italianoenglishfrançaisdeutschespañolportuguês
Lingua
Cerca nel sito
  • » Novità
  • » Può un unico analizzatore multiparametrico enzimatico sostituire gli strumenti tradizionali e i metodi ufficiali per un completo controllo della maturazione dell'uva?
  • Longevità dei vini bianchi:
    Accorgimenti in affinamento per ridurre i rischi legati all’ossigeno
    L’evoluzione dei vini bianchi, nel periodo compreso tra la fine della fermentazione alcolica e l’imbottigliamento, è strettamente legata alla presenza di O2 disciolto e alle conseguenti...
    Pubblicata il: 30/03/2021

Può un unico analizzatore multiparametrico enzimatico sostituire gli strumenti tradizionali e i metodi ufficiali per un completo controllo della maturazione dell'uva?

L’Università Cattolica Sacro Cuore utilizza Smart Analysis per l’analisi del mosto d’uva all’interno del progetto Europeo BIOVINE

Può un unico analizzatore multiparametrico enzimatico sostituire gli strumenti tradizionali e i metodi ufficiali per un completo controllo della maturazione dell'uva?

In questo articolo riportiamo i risultati di un lavoro dell’Università Cattolica del Sacro Cuore di Piacenza che ha utilizzato e validato la piattaforma di analisi enzimatica Smart Analysis per le analisi di controllo nelle fasi di maturazione e raccolta dell’uva.

In particolare, questo lavoro è stato svolto dal Dipartimento di Scienze delle Produzioni Vegetali Sostenibili (DI.PRO.VE.S) dell’Università di Piacenza all’interno del Progetto Europeo BIOVINE dal titolo “Exploit biodiversity in viticultural systems to reduce pest damage and pesticide use and increase ecosystems services provision”, del quale il Prof. Rossi è coordinatore. Il Progetto BIOVINE è stato finanziato nell’ambito del progetto H2020 ERA-net, CORE Organic Cofund, e cofinanziato dalla Commissione Europea (2019-2021).

Il Progetto BIOVINE mira ad un’agricoltura sostenibile e il suo obbiettivo principale è quello di sviluppare nuovi sistemi viticoli basati sulla biodiversità delle piante sia all’interno che intorno al vigneto per controllare i parassiti e ridurre la dipendenza dai pesticidi.

Una delle attività previste all’interno del progetto, gestita proprio dal DI.PRO.VE.S, ha riguardato l’analisi di vari parametri di qualità nei grappoli d’uva in fase di maturazione e di raccolta, provenienti da prove on farm (su estese porzioni di vigneto) gestite con l’inerbimento di diversi miscugli di cover crops.

Il Dipartimento DI.PRO.VE.S ha inserito l’innovativa piattaforma di analisi enzimatica Smart Analysis tra i metodi di analisi utilizzati per il controllo dei grappoli, mettendolo a confronto con sistemi e metodi di analisi sia tradizionali che ufficiali.

CONTINUA A LEGGERE

Pubblicata il 22/03/2021
Schede correlate
© Vinidea srl 2016: Piazza I° Maggio, 20, 29028 Ponte dell'Olio (PC) - ITALY - P.Iva: 01286830334
Per contattarci segui questo link
Titolo del periodico: Rivista Internet di Viticoltura ed Enologia
Editore e proprietario: Vinidea Srl
Registro Stampa - Giornali e Periodici: iscrizione presso il Tribunale di Piacenza al n. 722 del 02/03/2018
ISSN 1826-1590
powered by Infonet Srl Piacenza
Privacy Policy
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Maggiori informazioniOK

- A +
ExecTime : 2,533203