italianoenglishfrançaisdeutschespañolportuguês
Lingua
Cerca nel sito
  • » Novità
  • » Brettanomyces: il controllo analitico nella filiera vitivinicola

Brettanomyces: il controllo analitico nella filiera vitivinicola

I lieviti del genere Brettanomyces/Dekkera sono i principali responsabili dell’origine di odori e aromi sgradevoli nel vino (“nota di Brett”, sentore di panno bagnato, sudore di cavallo, stalla, vernice) e possono causarne deprezzamenti importanti. Il difetto sensoriale è associato alla produzione dei cosiddetti “fenoli volatili” (etilfenolo, etilguaiacolo, vinilfenolo e vinilguaiacolo).

Per prevenire l’insorgenza della “nota di Brett” occorre monitorare le fonti di contaminazione in tutte le fasi del processo, a partire dalle modalità di raccolta e dalla qualità delle uve conferite in cantina, e su tutte le attrezzature a contatto con materie prime, semilavorati e vino finito (vasche, presse, pompe, ecc). L’ispezione visiva delle uve raccolte a mano, purtroppo, consente di rilevare il problema quando spesso è troppo tardi per intervenire.

E’, invece, possibile una valutazione oggettiva della qualità delle uve attraverso il dosaggio di metaboliti della Botrytis e di altre muffe (glicerolo, acido gluconico, etanolo e acidità volatile, acido citrico), con l’impiego dei kit enzimatici R-Biopharm ed un semplice fotometro, oppure in combinazione con l’analizzatore automatico iMagic M9.

img

 

Per le grandi masse di vino in stoccaggio, invece, il controllo routinario di lieviti e batteri alterativi (almeno una volta ogni 1-2 mesi) rappresenta l’unico modo per cautelarsi dall’insorgenza di una contaminazione. I metodi di microbiologia classica (coltura su terreno solido selettivo agarizzato) richiedono tempi di conferma troppo lunghi a causa della bassa velocità di crescita di Brettanomyces/Dekkera rispetto a tutti gli altri lieviti e muffe presenti normalmente nel campione.

Tecniche di biologia molecolare quali la Real Time PCR, più specifiche ed affidabili, consentono, invece, uno screening microbiologico rapido. I kit della linea GEN-IAL di R-Biopharm, pronti all’uso, in sole 2 ore rilevano (e quantificano) Brettanomyces e altri microrganismi alterativi quali Lactobacillus, Pediococcus, Oenococcus oeni, batteri acetici e lieviti. Grazie alla tecnologia Multiplex è possibile, con un solo kit e una sola corsa PCR, rilevare più parametri contemporaneamente arrivando ad ottenere un quadro microbiologico molto preciso del proprio campione in analisi.

img

 

 

 

 

Per maggiori informazioni:

Kit analitici per l’identificazione rapida di microrganismi contaminanti

Kit analitici per il dosaggio di metaboliti di Botrytis e di altre muffe

Pubblicata il 01/03/2021
Immagini
Schede correlate
    Analisi e composizione delle uve
    Infowine Focus
    una selezione di contenuti dall'archivio di Infowine per approfondire il tema dell'analisi e composizione delle uve in vista della prossima vendemmia
    Pubblicata il:08/08/2019
    10 anni di successi nell’aumentare i gradi Brix
    In dieci anni di prove, il biostimolante vegetale ILSAC-ON ha sempre aumentato i gradi Brix alla vendemmia su tutti i principali vitigni italiani
    ILSA festeggia dieci anni di prove di sviluppo in campo del padre dei suoi biostimolanti, ILSAC-ON, completamente vegetale. Coniugando materia prima (tessuti di piante della famiglia delle Fabaceae...
    Pubblicata il:26/04/2021
    12ª Giornata tecnica Vite e Vino: calo della produzione, ma grande annata per basi spumante e vini da invecchiamento
    Focus tecnico sull'andamento stagionale fitosanitario, qualità dei vini, flavescenza e cimice
    Il 2019 sarà ricordato per un calo della produzione di uve del 15 per cento, ma la qualità dei vini ottenuti si mantiene oltre le aspettative, soprattutto per le basi spumante e i vini da invecchia...
    Pubblicata il:10/12/2019
    1ª edizione Premio CARLO MICONI per una tesi di dottorato in Enologia
    Il premio intende valorizzare le attività di ricerca che abbiano portato un valido contributo, sul piano scientifico, applicativo e divulgativo, nel settore dell’analisi chimico-enologica applicata.
    Pubblicata il:05/02/2018
    1° incontro del cantiere "scuola in vigneto" con i profughi stranieri
    Potatura invernale della vite
    Nell’ambito dell’Azione 7 del Progetto ValorinVitis il 13 marzo 2018 è stata svolta la prima sessione di cantiere scuola in vigneto per i profughi stranieri. Il gruppo di 15 profughi gestito dalla ...
    Pubblicata il:20/03/2018
© Vinidea srl 2016: Piazza I° Maggio, 20, 29028 Ponte dell'Olio (PC) - ITALY - P.Iva: 01286830334
Per contattarci segui questo link
Titolo del periodico: Rivista Internet di Viticoltura ed Enologia
Editore e proprietario: Vinidea Srl
Registro Stampa - Giornali e Periodici: iscrizione presso il Tribunale di Piacenza al n. 722 del 02/03/2018
ISSN 1826-1590
powered by Infonet Srl Piacenza
Privacy Policy
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Maggiori informazioniOK

- A +
ExecTime : 1,9375