italianoenglishfrançaisdeutschespañolportuguês
Lingua
Cerca nel sito
  • » Novità
  • » L'OIV approva l' utilizzo in cantina della tecnologia degli impulsi elettrici ad alta tensione (PEF)
  • La mela non si tocca - A Diachem movie
    Una visione che si proietta sul domani con una proposta sostenibile e integrata, che parte dal desiderio di contribuire alla sicurezza alimentare globale, rispettando Uomo e Ambiente.
    Pubblicata il: 24/11/2021

L'OIV approva l' utilizzo in cantina della tecnologia degli impulsi elettrici ad alta tensione (PEF)

L'OIV approva l' utilizzo in cantina della tecnologia degli impulsi elettrici ad alta tensione (PEF)

L'applicazione della tecnologia PEF (High Voltage Electric Pulses) permette di ridurre i tempi di macerazione delle uve consentendo di  migliorare la competitività delle cantine aumentandone la produttività e riducendo i costi energetici associati alla vinificazione.

I ricercatori Javier Raso e Ignacio Álvarez dell'Università di Saragozza, Spagna, dopo diversi anni di studio, hanno sviluppato il processo di applicazione della tecnologia degli impulsi elettrici ad alta tensione (PEF) per la vinificazione. I risultati ottenuti sono stati presentati a Parigi agli esperti dell'Organizzazione internazionale della vigna e del vino (OIV) che ne ha approvato l'uso durante la 18a Assemblea Generale dell'OIV.

Il trattamento con tecnologia PEF provoca la formazione di pori nelle cellule della buccia dell'uva, facilitando l'estrazione dei composti fenolici e dei precursori aromatici localizzati all'interno, che giocano un ruolo determinante nella qualità finale del vino.

Grazie all'approvazione da parte dell’OIV, le cantine d'ora in poi avranno uno strumento che permetterà  di ridurre i tempi di macerazione permettendo un importante risparmio energetico e un aumento della loro capacità di produzione senza bisognio di investire nell'acquisito di nuove vasche di fermentazione-macerazione. Tutto ciò si traduce in un miglioramento della competitività e sostenibilità delle cantine.

Il processo di approvazione della tecnologia è iniziato nel 2018 su richiesta della delegazione spagnola coordinata dal ministero dell'Agricoltura. I risultati ottenuti dai ricercatori dell'Università di Saragozza, frutto di tre anni di studio presentati al gruppo di esperti dell'OIV, sono stati decisivi per il superamento delle otto fasi necessarie per l'approvazione di una risoluzione da parte di questo organismo.

Ecco i link alle presentazioni di questo gruppo di ricerca in occasione dell'undicesima edizione di Enoforum a Saragozza:

High Voltage Electric Pulses (PEF), a viable technology to improve the extraction of polyphenols in the red wine making process
Marcos Andrés Maza, University of Zaragoza

Reduction of aging time on Chardonnay wine lees by electroporation
Juan Manuel Martínez, University of Zaragoza

Pubblicata il 25/01/2021
Schede correlate
© Vinidea srl 2016: Piazza I° Maggio, 20, 29028 Ponte dell'Olio (PC) - ITALY - P.Iva: 01286830334
Per contattarci segui questo link
Titolo del periodico: Rivista Internet di Viticoltura ed Enologia
Editore e proprietario: Vinidea Srl
Registro Stampa - Giornali e Periodici: iscrizione presso il Tribunale di Piacenza al n. 722 del 02/03/2018
ISSN 1826-1590
powered by Infonet Srl Piacenza
Privacy Policy
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Maggiori informazioniOK

- A +
ExecTime : 10,85938