italianoenglishfrançaisdeutschespañolportuguês
Lingua
Cerca nel sito
  • » Novità
  • » La sensazione di secchezza nei vini rossi

La sensazione di secchezza nei vini rossi

La sensazione di secchezza nei vini rossi

Gli esperti di vino sono in grado di distinguere facilmente un vino rosso secco, come il Cabernet Sauvignon, da un rosso fruttato, come il Pinot Noir. Gli scienziati hanno a lungo legato questa sensazione di "secchezza" ai tannini, ma il modo in cui queste molecole determinano questa caratteristica sensoriale non è ben noto. Un recente articolo pubblicato sul "Journal of Agricultural and Food Chemistry" dimostra come la struttura del tannino, la sua concentrazione e le interazioni con saliva ed altre componenti del vino influenzino la percezione di secchezza nel vino.

La secchezza o astringenza del vino, è una sensazione di ruvidezza in bocca dopo l’assaggio.  È risaputo che la sensazione di astringenza ha luogo quando i tannini e le proteine salivari interagiscono, si aggregano e precipitano, il che rende la bocca meno lubrificata. Gli autori di questo lavoro hanno voluto esplorare in che modo i tannini di due vini diversi interagiscono con altre caratteristiche degli stessi vini e con le proteine della saliva, influenzando la percezione di secchezza.

A questo scopo sono stati estratti i tannini da un vino rosso secco (Cabernet Sauvignon) e meno secco (Pinot Nero) e attraverso diverse analisi, si è scoperto che il Cabernet Sauvignon contiene tannini in maggiore quantità, di dimensioni più grandi e più pigmentati di quelli del Pinot Nero. Inoltre questi tannini formano più aggregati proteici nella saliva.

Un panel di assaggiatori addestrati hanno giudicato il Cabernet come un vino più secco, con una sensazione di astringenza più prolungata, rispetto al Pinot. È interessante notare che, quando è stato inserito nei vini Cabernet o Pinot l’estratto di tannino corrispondente all’altro vino, i panelisti non sono stati in grado di rilevare differenze. Ad esempio, quando i tannini del Cabernet venivano aggiunti al Pinot, la bevanda sembrava avere la stessa secchezza del Pinot originale. Tuttavia, quando i tannini del Cabernet sono stati aggiunti ad un vino modello (soluzione idroalcolica con acido tartarico), i membri del panel hanno percepito una maggiore intensità e durata della secchezza rispetto a quella del vino modello originale. Pertanto, gli aromi distintivi dei due vini rossi hanno probabilmente influenzato la percezione della secchezza da parte dei partecipanti, impedendo loro di notare i tannini aggiunti.

Questi risultati potrebbero aiutare gli enologi a gestire la percezione di secchezza in base alla composizione del vino e alle caratteristiche del tannino.

Articolo di riferimento:
Red Wine Dryness Perception Related to Physicochemistry; Aude A. Watrelot, Hildegarde Heymann, and Andrew L. Waterhouse; Journal of Agricultural and Food Chemistry Article ASAPDOI: 10.1021/acs.jafc.9b01480

Pubblicata il 26/05/2019
Disponibile in english francais spagnolo
Schede correlate
  • Analisi e composizione delle uve
    Infowine Focus
    una selezione di contenuti dall'archivio di Infowine per approfondire il tema dell'analisi e composizione delle uve in vista della prossima vendemmia
    Pubblicata il:08/08/2019
  • Maturazione delle uve
    Infowine Focus
    Un estratto dei contenuti di Infowine per approfondire un tema fondamentale per l'ottimizzazione della vendemmia
    Pubblicata il:08/08/2019
  • Rimbalza sul web la notizia che la Food and Drug Administration, l'organismo di controllo statunitense, ha riconosciuto "non pericoloso" l'utilizzo di un ceppo di lievito geneticamente modificato, ...
    Pubblicata il:11/01/2007
  • Chiusure: il tema del futuro
    Nel corso di Enoforum 2005 ha riscosso particolare interesse la relazione di Peter Godden, ricercatore dell'Australian Wine Research Institute di Adelaide (South Australia), che ha esposto i risult...
    Pubblicata il:27/04/2005
  • 1ª edizione Premio CARLO MICONI per una tesi di dottorato in Enologia
    Il premio intende valorizzare le attività di ricerca che abbiano portato un valido contributo, sul piano scientifico, applicativo e divulgativo, nel settore dell’analisi chimico-enologica applicata.
    Pubblicata il:05/02/2018
© Vinidea srl 2016: Piazza I° Maggio, 20, 29028 Ponte dell'Olio (PC) - ITALY - P.Iva: 01286830334
Per contattarci segui questo link
Titolo del periodico: Rivista Internet di Viticoltura ed Enologia
Editore e proprietario: Vinidea Srl
Direttore Responsabile: Dott. Giordano Chiesa
Registro Stampa - Giornali e Periodici: iscrizione presso il Tribunale di Piacenza al n. 722 del 02/03/2018
ISSN 1826-1590
powered by Infonet Srl Piacenza
Privacy Policy
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Maggiori informazioniOK

- A +
ExecTime : 2,984375