italianoenglishfrançaisdeutschespañolportuguês
Lingua
Cerca nel sito
  • » Novità
  • » Lieviti non-Saccharomyces: bioprotezione ed espressione sensoriale
  • Come impedire l’insorgenza dei batteri malolattici?
    X-PRO® Bactoclean, il chiarificante policomposto che impedisce l’insorgenza dei batteri malolattici
    Una nuova sinergia tra la riduzione dei batteri lattici del Chitosano Y, le proprietà illimpidenti della proteina di patata e l’azione del Lievito Inattivo Specifico ottenuto dal Processo X-PRO®.
    Pubblicata il: 02/09/2021

Lieviti non-Saccharomyces: bioprotezione ed espressione sensoriale

Lieviti non-<i>Saccharomyces</i>: bioprotezione ed espressione sensoriale

Grazie ad innovativi programmi di R&D, Lallemand ha selezionato lieviti non-Saccharomyces da usare in abbinamento a S. cerevisiae nelle fermentazioni enologiche, permettendo così di avvalersi di strumenti ideali per la gestione delle problematiche legate al cambiamento climatico e alle nuove tendenze di riduzione della solforosa, oltre che per contribuire alla qualità dei vini dal punto di vista sensoriale, grazie ad attività enzimatiche specifiche, alla produzione di glicerolo ed all’incremento dell’acidità attraverso la produzione di acidi organici, fino alla protezione della frazione aromatica e fenolica dai fenomeni ossidativi ed alla bioprotezione dalla microflora indesiderata.

Dalla collaborazione tra Lallemand e l’IFV - Institut Français de la Vigne (Beaune, Borgogna, Francia) da quest’anno sono disponibili due innovative M. pulcherrima per la bioprotezione di uve e mosti.


LEVEL2 INITIA™ è stata selezionata per la protezione microbica e ossidativa nelle fasi prefermentative della vinificazione in bianco e in rosato e, oltre alla sua abilità nella protezione dalla microflora contaminante, è altamente efficace nel prevenire i fenomeni ossidativi grazie alla capacità di consumare l’ossigeno disciolto e ridurre il contenuto di rame presente nei mosti. Questa M. pulcherrima è uno strumento biologico unico ed innovativo per preservare il potenziale aromatico e proteggere i mosti bianchi e rosati dai fenomeni ossidativi nelle fasi prefermentative permettendo di limitare l’utilizzo di SO2. (Per saperne di più)

LEVEL2 GUARDIA™ aggiunta nelle primissime fasi del processo produttivo, colonizza e cresce rapidamente nel mezzo assicurando una precoce ed efficiente bioprotezione dei mosti rossi. Il meccanismo d’azione esclusivo si basa sulla capacità di secernere elevate concentrazioni di acido pulcherriminico, un composto in grado di chelare il ferro presente nel mezzo che rende l’ambiente inadatto alla crescita della microflora contaminante, agevolando il decorso della fermentazione alcolica ad opera del S. cerevisiae inoculato in maniera sequenziale.

Level

Figura 1 - Conta microbica dei lieviti su mosto di Pinot nero - IFV, Beaune, Francia, 2020. Comparazione tra mosto aggiunto di 10 g/hL di LEVEL² GUARDIA™ prima della macerazione prefermentativa a freddo (5 giorni a 10°C) e un mosto controllo aggiunto di 2,5 g/q uva di SO2.

Come alternativa naturale all’acidificazione chimica Lallemand propone LEVEL2 LAKTIA™, una L. thermotolerans selezionata nel La Rioja, Spagna, per le sue proprietà uniche nel produrre acido lattico durante la fermentazione alcolica; è uno strumento naturale per riequilibrare l’acidità nei vini rossi, bianchi e rosati apportando freschezza nell’aroma e nella percezione al palato.

Level

Figura 2. Impatto sull’acidità e sul pH, Glera 2019, Italia – prova comparativa condotta con e senza LEVEL2 LAKTIA™ (tempo di contatto 72 ore)

Per esprime al meglio il potenziale aromatico c’è M. pulcherrima LEVEL2 FLAVIA™,  selezionata dall’Università di Santiago del Cile per le sue importanti attività enzimatiche capaci di incrementare il rilascio di composti aromatici varietali, in particolare terpeni e tioli; l’elevata attività α-arabinofuranosidasica e β-glucosidasica permettono di rilasciare i terpeni presenti in forma glicosidata, mentre l’attività β-liasica permette di incrementare la liberazione di tioli volatili.

LEVEL2 BIODIVA™, invece, è una coltura pura di T. delbrueckii selezionata per enfatizzare il profilo organolettico dei vini rossi, bianchi e rosati ed incrementarne la complessità aromatica e gustativa; questo lievito favorisce la percezione di alcuni esteri volatili ed è abile nel produrre polioli contribuendo così in maniera positiva alla morbidezza e corposità dei vini senza mascherarne la tipicità.

Dalla collaborazione con l’ICV nasce infine ICV NYMPHEA®un’altra T. delbrueckii ideale per promuovere lo sviluppo di aromi delicati e floreali nei mosti bianchi, rossi e rosati, apportando dolcezza e volume al palato in sinergia alla capacità di controllare microrganismi indesiderati nelle prime fasi di vinificazione nei mosti rossi, riducendo così il rischio di deviazioni organolettiche. Consulta il protocollo di utilizzo messo a punto dall’ICV.

Level

 

VVQ – Cover story Lieviti non-Saccharomyces LEVEL2

Pubblicata il 24/08/2021
Schede correlate
    Analisi e composizione delle uve
    Infowine Focus
    una selezione di contenuti dall'archivio di Infowine per approfondire il tema dell'analisi e composizione delle uve in vista della prossima vendemmia
    Pubblicata il:08/08/2019
    10 anni di successi nell’aumentare i gradi Brix
    In dieci anni di prove, il biostimolante vegetale ILSAC-ON ha sempre aumentato i gradi Brix alla vendemmia su tutti i principali vitigni italiani
    ILSA festeggia dieci anni di prove di sviluppo in campo del padre dei suoi biostimolanti, ILSAC-ON, completamente vegetale. Coniugando materia prima (tessuti di piante della famiglia delle Fabaceae...
    Pubblicata il:26/04/2021
    12ª Giornata tecnica Vite e Vino: calo della produzione, ma grande annata per basi spumante e vini da invecchiamento
    Focus tecnico sull'andamento stagionale fitosanitario, qualità dei vini, flavescenza e cimice
    Il 2019 sarà ricordato per un calo della produzione di uve del 15 per cento, ma la qualità dei vini ottenuti si mantiene oltre le aspettative, soprattutto per le basi spumante e i vini da invecchia...
    Pubblicata il:10/12/2019
    1ª edizione Premio CARLO MICONI per una tesi di dottorato in Enologia
    Il premio intende valorizzare le attività di ricerca che abbiano portato un valido contributo, sul piano scientifico, applicativo e divulgativo, nel settore dell’analisi chimico-enologica applicata.
    Pubblicata il:05/02/2018
    1° incontro del cantiere "scuola in vigneto" con i profughi stranieri
    Potatura invernale della vite
    Nell’ambito dell’Azione 7 del Progetto ValorinVitis il 13 marzo 2018 è stata svolta la prima sessione di cantiere scuola in vigneto per i profughi stranieri. Il gruppo di 15 profughi gestito dalla ...
    Pubblicata il:20/03/2018
© Vinidea srl 2016: Piazza I° Maggio, 20, 29028 Ponte dell'Olio (PC) - ITALY - P.Iva: 01286830334
Per contattarci segui questo link
Titolo del periodico: Rivista Internet di Viticoltura ed Enologia
Editore e proprietario: Vinidea Srl
Registro Stampa - Giornali e Periodici: iscrizione presso il Tribunale di Piacenza al n. 722 del 02/03/2018
ISSN 1826-1590
powered by Infonet Srl Piacenza
Privacy Policy
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Maggiori informazioniOK

- A +
ExecTime : 1,53125