italianoenglishfrançaisdeutschespañolportuguês
Lingua
Cerca nel sito
  • » Novità
  • » Ridurre i livelli di ftalato nel vino
  • La gestione dei gas disciolti nel vino
    Angelita Gambuti, Università di Napoli; Marco Li Calzi, Tebaldi Srl
    Approfondisci questo tema guardando i video ripresi ad Enoforum 2019 e vieni a trovarci allo stand Tebaldi del SIMEI (Pad.11- stand T11-U12) per parlare di questa tecnologia....
    Pubblicata il: 05/11/2019

Ridurre i livelli di ftalato nel vino

Ridurre i livelli di ftalato nel vino

Sono stati condotti test di laboratorio con lo scopo di ridurre od anche eliminare le molecole di ftalato e bisfenolo A potenzialmente presenti nel vino. Con alcuni di questi metodi sono stati ottenuti buoni risultati.

Gli ftalati sono additivi comunemente usati nella produzione di materiali plastici per renderli flessibili. Il bisfenolo A è il principale costituente delle resine epossidiche utilizzate per il rivestimento di tini per vinificazione in cemento o acciaio. Questi sono composti indesiderati nei vini poiché classificati sostanze tossiche di categoria 1B e sospettati di essere interferenti endocrini.

Le potenziali fonti di contaminazione durante la fase di vinificazione sono molte e varie. L'IFV (Istituto Francese della Vite e del Vino) in collaborazione con diverse associazioni professionali hanno istituito un gruppo di lavoro per acquisire conoscenze sulla presenza di ftalati e bisfenolo A nei vini, valutare l’impatto dei diversi trattamenti enologici e identificare le origini di queste molecole lungo tutta la catena viticola.

Le indagini hanno mostrato la presenza regolare nei vini di due ftalati, dibutilftalato (DBP) e benzilbutilftalato (BBP) e di bisfenolo A (BPA). I serbatoi rivestiti in resina epossidica e i tubi flessibili sono le due principali fonti di contaminazione identificate.

Il dimetilftalato (DMP) è stato trovato principalmente nei vini invecchiati diversi mesi in vasche di fibra di vetro. Il DBP è la molecola che si trova più spesso ma all'inizio non viene rilevato nei mosti. È quindi durante fase di vinificazione che può avvenire la contaminazione. I livelli sono variabili ma sono generalmente inferiori al limite di migrazione specifica (LMS) di 0,3 mg / kg.

Numerosi sistemi di  filtrazione, chiarificanti ed altri prodotti enologici sono stati testati in laboratorio.

È stato osservato che in genere DMP e BPA sono i più difficili da eliminare, mentre il DBP può essere eliminato in modo più o meno efficace.

Granuli di copolimeri di stirene e divinilbenzene consentono un'ottima eliminazione di quasi tutti gli ftalati e del BPA. La riduzione ottenuta è almeno del 60% e vicina al 100% per il DBP.

I carboni portano all'eliminazione di DBP dall'80 al 95%.

Le fibre vegetali hanno un'alta capacità di assorbimento di DBP (> 60%), mentre l’impatto è inferiore per quanto riguarda il BPA e il terz-butilfenolo (riduzione media del 20%).

La corteccia del lievito consente un'eliminazione media del DBP. L'effetto su altri ftalati e BPA è invece molto limitato o addirittura nullo.

Gli altri prodotti testati (farina fossile, cellulosa, mannoproteine, chitosano, gelatina, lisozima, albumina, bentonite, PVPP, caseina e pisello) hanno mostrato effetti solo parziali o addirittura nulli sull'eliminazione delle molecole bersaglio.

In conclusione è stato dimostrato che alcuni trattamenti sono in grado di eliminare significativamente il DBP, il principale ftalato nei vini. I trattamenti più efficaci sono stati le Granuli di copolimeri di stirene e divinilbenzene, entrambi i tipi di carbone (decolorante e decontaminante) e le fibre vegetali selettive.

Fonte: IFV

Pubblicata il 28/10/2019
Schede correlate
  • Analisi e composizione delle uve
    Infowine Focus
    una selezione di contenuti dall'archivio di Infowine per approfondire il tema dell'analisi e composizione delle uve in vista della prossima vendemmia
    Pubblicata il:08/08/2019
  • Maturazione delle uve
    Infowine Focus
    Un estratto dei contenuti di Infowine per approfondire un tema fondamentale per l'ottimizzazione della vendemmia
    Pubblicata il:08/08/2019
  • Rimbalza sul web la notizia che la Food and Drug Administration, l'organismo di controllo statunitense, ha riconosciuto "non pericoloso" l'utilizzo di un ceppo di lievito geneticamente modificato, ...
    Pubblicata il:11/01/2007
  • Chiusure: il tema del futuro
    Nel corso di Enoforum 2005 ha riscosso particolare interesse la relazione di Peter Godden, ricercatore dell'Australian Wine Research Institute di Adelaide (South Australia), che ha esposto i risult...
    Pubblicata il:27/04/2005
  • 1ª edizione Premio CARLO MICONI per una tesi di dottorato in Enologia
    Il premio intende valorizzare le attività di ricerca che abbiano portato un valido contributo, sul piano scientifico, applicativo e divulgativo, nel settore dell’analisi chimico-enologica applicata.
    Pubblicata il:05/02/2018
© Vinidea srl 2016: Piazza I° Maggio, 20, 29028 Ponte dell'Olio (PC) - ITALY - P.Iva: 01286830334
Per contattarci segui questo link
Titolo del periodico: Rivista Internet di Viticoltura ed Enologia
Editore e proprietario: Vinidea Srl
Direttore Responsabile: Dott. Giordano Chiesa
Registro Stampa - Giornali e Periodici: iscrizione presso il Tribunale di Piacenza al n. 722 del 02/03/2018
ISSN 1826-1590
powered by Infonet Srl Piacenza
Privacy Policy
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Maggiori informazioniOK

- A +
ExecTime : 2,419922