italianoenglishfrançaisdeutschespañolportuguês
Lingua
Cerca nel sito
  • » Novità
  • » Analisi del colore del vino: il metodo ufficiale di riferimento CIELab a supporto dell’analisi visiva
  • Come impedire l’insorgenza dei batteri malolattici?
    X-PRO® Bactoclean, il chiarificante policomposto che impedisce l’insorgenza dei batteri malolattici
    Una nuova sinergia tra la riduzione dei batteri lattici del Chitosano Y, le proprietà illimpidenti della proteina di patata e l’azione del Lievito Inattivo Specifico ottenuto dal Processo X-PRO®.
    Pubblicata il: 02/09/2021

Analisi del colore del vino: il metodo ufficiale di riferimento CIELab a supporto dell’analisi visiva

Caso studio sui vini rosati a cura del Laboratorio Enochimico Ex-allievi scuola Enologica Conegliano

Analisi del colore del vino: il metodo ufficiale di riferimento CIELab a supporto dell’analisi visiva

In questo articolo abbiamo il piacere di presentare un lavoro condotto dall’Enologo Poser Celestino, direttore del Laboratorio Enochimico Ex Allievi Scuola Enologica Conegliano, sull’utilizzo del metodo ufficiale di riferimento CIELab per lo studio e la caratterizzazione del colore dei vini rosati.

Il colore sta assumendo un ruolo sempre più importante nella valutazione dei vini; è una delle prime caratteristiche che il consumatore percepisce ed è stato dimostrato da vari studi che è in grado di influenzare in maniera determinante le scelte di acquisto dei consumatori e quindi le vendite per i produttori.

Per i vini rosati, l’importanza del colore è ancora più accentuata rispetto ad altre tipologie; il vitigno, la zona di produzione, la tecnica enologica utilizzata per la vinificazione fanno sì che ogni vino rosato abbia una propria caratteristica distintiva, che lo rende “unico” e riconoscibile rispetto ad altri.

Il boom di vendite dei vini rosati degli ultimi anni e soprattutto le grandi prospettive di ulteriore crescita nei prossimi (con l’aumento inevitabile quindi anche della concorrenza) hanno generato la forte necessità di valutare e controllare il colore del vino, al pari degli altri parametri di qualità.

Lo scopo dello studio condotto dall’Enol. Poser e dal suo Team è stato quello di unire l’analisi visiva condotta da una commissione di valutazione (analisi soggettiva) ad un’analisi strumentale di tipo spettrofotometrico (analisi oggettiva), al fine di ottenere un modello condivisibile da utilizzare in fase di produzione e di degustazione.

In altre parole, lo scopo di questo studio è quello di fornire ai produttori di vino rosato uno strumento di analisi oggettiva ed un modello di riferimento da utilizzare (anche in autonomia) in fase di produzione per controllare e gestire il proprio prodotto, in modo tale da presentare alla commissione di valutazione e/o al cliente finale un vino esattamente in linea con le caratteristiche distintive richieste dai disciplinari di produzione dei vini rosati.

In particolare, con il suo lavoro l’Enol. Poser dimostra la necessità di utilizzare il metodo ufficiale di riferimento CIElab per ottenere lo scopo prefissato, sottolineando gli enormi vantaggi e le potenzialità di questa analisi rispetto a quella basata sulla misura a 3 lunghezze d’onda (metodica ausiliaria OIV), che risulta invece inadeguata allo scopo.

CONTINUA A LEGGERE

Pubblicata il 30/06/2021
Schede correlate
    Analisi e composizione delle uve
    Infowine Focus
    una selezione di contenuti dall'archivio di Infowine per approfondire il tema dell'analisi e composizione delle uve in vista della prossima vendemmia
    Pubblicata il:08/08/2019
    10 anni di successi nell’aumentare i gradi Brix
    In dieci anni di prove, il biostimolante vegetale ILSAC-ON ha sempre aumentato i gradi Brix alla vendemmia su tutti i principali vitigni italiani
    ILSA festeggia dieci anni di prove di sviluppo in campo del padre dei suoi biostimolanti, ILSAC-ON, completamente vegetale. Coniugando materia prima (tessuti di piante della famiglia delle Fabaceae...
    Pubblicata il:26/04/2021
    12ª Giornata tecnica Vite e Vino: calo della produzione, ma grande annata per basi spumante e vini da invecchiamento
    Focus tecnico sull'andamento stagionale fitosanitario, qualità dei vini, flavescenza e cimice
    Il 2019 sarà ricordato per un calo della produzione di uve del 15 per cento, ma la qualità dei vini ottenuti si mantiene oltre le aspettative, soprattutto per le basi spumante e i vini da invecchia...
    Pubblicata il:10/12/2019
    1ª edizione Premio CARLO MICONI per una tesi di dottorato in Enologia
    Il premio intende valorizzare le attività di ricerca che abbiano portato un valido contributo, sul piano scientifico, applicativo e divulgativo, nel settore dell’analisi chimico-enologica applicata.
    Pubblicata il:05/02/2018
    1° incontro del cantiere "scuola in vigneto" con i profughi stranieri
    Potatura invernale della vite
    Nell’ambito dell’Azione 7 del Progetto ValorinVitis il 13 marzo 2018 è stata svolta la prima sessione di cantiere scuola in vigneto per i profughi stranieri. Il gruppo di 15 profughi gestito dalla ...
    Pubblicata il:20/03/2018
© Vinidea srl 2016: Piazza I° Maggio, 20, 29028 Ponte dell'Olio (PC) - ITALY - P.Iva: 01286830334
Per contattarci segui questo link
Titolo del periodico: Rivista Internet di Viticoltura ed Enologia
Editore e proprietario: Vinidea Srl
Registro Stampa - Giornali e Periodici: iscrizione presso il Tribunale di Piacenza al n. 722 del 02/03/2018
ISSN 1826-1590
powered by Infonet Srl Piacenza
Privacy Policy
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Maggiori informazioniOK

- A +
ExecTime : 1,453125