021 del 13% rispetto al livello minimo del 2002 e ha superato quella di vino rosso a partire dal 2013. All'inizio del secolo, il vino bianco rappresentava in media il 46% del totale mondiale, mentre negli anni più recenti questa quota è salita al 49%. Una delle principali forze trainanti di questo aumento è il boom del vino spumante.

Produzione - I principali Paesi che hanno contribuito alla crescita a livello mondiale sono l'Italia (trainata dal successo globale del Prosecco), gli Stati Uniti, il Sudafrica e l'Australia. Al contrario, alcuni altri grandi Paesi produttori di vino bianco come Francia e Spagna (rispettivamente secondo e terzo produttore di vino bianco a livello mondiale), hanno registrato un trend stabile dall'inizio del secolo.

Consumo - L'aumento della domanda di vino bianco è guidato principalmente da tre importanti mercati di spumanti: Stati Uniti, Germania e Regno Unito. L'aumento dei consumi in questi Paesi ha più che compensato il calo registrato in Paesi grandi consumatori di vino come Francia e Spagna.

Vino rosato

Negli ultimi vent'anni, il vino rosato è cresciuto in modo significativo sia in termini di domanda che di offerta a livello mondiale. La produzione globale è aumentata del 25% tra il 2001 e il 2021. All'inizio del secolo, i vini rosati rappresentavano tra il 6 e il 7% della produzione mondiale, mentre negli ultimi anni hanno superato in media l'8%.

Produzione - L'offerta di vino rosato è molto più concentrata rispetto a quella dei vini di altri colori: nel 2021 i primi 10 Paesi produttori rappresenteranno quasi il 90% del totale mondiale e i primi 3 i due terzi. Nel caso del rosé, sono soprattutto i Paesi dell'emisfero settentrionale a guidare la crescita (in particolare la Francia), sebbene anche Paesi come il Cile e il Sudafrica abbiano mostrato tassi di crescita molto elevati negli ultimi vent'anni.

Consumo - Come nel caso dei vini bianchi, la crescita del mercato del rosé può essere attribuita principalmente all'aumento della domanda nel Regno Unito, in Germania e negli Stati Uniti. La Francia è di gran lunga il principale mercato a livello mondiale, rappresentando più di un terzo della domanda globale.

 

Per maggiori informazioni

Fonte: OIV

Pubblicata il 13/12/2023
Immagini
Schede correlate
© Vinidea srl 2016: Piazza I° Maggio, 20, 29028 Ponte dell'Olio (PC) - ITALY - P.Iva: 01286830334
Per contattarci segui questo link
Titolo del periodico: Rivista Internet di Viticoltura ed Enologia
Editore e proprietario: Vinidea Srl
Registro Stampa - Giornali e Periodici: iscrizione presso il Tribunale di Piacenza al n. 722 del 02/03/2018
ISSN 1826-1590
powered by Infonet Srl Piacenza
- A +
ExecTime : 1,609375