italianoenglishfrançaisdeutschespañolportuguês
Lingua
Cerca nel sito
  • » Novità
  • » Come misurare la solforosa direttamente in cantina senza il problema degli interferenti

Come misurare la solforosa direttamente in cantina senza il problema degli interferenti

Studio comparativo tra un sistema enzimatico e il metodo ufficiale di riferimento (distillazione)

Come misurare la solforosa direttamente in cantina senza il problema degli interferenti

In questo articolo riprendiamo un argomento a noi (ma anche a voi che leggete, a giudicare dal riscontro che ci avete dato) molto caro: l’analisi dell’anidride solforosa nel vino. Riprendiamo, perché di questo tema abbiamo scritto diversi articoli e report. Ma non ti preoccupare, quello che troverai non sarà una ripetizione di cose già dette, ma sarà un ulteriore tassello per completare il puzzle.

Il motivo di così tanta insistenza? Per l’esperienza che ci siamo fatti negli ultimi anni parlando con produttori ed enologi, l’analisi dell’anidride solforosa è quella che più di altre genera confusione nell’interpretazione dei risultati e mostra differenze che a volte sembrano inspiegabili, quando l’analisi viene effettuata sullo stesso vino ma con metodi diversi o in laboratori diversi.

Abbiamo iniziato con un articolo più “teorico”, nel quale descriviamo i diversi metodi e strumenti di analisi che hai a disposizione per misurare la solforosa. Qui si descrivono in modo semplice le caratteristiche sia dei due metodi ufficiali OIV (distillazione e titolazione iodometrica) sia degli strumenti tra i quali puoi scegliere per svolgere questa analisi in autonomia. Lo scopo principale di questo articolo è quello di permetterti di fare scelte consapevoli quando devi richiedere l’analisi al tuo laboratorio esterno o quando devi decidere quale strumento acquistare per la tua cantina. Trovi qui l’articolo.

Ci siamo poi messi nei panni di un “produttore o un enologo” che invia lo stesso campione di vino a due o più laboratori per vedere quali possono essere le differenze nei risultati riscontrabili nella pratica. In questo report abbiamo condiviso e spiegato i risultati dell’esperimento nel quale abbiamo chiesto a 4 diversi laboratori esterni di riferimento di analizzare con entrambi i metodi ufficiali gli stessi campioni di vino. Lo scopo del report è quello di chiarire quale è l’aspettativa corretta che devi avere sulla “variabilità” delle analisi di solforosa (spesso il limite di variabilità che si ritiene “non accettabile” è in realtà impossibile da ottenere perché più basso della variabilità analitica del metodo). Trovi l'articolo. 

Quindi, riassumendo, in passato abbiamo:

  • Steso le basi “teoriche” per conoscere il comportamento dei diversi metodi di analisi;
  • Messo a confronto i risultati delle analisi svolte da laboratori esterni utilizzando i metodi ufficiali.


Cosa ti proponiamo di nuovo in questo articolo?

Il confronto tra i risultati ottenuti con un sistema di analisi che tu puoi utilizzare in autonomia nella tua cantina e il laboratorio esterno di riferimento, con l’obbiettivo di mostrarti che se hai la necessità di internalizzare questa analisi, hai a disposizione strumenti che ti permettono di ottenere risultati accurati e in linea con quelli ottenuti utilizzando il metodo ufficiale di riferimento.

 

CONTINUA A LEGGERE

Pubblicata il 27/04/2021
Schede correlate
    Analisi e composizione delle uve
    Infowine Focus
    una selezione di contenuti dall'archivio di Infowine per approfondire il tema dell'analisi e composizione delle uve in vista della prossima vendemmia
    Pubblicata il:08/08/2019
    10 anni di successi nell’aumentare i gradi Brix
    In dieci anni di prove, il biostimolante vegetale ILSAC-ON ha sempre aumentato i gradi Brix alla vendemmia su tutti i principali vitigni italiani
    ILSA festeggia dieci anni di prove di sviluppo in campo del padre dei suoi biostimolanti, ILSAC-ON, completamente vegetale. Coniugando materia prima (tessuti di piante della famiglia delle Fabaceae...
    Pubblicata il:26/04/2021
    12ª Giornata tecnica Vite e Vino: calo della produzione, ma grande annata per basi spumante e vini da invecchiamento
    Focus tecnico sull'andamento stagionale fitosanitario, qualità dei vini, flavescenza e cimice
    Il 2019 sarà ricordato per un calo della produzione di uve del 15 per cento, ma la qualità dei vini ottenuti si mantiene oltre le aspettative, soprattutto per le basi spumante e i vini da invecchia...
    Pubblicata il:10/12/2019
    1ª edizione Premio CARLO MICONI per una tesi di dottorato in Enologia
    Il premio intende valorizzare le attività di ricerca che abbiano portato un valido contributo, sul piano scientifico, applicativo e divulgativo, nel settore dell’analisi chimico-enologica applicata.
    Pubblicata il:05/02/2018
    1° incontro del cantiere "scuola in vigneto" con i profughi stranieri
    Potatura invernale della vite
    Nell’ambito dell’Azione 7 del Progetto ValorinVitis il 13 marzo 2018 è stata svolta la prima sessione di cantiere scuola in vigneto per i profughi stranieri. Il gruppo di 15 profughi gestito dalla ...
    Pubblicata il:20/03/2018
© Vinidea srl 2016: Piazza I° Maggio, 20, 29028 Ponte dell'Olio (PC) - ITALY - P.Iva: 01286830334
Per contattarci segui questo link
Titolo del periodico: Rivista Internet di Viticoltura ed Enologia
Editore e proprietario: Vinidea Srl
Registro Stampa - Giornali e Periodici: iscrizione presso il Tribunale di Piacenza al n. 722 del 02/03/2018
ISSN 1826-1590
powered by Infonet Srl Piacenza
Privacy Policy
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Maggiori informazioniOK

- A +
ExecTime : 2,139648