italianoenglishfrançaisdeutschespañolportuguês
Lingua
Cerca nel sito
  • » Novità
  • » Il progetto VALORinVITIS ai nastri di partenza
  • Bioprotezione e tecniche specifiche per la riduzione dei solfiti
    Vincent Gerbaux, Institut Français de la Vigne et du Vin; Olivier Pillet, Institut Oenologique de Champagne
    Bioprotezione prefermentativa nell’applicazione della macerazione a freddo e i numerosi vantaggi derivanti dall’utilizzo del lievito Metschnikowia fructicola (IOC Gaïa), e soluzioni naturali altern...
    Pubblicata il: 20/08/2019

Il progetto VALORinVITIS ai nastri di partenza

VALORinVITIS è un progetto per “Ampliamento e valorizzazione della biodiversità per una gestione competitiva e sostenibile della viticoltura piacentina in un contesto di mutate condizioni climatiche e sociali”.

Il progetto vede Il Dipartimento DIPROVES dell’Università Cattolica del Sacro Cuore di Piacenza, diretto dal Prof. Stefano Poni, in qualità di capofila di un Gruppo Operativo del PEI che comprende 8 aziende agricole e due società di servizi (HORTA e VINIDEA). Le aziende agricole rappresentano varie realtà produttive del piacentino in Val Tidone (Mossi, C.S. Vicobarone), Val Trebbia (Tenuta Borri, I Salici, Malaspina, Il Poggiarello, La Pagliara) e Val d’Arda (Villa Rosa).

Il progetto è finanziato nell’ambito della misura 16.1 del PSR 2014-2020 Emilia Romagna.

Obiettivo principale di ValorInVitis è valorizzare ulteriormente le varietà autoctone aumentando la resilienza del sistema produttivo al cambiamento climatico.

In futuro potrà essere interessante riscoprire genotipi locali minori, in grado di mantenere un livello di acidità totale maggiore anche in caso di carichi termici estivi molto elevati; alcune varietà di punta dell’attuale viticoltura piacentina (Ortrugo, Malvasia di Candia aromatica) potrebbero trovare nell’alta collina un areale più fresco e più indicato alla produzione di vini bianchi.

Oltre che a preservare nel futuro la tipicità delle produzioni vinicole locali, il progetto punta a offrire ai produttori strumenti utili a incrementare la sostenibilità ambientale, economica e sociale della viticoltura; tra di essi, il progetto introduce nuovi genotipi sia ibridi produttori sia portinnesti.

Con l’attuazione del progetto sono diversi i risultati attesi:

Valorizzazione del vitigno Ervi (incrocio intraspecifico tra Barbera e Croatina) in risposta alla discontinuità produttiva e alla scarsa fertilità basale della Croatina.

Potenziare il ricorso a tecniche di gestione informatizzata e assistita del vigneto utilizzando, per la pianificazione della difesa, un sistema di supporto alle decisioni (DSS) che verrà applicato sia agli ibridi resistenti sia ai vitigni locali suscettibili di maggiore importanza (Barbera e Croatina).

Consapevolezza del patrimonio viticolo locale tra i giovani studenti piacentini e ampliamento delle competenze tecniche di futuri operatori del settore.

Individuazione di almeno una/due varietà locali minori che mostrino buona adattabilità alle mutate condizioni climatiche e che abbiano maggiore tenuta dell’acidità totale.

Introduzione di portinnesti tolleranti alla siccità.

Protezione della coltura, riduzione dei pesticidi e minore impatto ambientale.

Maggiori informazioni sul progetto su www.valorinvitis.eu

Pubblicata il 21/04/2017
Immagini
Disponibile in english
Schede correlate
  • Analisi e composizione delle uve
    Infowine Focus
    una selezione di contenuti dall'archivio di Infowine per approfondire il tema dell'analisi e composizione delle uve in vista della prossima vendemmia
    Pubblicata il:08/08/2019
  • Maturazione delle uve
    Infowine Focus
    Un estratto dei contenuti di Infowine per approfondire un tema fondamentale per l'ottimizzazione della vendemmia
    Pubblicata il:08/08/2019
  • Rimbalza sul web la notizia che la Food and Drug Administration, l'organismo di controllo statunitense, ha riconosciuto "non pericoloso" l'utilizzo di un ceppo di lievito geneticamente modificato, ...
    Pubblicata il:11/01/2007
  • Chiusure: il tema del futuro
    Nel corso di Enoforum 2005 ha riscosso particolare interesse la relazione di Peter Godden, ricercatore dell'Australian Wine Research Institute di Adelaide (South Australia), che ha esposto i risult...
    Pubblicata il:27/04/2005
  • 1ª edizione Premio CARLO MICONI per una tesi di dottorato in Enologia
    Il premio intende valorizzare le attività di ricerca che abbiano portato un valido contributo, sul piano scientifico, applicativo e divulgativo, nel settore dell’analisi chimico-enologica applicata.
    Pubblicata il:05/02/2018
© Vinidea srl 2016: Piazza I° Maggio, 20, 29028 Ponte dell'Olio (PC) - ITALY - P.Iva: 01286830334
Per contattarci segui questo link
Titolo del periodico: Rivista Internet di Viticoltura ed Enologia
Editore e proprietario: Vinidea Srl
Direttore Responsabile: Dott. Giordano Chiesa
Registro Stampa - Giornali e Periodici: iscrizione presso il Tribunale di Piacenza al n. 722 del 02/03/2018
ISSN 1826-1590
powered by Infonet Srl Piacenza
Privacy Policy
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Maggiori informazioniOK

- A +
ExecTime : 2,21875