italianoenglishfrançaisdeutschespañolportuguês
Lingua
Cerca nel sito
  • » Novità
  • » Scoperti importanti tratti distintivi del lievito: la tolleranza al rame e ai solfiti
  • Raffaele LOPREIATO – Università degli studi di Padova; Paolo ANTONIALI – Italiana Biotecnologie; Francesco RUSALEN – EVER srl
    Presentato per la prima volta all’ENOFORUM 2015, il progetto Y-TEAM rappresenta oggi il fiore all’occhiello dell’attività di R&D di EVER per le biotecnologie.
    Pubblicata il: 25/06/2018

Scoperti importanti tratti distintivi del lievito: la tolleranza al rame e ai solfiti

Scoperti importanti tratti distintivi del lievito: la tolleranza al rame e ai solfiti

Un progetto di ricerca dell'AWRI (Australian Wine Research Institute) guidato da Simon Schmidt ha ottenuto una panoramica completa della composizione genomica di 200 ceppi comuni e della loro relazione, classificandoli in base alla tolleranza ad un'ampia gamma di variabili importanti per la fermentazione come la concentrazione di solfiti e di azoto nel mosto.

All'inizio, il gruppo di ricerca era interessato alla diversità genetica dei lieviti comunemente usati per la produzione di vino e alla diversità del loro comportamento. I lieviti del vino sono molto diversi da quelli utilizzati per la produzione di pane o di altri prodotti e formano un gruppo abbastanza omogeneo. Tuttavia all'interno di quel gruppo sono presenti diversi sottogruppi, un terzo dei quali relazionati a quelli che vengono comunemente chiamati “lieviti di champagne”.

Secondo gli autori, la cosa sorprendente è che questi sottogruppi genetici non sono direttamente correlati alla loro applicazione, cioè non esiste una relazione diretta tra la loro applicazione (ad esempio per un tipo specifico di vinificazione come la vinificazione in rosso) e la genetica del lievito, anche se ci sono alcuni tratti che consentono di raggrupparli nella tipologia "lieviti che esaltano il sapore".

Una volta costruita questa base, i ricercatori hanno selezionato 94 ceppi, che rappresentavano la completa diversità dei lieviti, per un esame più approfondito. Attraverso la mappatura del DNA l'uso di codici a barre molecolari (DNA barcode) sono stati in grado di misurare la resa dei 94 ceppi a parità di condizioni di fermentazione ed in condizioni diverse.

Per ciascuno dei lieviti, è stato studiato l'impatto di fattori di stress fondamentali quali alte concentrazioni di zuccheri e diversi profili di temperatura, ma ciò che veramente contraddistingueva i diversi ceppi era la tolleranza al rame e al solfito. In particolare, alcuni di questi erano particolarmente sensibili al rame.

 La cosa più interessante è che se un ceppo era tollerante al rame, non era tollerante al solfito e viceversa. Un’ipotesi è che gli strumenti utilizzati dal lievito per aumentare la tolleranza ai solfiti, per ragioni ancora sconosciute, lo rendano sensibile al rame. Esiste pertanto una sorta di compensazione.

Uno dei risultati principali di questo lavoro è la possibilità di controllare i marcatori molecolari per la tolleranza o la sensibilità al solfito o al rame. È possibile valutare i ceppi con relativa facilità sulla base di questi indicatori.

La relazione finale del progetto può essere consultata al seguente link:
Defining the nutritional drivers of yeast performance and matching yeast to must

Pubblicata il 13/03/2018
Disponibile in english francais spagnolo
Schede correlate
  • Rimbalza sul web la notizia che la Food and Drug Administration, l'organismo di controllo statunitense, ha riconosciuto "non pericoloso" l'utilizzo di un ceppo di lievito geneticamente modificato, ...
    Pubblicata il:11/01/2007
  • Nel corso di Enoforum 2005 ha riscosso particolare interesse la relazione di Peter Godden, ricercatore dell'Australian Wine Research Institute di Adelaide (South Australia), che ha esposto i risult...
    Pubblicata il:27/04/2005
  • Il premio intende valorizzare le attività di ricerca che abbiano portato un valido contributo, sul piano scientifico, applicativo e divulgativo, nel settore dell’analisi chimico-enologica applicata.
    Pubblicata il:05/02/2018
  • "Viticoltura e vinificazione sostenibili in uno scenario di cambiamento climatico"
    Il termine ultimo per l'invio degli abstract è stato prorogato al 20 aprile.
    Pubblicata il:13/04/2017
  • Le borse proposte nel quadro di questo programma sono di breve periodo (da sei mesi fino a quindici mesi al massimo) e sono previste per formazioni specifiche di livello post-universitario.
    Pubblicata il:18/07/2017
  • Il 40° Congresso mondiale della vigna e del vino e la 15ª Assemblea generale dell’Organizzazione internazionale della vigna e del vino (OIV) si terranno dal 29 maggio al 2 giugno 2017 a Sofia (Bulg...
    Pubblicata il:27/01/2017
© Vinidea srl 2016: Piazza I° Maggio, 20, 29028 Ponte dell'Olio (PC) - ITALY - P.Iva: 01286830334
Per contattarci segui questo link
Titolo del periodico: Rivista Internet di Viticoltura ed Enologia
Editore e proprietario: Vinidea Srl
Direttore Responsabile: Dott. Giordano Chiesa
Registro Stampa - Giornali e Periodici: iscrizione presso il Tribunale di Piacenza al n. 722 del 02/03/2018
ISSN 1826-1590
powered by Infonet Srl Piacenza
Privacy Policy
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Maggiori informazioniOK

- A +