italianoenglishfrançaisdeutschespañolportuguês
Lingua
Cerca nel sito
  • » Novità
  • » Buone pratiche per il corretto attecchimento delle barbatelle

Buone pratiche per il corretto attecchimento delle barbatelle

L’attecchimento delle barbatelle è il primo passo per avere piante produttive e per ottimizzare l’investimento importante per un nuovo vigneto

Buone pratiche per il corretto attecchimento delle barbatelle

Poche, mirate ed essenziali pratiche, per la messa a dimora del nuovo vigneto o per l’impianto delle rimesse. La concimazione di fondo, l’incremento dell’attività microbiologica, il “bagnetto” delle barbatelle e infine la fertirrigazione sono le mosse per assicurarci un corretto attecchimento delle barbatelle.

Quando si decide di mettere a dimora un nuovo vigneto è molto importante verificare che tutte le barbatelle attecchiscano in maniera corretta, creando un apparato radicale adeguato a garantire la crescita del vigneto e adattandosi all’ambiente che lo circonda. Le pratiche di cui parleremo consentono all’agricoltore di ottimizzare l’investimento fatto per la messa a dimora del nuovo impianto. Barbatelle che attecchiscono bene e crescono in maniera adeguata, andranno infatti a costituire un vigneto produttivo in tempi idonei.

Normalmente si parte dalla comprensione delle condizioni pedoclimatiche, in particolare dal suolo, verificando la storia dell’appezzamento e la composizione del terreno. In particolare può essere utile effettuare delle analisi del suolo, al fine di comprenderne la tessitura, il PH, il contenuto in elementi e il rapporto tra di essi. La preparazione del terreno è il momento ideale per effettuare una concimazione di fondo con un ammendante di qualità, come IlsaLife, per apportare sostanza organica e i più importanti macro e meso elementi, quali azoto, fosforo, potassio, magnesio, calcio, zolfo e ferro.

Verificando alcuni parametri del suolo, come il contenuto in sostanza organica ed azoto, la salinità, la tessitura e le colture che hanno preceduto l’impianto del vigneto, è possibile stimare l’attività microbiologica del suolo. Un terreno povero in azoto e carbonio organico e con alta salinità è molto probabile che abbia un’attività microbica ridotta e in questo caso è possibile integrarla utilizzando IlsaAmicorad che contiene micorrize, batteri della rizosfera e tricoderma, attivati dalla presenza di un importante contenuto in amminoacidi levogiri.

Preparato al meglio il terreno arriva il momento dell’impianto e in questa fase è importante reidratare le barbatelle e fornire loro gli elementi essenziali per le prime fasi di adsorbimento e crescita radicale. È consigliato mettere a bagno le barbatelle per 24-48 ore prima dell’impianto in una soluzione contenente acqua ed IlsaRodder, a base di acidi umici e fulvici e fosforo altamente disponibile ed assimilabile. Acidi umici e fulvici hanno un forte effetto biostimolante e aumentano la disponibilità del fosforo, elemento principe della radicazione. Quest’operazione è fondamentale anche per le rimesse in vigneto già esistente.

Passata la fase primaverile, con l’arrivo dell’estate il giovane impianto è sottoposto a svariati stress di tipo abiotico. La carenza idrica è il primo tra questi ed è accentuata dalle dimensioni contenute dell’apparato radicale delle piante che esplorano solo gli strati superficiali del suolo. Lo stress idrico abbinato a elevate temperature, porta a una veloce disidratazione della pianta, inoltre l’apparato radicale fatica a raggiungere una porzione di suolo sufficiente per la sua nutrizione e rischia quindi carenze che rendono stentata la crescita delle piante. Soprattutto in terreni caldi e poveri in argilla irrigazione e applicazione di elementi diventano fondamentali e per questo è consigliato aggiungere all’acqua di irrigazione IlsaStimset, un prodotto ad azione specifica che, oltre a nutrire va a migliorare l’attività fotosintetica della pianta e lo sviluppo delle radici. In questo caso è consigliata una base organica per il corretto equilibrio tra radici e chioma e quindi uno sviluppo ottimale.

Con i concimi e i biostimolanti ILSA sono assicurati sia il corretto attecchimento che una crescita equilibrata.

 

Per vedere e scaricare tutti i dettagli relativi ai nostri prodotti per la vite vai sul sito www.ilsagroup.com nella sezione Nutrizione o Biostimolazione o nella sezione Colture. Registrandoti puoi ricevere documentazione tecnica, dossier di approfondimento, relazioni e risultati di ricerca e prove su campo, modalità di utilizzo dei prodotti e in genere tutto ciò che concerne la sfera della conoscenza agronomica.

Pubblicata il 30/03/2021
Schede correlate
    Analisi e composizione delle uve
    Infowine Focus
    una selezione di contenuti dall'archivio di Infowine per approfondire il tema dell'analisi e composizione delle uve in vista della prossima vendemmia
    Pubblicata il:08/08/2019
    10 anni di successi nell’aumentare i gradi Brix
    In dieci anni di prove, il biostimolante vegetale ILSAC-ON ha sempre aumentato i gradi Brix alla vendemmia su tutti i principali vitigni italiani
    ILSA festeggia dieci anni di prove di sviluppo in campo del padre dei suoi biostimolanti, ILSAC-ON, completamente vegetale. Coniugando materia prima (tessuti di piante della famiglia delle Fabaceae...
    Pubblicata il:26/04/2021
    12ª Giornata tecnica Vite e Vino: calo della produzione, ma grande annata per basi spumante e vini da invecchiamento
    Focus tecnico sull'andamento stagionale fitosanitario, qualità dei vini, flavescenza e cimice
    Il 2019 sarà ricordato per un calo della produzione di uve del 15 per cento, ma la qualità dei vini ottenuti si mantiene oltre le aspettative, soprattutto per le basi spumante e i vini da invecchia...
    Pubblicata il:10/12/2019
    1ª edizione Premio CARLO MICONI per una tesi di dottorato in Enologia
    Il premio intende valorizzare le attività di ricerca che abbiano portato un valido contributo, sul piano scientifico, applicativo e divulgativo, nel settore dell’analisi chimico-enologica applicata.
    Pubblicata il:05/02/2018
    1° incontro del cantiere "scuola in vigneto" con i profughi stranieri
    Potatura invernale della vite
    Nell’ambito dell’Azione 7 del Progetto ValorinVitis il 13 marzo 2018 è stata svolta la prima sessione di cantiere scuola in vigneto per i profughi stranieri. Il gruppo di 15 profughi gestito dalla ...
    Pubblicata il:20/03/2018
© Vinidea srl 2016: Piazza I° Maggio, 20, 29028 Ponte dell'Olio (PC) - ITALY - P.Iva: 01286830334
Per contattarci segui questo link
Titolo del periodico: Rivista Internet di Viticoltura ed Enologia
Editore e proprietario: Vinidea Srl
Registro Stampa - Giornali e Periodici: iscrizione presso il Tribunale di Piacenza al n. 722 del 02/03/2018
ISSN 1826-1590
powered by Infonet Srl Piacenza
Privacy Policy
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Maggiori informazioniOK

- A +
ExecTime : 1,953125