italianoenglishfrançaisdeutschespañolportuguês
Lingua
Cerca nel sito
  • » Novità
  • » Tecniche di stabilizzazione dei vini a basso impatto ambientale
  • Longevità dei vini bianchi:
    Accorgimenti in affinamento per ridurre i rischi legati all’ossigeno
    L’evoluzione dei vini bianchi, nel periodo compreso tra la fine della fermentazione alcolica e l’imbottigliamento, è strettamente legata alla presenza di O2 disciolto e alle conseguenti...
    Pubblicata il: 30/03/2021

Tecniche di stabilizzazione dei vini a basso impatto ambientale

EVER srl punta alla sostenibilità della filiera vitivinicola, proponendo soluzioni a ridotto impatto ambientale, in linea con le direttive dell’OIV, garantendo un supporto tecnico personalizzato che grazie ad una costante collaborazione con gli enologi mira ad individuare:

  • Soluzioni tecniche per esaltare e proteggere la qualità organolettica e la salubrità dei vini
  • Il prodotto, il dosaggio ed il protocollo operativo orientato alla sostenibilità ambientale ed economica (evitando inutili sprechi di coadiuvanti e/o additivi)

 

Agli Enologi della sezione Romagna sono stati sottoposti i dati del progetto europeo “Stabiwine”, che ha portato alla validazione del Potassio Poliaspartato (KPA A-5KD) mettendo a confronto le diverse tecniche di stabilizzazione tartarica

L’analisi del progetto Stabiwine ha evidenziato come la refrigerazione del vino sia la tecnica stabilizzante con l’impatto ambientale più elevato (consumo di energia, emissioni di GHG e consumo d’ acqua) e come l’acido metatartarico non garantisca la stabilità nel tempo in quanto torna ad idrolizzarsi in acido tartarico.

EVER ha progettato le formulazioni micro-granulate STABILISSIMA S e UP per renderle solubili nel vino, microfiltrabili e con la massima efficacia stabilizzante.

Sono state presentate dunque alcune tra le numerose esperienze EVER con la gamma degli stabilizzanti STABILISSIMA. Tra questi esempi vi è il confronto tra la classica refrigerazione (-4°C x 7gg) e l’uso di STABILISSIMA UP in “Sangiovese Rubicone 2020 - Cantina di Forlì Predappio” dove, a diversi dosaggi, è stato possibile mantenere l’acidità ed ottenere un vino più fine al naso, con maggiore volume e persistenza gustativa

fig1

 

tab1

 

È stata brevemente introdotta una nuova tecnica di stabilizzazione fenolica utile a migliorare la longevità dei vini che, prevedendo un impianto rigenerabile, rappresenta un’alternativa riutilizzabile/reimpiegabile e quindi meno impattante sull’ambiente.

La registrazione del webinar "La sostenibilità dal vigneto alla cantina è disponibile a questo link: 
https://www.ever.it/it/news-eventi/tecniche-di-stabilizzazione-dei-vini-a-basso-impatto-ambientale-171.html

Pubblicata il 03/04/2021
Immagini
Schede correlate
© Vinidea srl 2016: Piazza I° Maggio, 20, 29028 Ponte dell'Olio (PC) - ITALY - P.Iva: 01286830334
Per contattarci segui questo link
Titolo del periodico: Rivista Internet di Viticoltura ed Enologia
Editore e proprietario: Vinidea Srl
Registro Stampa - Giornali e Periodici: iscrizione presso il Tribunale di Piacenza al n. 722 del 02/03/2018
ISSN 1826-1590
powered by Infonet Srl Piacenza
Privacy Policy
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Maggiori informazioniOK

- A +
ExecTime : 2,152344