italianoenglishfrançaisdeutschespañolportuguês
Lingua
Cerca nel sito
  • » Novità
  • » Premio ASSOENOLOGI VERSINI 2019: ecco i 15 lavori selezionati

Premio ASSOENOLOGI VERSINI 2019: ecco i 15 lavori selezionati

Premio ASSOENOLOGI VERSINI 2019:  ecco i 15 lavori selezionati

Ê finita la fase di selezione dei lavori candidati alla settima edizione del Premio Assoenologi Giuseppe Versini 2019.

SIVE ed ASSOENOLOGI, condividendo l’obiettivo di promuovere il dialogo e la collaborazione tra le aziende produttive ed il mondo della ricerca enologica e viticola, hanno indetto, con il supporto di FEM (Fondazione Edmund Mach), l’edizione 2019 del Premio, dedicato alla ricerca pubblica italiana. 

In questa prima fase, il Comitato Scientifico SIVE, composto da rinomati ricercatori internazionali, ha selezionato, sulla base del grado d’innovazione ed interesse dell’argomento, i 15 lavori che saranno presentati dai rispettivi autori alla 12ª edizione di ENOFORUM che si svolgerà a Vicenza dal 21 al 23 maggio 2019.

Gli enologi partecipanti voteranno le ricerche in base alla loro utilità per il proprio lavoro, decretando il vincitore del Premio Assoenologi Versini. Novità di quest’anno, ci saranno anche due premi speciali assegnati dai ricercatori e dagli studenti presenti al Congresso.

Ecco la lista dei 15 lavori selezionati:

  • Caolino su vite con effetto sunscreen
    Alberto Palliotti, Università degli Studi di Perugia 
     
  • Effetti della potatura tardiva sulla maturità tecnologica e fenolica nella cv Merlot 
    Gianluca Allegro, DISTAL, Università di Bologna
     
  • Verso lo sviluppo di un kit molecolare per l’autenticazione molecolare del Brunello di Montalcino
    Rita Vignani, Università di Siena 
     
  • Caratteristiche chimiche del vino prodotto da varietà tolleranti alle malattie
    Silvia Ruocco, Università degli Studi di Udine - FEM
     
  • Applicazione di tannini non convenzionali come marker di autenticità 
    Edoardo Longo, Libera Università di Bolzano 
     
  • Estratti antiossidanti da uve immature e loro utilizzo nel vino ed altri alimenti 
    Giovanna Fia, Università degli Studi di Firenze
     
  • Lieviti microincapsulati innovativi per la produzione di vino spumante secondo metodo classico
    Ilaria Benucci, Università degli Studi della Tuscia 
     
  • Fermentazioni vinarie mediante starter misto lievito/batterio in forma immobilizzata
    Francesco Grieco, CNR-ISPA
     
  • Chitosano in enologia: un'analisi rapida e innovativa per garantire l'origine da fungo 
    Matteo Perini, FEM 
     
  • Relazione tra composizione e proprietà antiossidanti di derivati di lievito commerciali 
    Piergiorgio Comuzzo, Università di Udine 
     
  • Nuovo dispositivo per la stabilizzazione in flusso continuo del vino bianco
    Giuseppina Paola Parpinello, Università di Bologna 
     
  • Tecniche analitiche combinate per lo studio della stabilità dei vini bianchi
    Elisabetta Bellantuono, Università degli Studi di Udine
     
  • Sviluppo di metodi elettrochimici per applicazioni enologiche
    Maurizio Ugliano, Università di Verona 
     
  • Evoluzione del difetto di luce nel vino bianco durante la conservazione
    Daniela Fracassetti, Università` di Milano 
     
  • La gestione del lievito nelle fasi post-fermentative: riduzione dell’uso dei solfiti e prolungamento della shelf-life del vino Prosecco
    Viviana Corich, Università degli Studi di Padova

 

Assoenologi logoASSOENOLOGI nasce ad Asti nel 1891, quando Arturo Marescalchi, in occasione del primo “convegno” della categoria, fondò la “Società degli enotecnici italiani”, cioè la progenitrice dell’attuale “Associazione enologi enotecnici italiani”. Assoenologi si propone, senza fini di lucro e nel rispetto del principio della mutualità, la tutela professionale dell'enologo e dell'enotecnico e dei tecnici del settore vitivinicolo in generale sotto il profilo sindacale, etico, giuridico ed economico, e di rappresentare la categoria a tutti i livelli.
L'Assoenologi inoltre sostiene la ricerca in campo viticolo-enologico e incentiva la sperimentazione finalizzata alla risoluzione dei problemi tecnici con cui gli enologi e gli enotecnici ogni giorno si devono confrontare in vigneto ed in cantina.
Promuove inoltre l'aggiornamento tecnico dei soci con pubblicazioni, convegni, seminari ed altri mezzi idonei e sostiene lo spirito associativo e di solidarietà tra gli enologi e gli enotecnici ed i tecnici vitivinicoli con incontri, riunioni, pubblicazioni, convegni e similari, e con tutte quelle attività o iniziative che si ritengono necessarie all'interesse mutualistico dei soci.
Un altro scopo primario dell'Assoenologi è quello di operare per il miglioramento e la tutela della produzione vitivinicola nazionale e per la sua valorizzazione e diffusione in Italia e all'estero partecipando a comitati e commissioni ministeriali e proponendo ai competenti uffici obiettive considerazioni e risoluzioni.

 

La Fondazione Edmund Mach (FEM) svolge attività di ricerca scientifica, istruzione e formazione, sperimentazione, consulenza e servizio alle imprese nei settori agricolo, agro-alimentare e ambientale. La FEM continua gli scopi e l'attività dell'Istituto Agrario di San Michele all'Adige nei cui laboratori il dott. Giuseppe Versini ha operato lungamente come ricercatore.
FEM è strutturata in tre poli costituiti dal Centro Istruzione e Formazione, dal Centro Ricerca e Innovazione e dal Centro Trasferimento Tecnologico. Quest'ultimo in particolare è designato a gestire le attività di ricerca applicata e sperimentazione, i servizi e la consulenza a favore delle imprese del settore agro-alimentare.

Pubblicata il 20/03/2019
Schede correlate
  • Analisi e composizione delle uve
    Infowine Focus
    una selezione di contenuti dall'archivio di Infowine per approfondire il tema dell'analisi e composizione delle uve in vista della prossima vendemmia
    Pubblicata il:08/08/2019
  • Maturazione delle uve
    Infowine Focus
    Un estratto dei contenuti di Infowine per approfondire un tema fondamentale per l'ottimizzazione della vendemmia
    Pubblicata il:08/08/2019
  • Rimbalza sul web la notizia che la Food and Drug Administration, l'organismo di controllo statunitense, ha riconosciuto "non pericoloso" l'utilizzo di un ceppo di lievito geneticamente modificato, ...
    Pubblicata il:11/01/2007
  • Chiusure: il tema del futuro
    Nel corso di Enoforum 2005 ha riscosso particolare interesse la relazione di Peter Godden, ricercatore dell'Australian Wine Research Institute di Adelaide (South Australia), che ha esposto i risult...
    Pubblicata il:27/04/2005
  • 1ª edizione Premio CARLO MICONI per una tesi di dottorato in Enologia
    Il premio intende valorizzare le attività di ricerca che abbiano portato un valido contributo, sul piano scientifico, applicativo e divulgativo, nel settore dell’analisi chimico-enologica applicata.
    Pubblicata il:05/02/2018
© Vinidea srl 2016: Piazza I° Maggio, 20, 29028 Ponte dell'Olio (PC) - ITALY - P.Iva: 01286830334
Per contattarci segui questo link
Titolo del periodico: Rivista Internet di Viticoltura ed Enologia
Editore e proprietario: Vinidea Srl
Direttore Responsabile: Dott. Giordano Chiesa
Registro Stampa - Giornali e Periodici: iscrizione presso il Tribunale di Piacenza al n. 722 del 02/03/2018
ISSN 1826-1590
powered by Infonet Srl Piacenza
Privacy Policy
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Maggiori informazioniOK

- A +
ExecTime : 2,5