italianoenglishfrançaisdeutschespañolportuguês
Lingua
Cerca nel sito
  • » Novità
  • » Specifico lievito inattivo per proteggere il vino dai fenomeni ossidativi
  • K-POLIASPARTATO: oltre la stabilizzazione tartarica
    Gianni TRIULZI – Enartis; Valerio CARINCI – CEM
    Dopo quasi due anni di esperienze applicative, in occasione di Enoforum è stato fatto il punto della situazione spiegando la gestione dell’instabilità del tartrato di calcio ed illustrando le propr...
    Pubblicata il: 13/11/2019

Specifico lievito inattivo per proteggere il vino dai fenomeni ossidativi

PURE-LEES™ LONGEVITY, l’innovativa soluzione Lallemand

Specifico lievito inattivo per proteggere il vino dai fenomeni ossidativi

Con la fine della fermentazione alcolica e l’inizio della fase di affinamento e stoccaggio i vini bianchi e rosati sono ampiamente esposti ai fenomeni ossidativi che si traducono in perdite ed alterazioni del colore e della componente aromatica.

Numerosi studi hanno dimostrato come i lieviti vivi presentino la capacità di consumare una significativa quantità di ossigeno e siano in grado di mantenere questa caratteristica anche da morti. Nell’ambito di una partnership di ricerca Lallemand ha investigato la capacità di differenti ceppi di lieviti inattivati di consumare l’ossigeno disciolto in maniera prolungata nel tempo. Il risultato di queste sperimentazioni è PURE-LEESTM LONGEVITY, uno specifico lievito inattivo sviluppato per fornire uno strumento naturale contro le ossidazioni durante lo stoccaggio e l’affinamento.  Pure-Lees Longevity ha elevata velocità e capacità di assorbimento dell’ossigeno disciolto, caratteristica che gli consente di proteggere il colore e la componente aromatica dall’ossidazione durante la fase di stoccaggio e travaso dei vini bianchi e rosati al dosaggio di 10-30 g/hl.

Uno studio in Collaborazione con l’Universidad de Chile ha mostrato come l’utilizzo di 30 g/hl di Pure-Lees Longevity su un vino Sauvignon blanc con un contatto di 2 mesi post alcolica e successivi 6 in bottiglia abbia riportato un impatto positivo su colore, polisaccaridi e quadro aromatico, evidenziando freschezza, minor amarezza e un carattere fruttato più deciso rispetto al controllo senza aggiunta (Ruben del Barrio-Galan et al.,2018).

In una sperimentazione condotta in una cantina Australiana si è voluto valutare l’efficacia di Pure-Lees Longevity a 40 g/hL nel limitare il contenuto di ossigeno disciolto durante la fase di stabilizzazione a freddo di uno Chardonnay (-4°C con agitatore). L’efficacia del prodotto è stata valutata in confronto ad un controllo e ad una vasca con tannino di galla (3g/hl). I dati riportati nel grafico evidenziano come Pure-Lees Longevity abbia la capacità di proteggere il vino dall’ossigeno disciolto anche in questa fase per più di 2 settimane, permettendo di ottenere vini con quantità di ossigeno disciolto più idonee alle specifiche di imbottigliamento rispetto all’utilizzo di tannini di galla e al controllo. L’utilizzo di Pure-Lees Longevity può essere quindi una via per ridurre costi energetici, aumentare l’efficienza del processo e la qualità del vino finale.

PURE-LEES LONGEVITY

Contenuto di ossigeno disciolto in vino Chardonnay sottoposto a stabilizzazione a freddo, confronto tra controllo, aggiunta di 3 g/hL di Tannino di galla e 40g/hL di Pure-Lees Longevity.

Per maggiori informazioni:

Pubblicata il 07/10/2019
Schede correlate
  • Analisi e composizione delle uve
    Infowine Focus
    una selezione di contenuti dall'archivio di Infowine per approfondire il tema dell'analisi e composizione delle uve in vista della prossima vendemmia
    Pubblicata il:08/08/2019
  • Maturazione delle uve
    Infowine Focus
    Un estratto dei contenuti di Infowine per approfondire un tema fondamentale per l'ottimizzazione della vendemmia
    Pubblicata il:08/08/2019
  • Rimbalza sul web la notizia che la Food and Drug Administration, l'organismo di controllo statunitense, ha riconosciuto "non pericoloso" l'utilizzo di un ceppo di lievito geneticamente modificato, ...
    Pubblicata il:11/01/2007
  • Chiusure: il tema del futuro
    Nel corso di Enoforum 2005 ha riscosso particolare interesse la relazione di Peter Godden, ricercatore dell'Australian Wine Research Institute di Adelaide (South Australia), che ha esposto i risult...
    Pubblicata il:27/04/2005
  • 1ª edizione Premio CARLO MICONI per una tesi di dottorato in Enologia
    Il premio intende valorizzare le attività di ricerca che abbiano portato un valido contributo, sul piano scientifico, applicativo e divulgativo, nel settore dell’analisi chimico-enologica applicata.
    Pubblicata il:05/02/2018
© Vinidea srl 2016: Piazza I° Maggio, 20, 29028 Ponte dell'Olio (PC) - ITALY - P.Iva: 01286830334
Per contattarci segui questo link
Titolo del periodico: Rivista Internet di Viticoltura ed Enologia
Editore e proprietario: Vinidea Srl
Direttore Responsabile: Dott. Giordano Chiesa
Registro Stampa - Giornali e Periodici: iscrizione presso il Tribunale di Piacenza al n. 722 del 02/03/2018
ISSN 1826-1590
powered by Infonet Srl Piacenza
Privacy Policy
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Maggiori informazioniOK

- A +
ExecTime : 1,953125