italianoenglishfrançaisdeutschespañolportuguês
Lingua
Cerca nel sito
  • » Novità
  • » Mannoproteine: utilizzi in enologia per affinare il vino
  • Come impedire l’insorgenza dei batteri malolattici?
    X-PRO® Bactoclean, il chiarificante policomposto che impedisce l’insorgenza dei batteri malolattici
    Una nuova sinergia tra la riduzione dei batteri lattici del Chitosano Y, le proprietà illimpidenti della proteina di patata e l’azione del Lievito Inattivo Specifico ottenuto dal Processo X-PRO®.
    Pubblicata il: 02/09/2021

Mannoproteine: utilizzi in enologia per affinare il vino

Mannoproteine: utilizzi in enologia per affinare il vino

Le mannoproteine sono una particolare tipologia di polisaccaride derivato dal lievito, che trova impiego in enologia principalmente nella stabilizzazione tartarica e proteica, nella stabilizzazione del colore e nella diminuzione dell’astringenza.

In enologia è indicato come “élevage sur lies” il processo mediante il quale, al termine della fermentazione alcolica, le cellule di lievito, non più vitali, vengono mantenute a contatto con il vino e periodicamente rimesse in sospensione, in modo che le varie componenti secondarie all’autolisi vengano liberate e diffuse nel mezzo. In questo processo spontaneo sono coinvolti numerosi agenti enzimatici cellulari. L’uso di mannoproteine in enologia è una tecnica alternativa all’ “élevage sur lies”.

Il ceppo del lievito influisce fortemente sul potenziale di rilascio di alcuni composti e questa proprietà dipende anche dalle sue condizioni di crescita. Inoltre, il momento e il metodo di inattivazione del lievito influiscono sulla liberazione più o meno rapida e selettiva nel vino, dei diversi composti del lievito stesso, tra cui le mannoproteine.

Attraverso specifiche tecniche di estrazione e purificazione, si sono potute selezionare particolari frazioni di mannoproteine istantaneamente attive e solubili nel vino, compatibili con la filtrazione finale quindi adatte ad essere utilizzate in pre-imbottigliamento. Nasce così il range ultiMA sviluppato dal team di ricerca IOC.

Cerchiamo di capire meglio che cosa sono le mannoproteine, quali sono i loro effetti sulla produzione del vino e gli obiettivi enologici per cui vengono utilizzate.

Cosa sono le mannoproteine in enologia

Nello specifico, sono proteoglicani, che a differenza delle glicoproteine (proteine legate a specifiche molecole di zucchero) sono molecole che contengono un’alta quantità di zucchero che “protegge” una proteina. Lo zucchero principale è il mannosio e da cui il nome mannoproteine.

Il rilascio delle mannoproteine in termini di quantità, rapidità e selettività è influenzato fortemente da diversi fattori: il ceppo di lievito utilizzato, le sue condizioni di crescita, l’andamento della fermentazione e il metodo scelto di inattivazione del lievito.

Sulla base del momento di rilascio delle mannoproteine, possiamo distinguere due fasi:

  • durante la fermentazione alcolica: il rilascio delle mannoproteine avviene naturalmente nel corso della fermentazione alcolica, fin dall’inizio della crescita del lievito,
  • dopo la fermentazione alcolica: le mannoproteine vengono rilasciate quando le fecce di lievito (cellule non più in vita) restano nel vino e vengono rimesse in sospensione, per agevolare il processo di autolisi. Questo metodo di affinamento è definito élevage sur lies.

 

Funzione ed effetti delle mannoproteine nel vino

La presenza di specifiche mannoproteine nel vino comporta diversi effetti dal punto di vista della stabilizzazione, della fermentazione e della componente aromatica del vino stesso.

Stabilizzazione tartarica: le mannoproteine sono in grado di agire come colloide protettore e regolare la precipitazione tartarica, prevenendo la formazione di depositi e influenzando la mineralità nel gusto, sia di vini rossi che di vini bianchi;

Stabilità nella struttura del vino: interagendo con altre proteine e i tannini presenti nel vino, le mannoproteine vanno a creare un profilo organolettico più “corposo” e una struttura del vino più ricca e voluminosa. Aumentano rotondità e morbidezza del vino. Modificano la percezione dell’astringenza e riducono l’amaro.

Protezione del colore e dell’aroma: la presenza di mannoproteine nel vino aumenta la persistenza degli aromi del vino in bocca, aumentandone la qualità percepita, e favorisce la preservazione del colore del vino.

Controllo del perlage: le mannoproteine aumentano la tensione superficiale del vino, impedendo la liberazione immediata di anidride carbonica e preservando l’effervescenza dello spumante, sia col metodo Charmat che col metodo Classico;

Riduzione dell’astringenza: il particolare legame delle mannoproteine con i tannini favorisce la diminuzione del loro sapore tipicamente amaro e astringente, conferendo un gusto del vino più morbido e gradevole al palato.

I vantaggi delle mannoproteine Perdomini-IOC

Il team di Ricerca&Sviluppo dell’Institute Oenologique de Champagne (IOC), attraverso specifici protocolli di selezione, ha individuato particolari frazioni di mannoproteine del lievito che presentano il grande vantaggio di essere istantaneamente attive e totalmente solubili nel vino. Queste mannoproteine, che prendono il nome ultiMA, proposta da Perdomini-IOC, sono disponibili sia in forma solida che in forma liquida; quest’ultime per essere dosate direttamente nel vino con azione immediata.

Le mannoproteine ultiMA sono state selezionate anche per la loro compatibilità con le membrane di filtrazione finale (microfiltrazione) rivelandosi quindi idonee per i trattamenti pre-imbottigliamento.

Una novità assoluta è data dalla mannoproteina ultiMA Jump, specificatamente selezionata per aumentare la freschezza nei vini bianchi e nei vini rosati, diminuendo la secchezza e l’astringenza. Questo trattamento si differenzia per l’aumento significativo della longevità dei vini trattati e per la straordinaria persistenza olfattiva e gustativa.

Ogni soluzione del range ultiMA ha uno specifico obiettivo sensoriale: per un’accurata scelta delle mannoproteine per la propria cantina, Perdomini-IOC offre un Droppers Box con campioni liquidi per ogni categoria, con cui è possibile verificare subito l’impatto sensoriale dosando i tester direttamente in bottiglia o nel bicchiere.

Ti interessa saperne di più? Contatta i tecnici Perdomini-IOC (info@perdomini-ioc.com) o l’agente di zona più vicino a te, e prova la nostra gamma di mannoproteine ultiMA direttamente nella tua cantina!

Pubblicata il 09/09/2021
Schede correlate
    Analisi e composizione delle uve
    Infowine Focus
    una selezione di contenuti dall'archivio di Infowine per approfondire il tema dell'analisi e composizione delle uve in vista della prossima vendemmia
    Pubblicata il:08/08/2019
    10 anni di successi nell’aumentare i gradi Brix
    In dieci anni di prove, il biostimolante vegetale ILSAC-ON ha sempre aumentato i gradi Brix alla vendemmia su tutti i principali vitigni italiani
    ILSA festeggia dieci anni di prove di sviluppo in campo del padre dei suoi biostimolanti, ILSAC-ON, completamente vegetale. Coniugando materia prima (tessuti di piante della famiglia delle Fabaceae...
    Pubblicata il:26/04/2021
    12ª Giornata tecnica Vite e Vino: calo della produzione, ma grande annata per basi spumante e vini da invecchiamento
    Focus tecnico sull'andamento stagionale fitosanitario, qualità dei vini, flavescenza e cimice
    Il 2019 sarà ricordato per un calo della produzione di uve del 15 per cento, ma la qualità dei vini ottenuti si mantiene oltre le aspettative, soprattutto per le basi spumante e i vini da invecchia...
    Pubblicata il:10/12/2019
    1ª edizione Premio CARLO MICONI per una tesi di dottorato in Enologia
    Il premio intende valorizzare le attività di ricerca che abbiano portato un valido contributo, sul piano scientifico, applicativo e divulgativo, nel settore dell’analisi chimico-enologica applicata.
    Pubblicata il:05/02/2018
    1° incontro del cantiere "scuola in vigneto" con i profughi stranieri
    Potatura invernale della vite
    Nell’ambito dell’Azione 7 del Progetto ValorinVitis il 13 marzo 2018 è stata svolta la prima sessione di cantiere scuola in vigneto per i profughi stranieri. Il gruppo di 15 profughi gestito dalla ...
    Pubblicata il:20/03/2018
© Vinidea srl 2016: Piazza I° Maggio, 20, 29028 Ponte dell'Olio (PC) - ITALY - P.Iva: 01286830334
Per contattarci segui questo link
Titolo del periodico: Rivista Internet di Viticoltura ed Enologia
Editore e proprietario: Vinidea Srl
Registro Stampa - Giornali e Periodici: iscrizione presso il Tribunale di Piacenza al n. 722 del 02/03/2018
ISSN 1826-1590
powered by Infonet Srl Piacenza
Privacy Policy
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Maggiori informazioniOK

- A +
ExecTime : 2