italianoenglishfrançaisdeutschespañolportuguês
Lingua
Cerca nel sito
  • » Novità
  • » Come misuri l’anidride solforosa presente nel tuo vino?
  • Contrastare le contaminazioni da Brett e batteri con specifici chitosani
    Una buona gestione microbiologica in cantina è indispensabile per evitare deviazioni organolettiche e decadimenti qualitativi dei vini
    Lallemand ha sviluppato due prodotti di origine naturale, a base di specifici polimeri di chitosano, per il controllo e la gestione delle contaminazioni da Brettanomyces e da batteri: No Brett Insi...
    Pubblicata il: 30/11/2020

Come misuri l’anidride solforosa presente nel tuo vino?

Aspetti critici da conoscere sui diversi metodi di analisi (ufficiali e non) della solforosa

Specifichiamo subito che in questo articolo NON vogliamo né spiegare né insegnare che cosa è l’anidride solforosa, perché si utilizza, come si utilizza, come e quanta ne va aggiunta, ecc. (faremo solo alcuni brevi cenni per rendere fluido il discorso). In questo articolo ci concentriamo solo sui diversi metodi e strumenti di analisi che hai a disposizione per misurare la quantità di anidride solforosa presente nel tuo vino, sia che tu svolga l’analisi all’interno della tua cantina o che tu la richieda al laboratorio esterno.

Perché abbiamo scelto di parlare proprio dell’anidride solforosa e dei diversi metodi di analizzarla?

Perché metodi diversi comunemente impiegati per l’analisi dell’anidride solforosa restituiscono risultati in alcuni casi molto diversi tra loro!

L’analisi dell’anidride solforosa è un di quelle analisi fondamentali che più di altre viene fatta praticamente da qualsiasi produttore di vino. Allo stesso tempo, è anche una delle analisi che più di altre genera confusione nell’interpretazione dei risultati e mostra differenze che a volte sembrano inspiegabili, quando l’analisi viene effettuata sullo stesso vino ma con metodi diversi o in laboratori diversi.

Poco male starai pensando: basta utilizzare uno dei metodi ufficiali inseriti dall’OIV (Organizzazione internazionale della vigna e del vino) nella raccolta dei metodi di analisi. Invece no! È noto (l’OIV stessa lo dichiara) che per questo parametro i due metodi ufficiali restituiscono su molte tipologie di vini risultati completamente diversi, anche di alcune decine di milligrammi per litro.

Questo è un grosso problema, perché in molti casi anche per le analisi di controllo necessarie per l’esportazione del vino o per l’approvazione in ambito DOC, DOCG, ecc., quello che viene utilizzato non è il metodo migliore, cioè il metodo ufficiale di riferimento, ma è il metodo più semplice ed economico, cioè il metodo ufficiale ausiliario.

Continua a leggere.

Pubblicata il 19/10/2020
Immagini
Schede correlate
© Vinidea srl 2016: Piazza I° Maggio, 20, 29028 Ponte dell'Olio (PC) - ITALY - P.Iva: 01286830334
Per contattarci segui questo link
Titolo del periodico: Rivista Internet di Viticoltura ed Enologia
Editore e proprietario: Vinidea Srl
Registro Stampa - Giornali e Periodici: iscrizione presso il Tribunale di Piacenza al n. 722 del 02/03/2018
ISSN 1826-1590
powered by Infonet Srl Piacenza
Privacy Policy
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Maggiori informazioniOK

- A +
ExecTime : 2,09375