italianoenglishfrançaisdeutschespañolportuguês
Lingua
Cerca nel sito
  • » Novità
  • » Brettanomyces: il controllo analitico nella filiera vitivinicola
  • Buone pratiche per il corretto attecchimento delle barbatelle
    L’attecchimento delle barbatelle è il primo passo per avere piante produttive e per ottimizzare l’investimento importante per un nuovo vigneto
    Quando si va a costituire un nuovo vigneto ci sono da comprendere gli obiettivi agronomici della cultivar che viene messa a dimora, e di conseguenza le caratteristiche pedoclimatiche che andranno a...
    Pubblicata il: 30/03/2021

Brettanomyces: il controllo analitico nella filiera vitivinicola

I lieviti del genere Brettanomyces/Dekkera sono i principali responsabili dell’origine di odori e aromi sgradevoli nel vino (“nota di Brett”, sentore di panno bagnato, sudore di cavallo, stalla, vernice) e possono causarne deprezzamenti importanti. Il difetto sensoriale è associato alla produzione dei cosiddetti “fenoli volatili” (etilfenolo, etilguaiacolo, vinilfenolo e vinilguaiacolo).

Per prevenire l’insorgenza della “nota di Brett” occorre monitorare le fonti di contaminazione in tutte le fasi del processo, a partire dalle modalità di raccolta e dalla qualità delle uve conferite in cantina, e su tutte le attrezzature a contatto con materie prime, semilavorati e vino finito (vasche, presse, pompe, ecc). L’ispezione visiva delle uve raccolte a mano, purtroppo, consente di rilevare il problema quando spesso è troppo tardi per intervenire.

E’, invece, possibile una valutazione oggettiva della qualità delle uve attraverso il dosaggio di metaboliti della Botrytis e di altre muffe (glicerolo, acido gluconico, etanolo e acidità volatile, acido citrico), con l’impiego dei kit enzimatici R-Biopharm ed un semplice fotometro, oppure in combinazione con l’analizzatore automatico iMagic M9.

img

 

Per le grandi masse di vino in stoccaggio, invece, il controllo routinario di lieviti e batteri alterativi (almeno una volta ogni 1-2 mesi) rappresenta l’unico modo per cautelarsi dall’insorgenza di una contaminazione. I metodi di microbiologia classica (coltura su terreno solido selettivo agarizzato) richiedono tempi di conferma troppo lunghi a causa della bassa velocità di crescita di Brettanomyces/Dekkera rispetto a tutti gli altri lieviti e muffe presenti normalmente nel campione.

Tecniche di biologia molecolare quali la Real Time PCR, più specifiche ed affidabili, consentono, invece, uno screening microbiologico rapido. I kit della linea GEN-IAL di R-Biopharm, pronti all’uso, in sole 2 ore rilevano (e quantificano) Brettanomyces e altri microrganismi alterativi quali Lactobacillus, Pediococcus, Oenococcus oeni, batteri acetici e lieviti. Grazie alla tecnologia Multiplex è possibile, con un solo kit e una sola corsa PCR, rilevare più parametri contemporaneamente arrivando ad ottenere un quadro microbiologico molto preciso del proprio campione in analisi.

img

 

 

 

 

Per maggiori informazioni:

Kit analitici per l’identificazione rapida di microrganismi contaminanti

Kit analitici per il dosaggio di metaboliti di Botrytis e di altre muffe

Pubblicata il 01/03/2021
Immagini
Schede correlate
© Vinidea srl 2016: Piazza I° Maggio, 20, 29028 Ponte dell'Olio (PC) - ITALY - P.Iva: 01286830334
Per contattarci segui questo link
Titolo del periodico: Rivista Internet di Viticoltura ed Enologia
Editore e proprietario: Vinidea Srl
Registro Stampa - Giornali e Periodici: iscrizione presso il Tribunale di Piacenza al n. 722 del 02/03/2018
ISSN 1826-1590
powered by Infonet Srl Piacenza
Privacy Policy
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Maggiori informazioniOK

- A +
ExecTime : 3,046875