italianoenglishfrançaisdeutschespañolportuguês
Lingua
Cerca nel sito
  • » Novità
  • » Self-brett® di Grape srl: svolgere analisi microbiologiche direttamente in cantina

Self-brett® di Grape srl: svolgere analisi microbiologiche direttamente in cantina

In occasione di Enoforum 2019 la dott.ssa Simona Campolongo, CEO di Grape srl, ha presentato Self-brett®, un dispositivo innovativo brevettato affinché le cantine possano svolgere analisi in autonomia sul Brettanomyces, un lievito contaminante che conferisce cattivi odore al vino e ne causa considerevoli deprezzamenti.

self-brett

 

Self-brett® si presenta come un kit semplice e rapido nell’utilizzo, composto da una dip-slide con un terreno di coltura. Per analizzare il proprio vino basta versare 30 ml di prodotto all’interno del dispositivo, agitare delicatamente per circa un minuto, svuotare e poi riporre Self-brett® in un luogo riparato e a temperatura ambiente per 7-10 giorni. Al termine di questo periodo è possibile osservare la slide: in caso di vino contaminato questa avrà cambiato colore, si potranno vedere colonie di Brettanomyces sull’agar e sarà presente cattivo odore, il tipico “sentore di Brett”. Il dispositivo fornisce inoltre una stima della contaminazione tra bassa, media o alta.

Durante il suo intervento a Enoforum, Campolongo ha raccontato come l’idea di Self-brett® sia nata dalla sua lunga esperienza e dalla sua conoscenza approfondita del Brettanomyces. A seguito del dottorato di ricerca e di successivi studi svolti in Danimarca e in Australia, la CEO di Grape ha pensato di venire incontro alle esigenze del settore vitivinicolo fornendo un prodotto semplice ma performante.
La validazione di Self-brett® è stata ottenuta analizzando 48 campioni di vino con tre differenti metodiche:

  • Conta tradizionale in piastra,
  • qPCR
  • Self-brett®

 

I risultati ottenuti con Self-brett® e con analisi tradizionali sono i medesimi nell’85,7% dei casi, mentre nel restante 14,3% si è riscontrata una positività al Brettanomyces solo grazie all’utilizzo di Self-brett®. L’analisi comparata dei risultati ottenuti con Self-brett® e con analisi PCR dimostra coerenza nel 70% dei casi mentre nel restante 30% si sono ottenuti risultati positivi solo con analisi PCR. Ciò è tuttavia dovuto al fatto che questo tipo di tecnica rileva anche il DNA di eventuali cellule morte.

Self-brett® risulta un prodotto innovativo perché si pone come valida alternativa alle analisi in laboratorio (tradizionali o per PCR) finora proposte, più onerose in termini di tempo e denaro.
La sua semplicità d’uso garantisce poi il diretto utilizzo da parte di enologi e tecnici della produzione, che non devono possedere conoscenze specifiche ma possono svolgere in autonomia il test.
 
Per ulteriori informazioni: www.grapesrl.it/selfbrett-grape/

Pubblicata il 01/09/2020
Immagini
    • Self-brett® di Grape srl: svolgere analisi microbiologiche direttamente in cantina
Schede correlate
    Analisi e composizione delle uve
    Infowine Focus
    una selezione di contenuti dall'archivio di Infowine per approfondire il tema dell'analisi e composizione delle uve in vista della prossima vendemmia
    Pubblicata il:08/08/2019
    Maturazione delle uve
    Infowine Focus
    Un estratto dei contenuti di Infowine per approfondire un tema fondamentale per l'ottimizzazione della vendemmia
    Pubblicata il:08/08/2019
    10 anni di successi nell’aumentare i gradi Brix
    In dieci anni di prove, il biostimolante vegetale ILSAC-ON ha sempre aumentato i gradi Brix alla vendemmia su tutti i principali vitigni italiani
    ILSA festeggia dieci anni di prove di sviluppo in campo del padre dei suoi biostimolanti, ILSAC-ON, completamente vegetale. Coniugando materia prima (tessuti di piante della famiglia delle Fabaceae...
    Pubblicata il:26/04/2021
    12ª Giornata tecnica Vite e Vino: calo della produzione, ma grande annata per basi spumante e vini da invecchiamento
    Focus tecnico sull'andamento stagionale fitosanitario, qualità dei vini, flavescenza e cimice
    Il 2019 sarà ricordato per un calo della produzione di uve del 15 per cento, ma la qualità dei vini ottenuti si mantiene oltre le aspettative, soprattutto per le basi spumante e i vini da invecchia...
    Pubblicata il:10/12/2019
    1ª edizione Premio CARLO MICONI per una tesi di dottorato in Enologia
    Il premio intende valorizzare le attività di ricerca che abbiano portato un valido contributo, sul piano scientifico, applicativo e divulgativo, nel settore dell’analisi chimico-enologica applicata.
    Pubblicata il:05/02/2018
© Vinidea srl 2016: Piazza I° Maggio, 20, 29028 Ponte dell'Olio (PC) - ITALY - P.Iva: 01286830334
Per contattarci segui questo link
Titolo del periodico: Rivista Internet di Viticoltura ed Enologia
Editore e proprietario: Vinidea Srl
Registro Stampa - Giornali e Periodici: iscrizione presso il Tribunale di Piacenza al n. 722 del 02/03/2018
ISSN 1826-1590
powered by Infonet Srl Piacenza
Privacy Policy
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Maggiori informazioniOK

- A +
ExecTime : 1,9375