italianoenglishfrançaisdeutschespañolportuguês
Lingua
Cerca nel sito
  • » Novità
  • » Come limitare la contaminazione da metalli pesanti
  • Il naturale potenziale protettivo del lievito nell’affinamento dei vini, esaltato da un innovativo processo di lisi.
    La matrice fresca del lievito sottoposta ad un innovativo processo di lisi (X-PRO®), che mantiene completamente inalterata la materia naturale di partenza e le sue ben conosciute proprietà stabiliz...
    Pubblicata il: 15/03/2019

Come limitare la contaminazione da metalli pesanti

Come limitare la contaminazione da metalli pesanti

Secondo uno studio pubblicato sul Journal of Agricultural and Food Chemistry, le farine fossili spesso utilizzate come materiale filtrante potrebbero trasferire metalli pesanti come arsenico alla birra e al vino, ma è stato trovato anche il modo di limitare questa contaminazione.

L'esposizione cronica a elevati livelli di arsenico, piombo e cadmio può mettere a rischio la salute. Pertanto, la Food and Drug Administration (FDA) statunitense ha stabilito dei limiti a questi metalli pesanti negli alimenti e nelle bevande.

Alcuni studi hanno riportato livelli elevati di questi contaminanti nel vino e nella birra, ma attualmente non è chiaro come i metalli finiscono in queste bevande. Il team di ricerca ha voluto verificare se le farine fossili (DE) utilizzate per filtrare birra e vino potessero cedere metalli pesanti e, in tal caso, se alterare le condizioni di filtraggio potesse ridurre il trasferimento.

Per scoprirlo, sono state testati tre tipi di DE alimentari, evidenziando che tutti contenevano arsenico, oltre a piccole quantità di piombo e cadmio. Dopo il loro uso per la filtrazione di birra o vino in laboratorio, è stato osservato che uno dei campioni DE aumentava l'arsenico da 3,7 a 7,9 volte rispetto alle bevande non filtrate, superando il limite di sicurezza proposto dalla FDA per il succo di mela (10 parti per miliardo; ppb) . La quantità di arsenico trasferito alle bevande diminuiva quando la bevanda era esposta a meno DE, il pH del liquido era alterato o il DE veniva previamente lavato.

I ricercatori hanno anche misurato i livelli dei metalli pesanti in campioni di birra e vino presenti in commercio. Sebbene sia stato rilevato arsenico nelle bevande, i livelli riscontrati sono sempre stati inferiori a 10 ppb, ad eccezione di soli due campioni di vino (contenenti 18 e 11 ppb).

Articolo di riferimento:
"Factors Affecting Transfer of the Heavy Metals Arsenic, Lead, and Cadmium from Diatomaceous-Earth Filter Aids to Alcoholic Beverages during Laboratory-Scale Filtration" Journal of Agricultural and Food Chemistry (2019). pubs.acs.org/doi/abs/10.1021/acs.jafc.8b06062 

 

Pubblicata il 09/03/2019
Disponibile in english spagnolo
Schede correlate
© Vinidea srl 2016: Piazza I° Maggio, 20, 29028 Ponte dell'Olio (PC) - ITALY - P.Iva: 01286830334
Per contattarci segui questo link
Titolo del periodico: Rivista Internet di Viticoltura ed Enologia
Editore e proprietario: Vinidea Srl
Direttore Responsabile: Dott. Giordano Chiesa
Registro Stampa - Giornali e Periodici: iscrizione presso il Tribunale di Piacenza al n. 722 del 02/03/2018
ISSN 1826-1590
powered by Infonet Srl Piacenza
Privacy Policy
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Maggiori informazioniOK

- A +
ExecTime : 2,281006