italianoenglishfrançaisdeutschespañolportuguês
Lingua
Cerca nel sito
  • » Novità
  • » Buone pratiche per il corretto attecchimento delle barbatelle
  • Buone pratiche per il corretto attecchimento delle barbatelle
    L’attecchimento delle barbatelle è il primo passo per avere piante produttive e per ottimizzare l’investimento importante per un nuovo vigneto
    Quando si va a costituire un nuovo vigneto ci sono da comprendere gli obiettivi agronomici della cultivar che viene messa a dimora, e di conseguenza le caratteristiche pedoclimatiche che andranno a...
    Pubblicata il: 30/03/2021

Buone pratiche per il corretto attecchimento delle barbatelle

L’attecchimento delle barbatelle è il primo passo per avere piante produttive e per ottimizzare l’investimento importante per un nuovo vigneto

Buone pratiche per il corretto attecchimento delle barbatelle

Poche, mirate ed essenziali pratiche, per la messa a dimora del nuovo vigneto o per l’impianto delle rimesse. La concimazione di fondo, l’incremento dell’attività microbiologica, il “bagnetto” delle barbatelle e infine la fertirrigazione sono le mosse per assicurarci un corretto attecchimento delle barbatelle.

Quando si decide di mettere a dimora un nuovo vigneto è molto importante verificare che tutte le barbatelle attecchiscano in maniera corretta, creando un apparato radicale adeguato a garantire la crescita del vigneto e adattandosi all’ambiente che lo circonda. Le pratiche di cui parleremo consentono all’agricoltore di ottimizzare l’investimento fatto per la messa a dimora del nuovo impianto. Barbatelle che attecchiscono bene e crescono in maniera adeguata, andranno infatti a costituire un vigneto produttivo in tempi idonei.

Normalmente si parte dalla comprensione delle condizioni pedoclimatiche, in particolare dal suolo, verificando la storia dell’appezzamento e la composizione del terreno. In particolare può essere utile effettuare delle analisi del suolo, al fine di comprenderne la tessitura, il PH, il contenuto in elementi e il rapporto tra di essi. La preparazione del terreno è il momento ideale per effettuare una concimazione di fondo con un ammendante di qualità, come IlsaLife, per apportare sostanza organica e i più importanti macro e meso elementi, quali azoto, fosforo, potassio, magnesio, calcio, zolfo e ferro.

Verificando alcuni parametri del suolo, come il contenuto in sostanza organica ed azoto, la salinità, la tessitura e le colture che hanno preceduto l’impianto del vigneto, è possibile stimare l’attività microbiologica del suolo. Un terreno povero in azoto e carbonio organico e con alta salinità è molto probabile che abbia un’attività microbica ridotta e in questo caso è possibile integrarla utilizzando IlsaAmicorad che contiene micorrize, batteri della rizosfera e tricoderma, attivati dalla presenza di un importante contenuto in amminoacidi levogiri.

Preparato al meglio il terreno arriva il momento dell’impianto e in questa fase è importante reidratare le barbatelle e fornire loro gli elementi essenziali per le prime fasi di adsorbimento e crescita radicale. È consigliato mettere a bagno le barbatelle per 24-48 ore prima dell’impianto in una soluzione contenente acqua ed IlsaRodder, a base di acidi umici e fulvici e fosforo altamente disponibile ed assimilabile. Acidi umici e fulvici hanno un forte effetto biostimolante e aumentano la disponibilità del fosforo, elemento principe della radicazione. Quest’operazione è fondamentale anche per le rimesse in vigneto già esistente.

Passata la fase primaverile, con l’arrivo dell’estate il giovane impianto è sottoposto a svariati stress di tipo abiotico. La carenza idrica è il primo tra questi ed è accentuata dalle dimensioni contenute dell’apparato radicale delle piante che esplorano solo gli strati superficiali del suolo. Lo stress idrico abbinato a elevate temperature, porta a una veloce disidratazione della pianta, inoltre l’apparato radicale fatica a raggiungere una porzione di suolo sufficiente per la sua nutrizione e rischia quindi carenze che rendono stentata la crescita delle piante. Soprattutto in terreni caldi e poveri in argilla irrigazione e applicazione di elementi diventano fondamentali e per questo è consigliato aggiungere all’acqua di irrigazione IlsaStimset, un prodotto ad azione specifica che, oltre a nutrire va a migliorare l’attività fotosintetica della pianta e lo sviluppo delle radici. In questo caso è consigliata una base organica per il corretto equilibrio tra radici e chioma e quindi uno sviluppo ottimale.

Con i concimi e i biostimolanti ILSA sono assicurati sia il corretto attecchimento che una crescita equilibrata.

 

Per vedere e scaricare tutti i dettagli relativi ai nostri prodotti per la vite vai sul sito www.ilsagroup.com nella sezione Nutrizione o Biostimolazione o nella sezione Colture. Registrandoti puoi ricevere documentazione tecnica, dossier di approfondimento, relazioni e risultati di ricerca e prove su campo, modalità di utilizzo dei prodotti e in genere tutto ciò che concerne la sfera della conoscenza agronomica.

Pubblicata il 30/03/2021
Schede correlate
© Vinidea srl 2016: Piazza I° Maggio, 20, 29028 Ponte dell'Olio (PC) - ITALY - P.Iva: 01286830334
Per contattarci segui questo link
Titolo del periodico: Rivista Internet di Viticoltura ed Enologia
Editore e proprietario: Vinidea Srl
Registro Stampa - Giornali e Periodici: iscrizione presso il Tribunale di Piacenza al n. 722 del 02/03/2018
ISSN 1826-1590
powered by Infonet Srl Piacenza
Privacy Policy
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Maggiori informazioniOK

- A +
ExecTime : 2,578125