italianoenglishfrançaisdeutschespañolportuguês
Lingua
Cerca nel sito
  • » Novità
  • » Un nuovo biocarburante ottenuto dai residui della produzione del vino

Un nuovo biocarburante ottenuto dai residui della produzione del vino

Un nuovo biocarburante ottenuto dai residui della produzione del vino

Un team di ricercatori dell’Università Politecnica di Madrid (UPM) e dell’Università di Castilla-La Mancha (GCM-UCLM) ha messo a punto un nuovo metodo per la produzione di biocarburante a partire dai residui dell'industria del vino.

Le attuali politiche internazionali promuovono la transizione dall'uso del petrolio per il trasporto ad altre fonti di energia, come elettricità e biocarburanti. Sebbene attualmente i biocarburanti non possano competere con i combustibili fossili in termini di prezzo e disponibilità, i livelli crescenti di anidride carbonica nell'atmosfera sono tanto preoccupanti da spingere la ricerca di nuove materie prime per i biocarburanti. L'utilizzo di materiali di scarto dell'industria agroalimentare sembra una buona opzione.

I residui dell'industria vinicola rappresentano una materia prima interessante per il biodiesel in paesi con produzioni significative di vino. I semi dell’uva contengono circa il 7% di olio, che può essere estratto mediante pressatura o con solventi (come n-esano) e convertito in biocarburanti attraverso la reazione con bioetanolo ottenuto a partitre dalla produzione di vino. Si tratta di biocarburante completamente rinnovabile ottenuto a partire da esteri etilici di acidi grassi. Come sottolineano i ricercatori, "l'obiettivo dello studio non è stato quello di trovare la migliore o unica fonte di biocarburanti, ma di aumentare lo spettro delle opzioni, chiave per la sostenibilità".

Le proprietà di questo nuovo biocarburante sono molto soddisfacenti, rientrando nei limiti stabiliti dalle normative europee e americane: densità e potere calorifico (indicano la quantità di energia che ci può essere in un determinato volume o deposito di un veicolo); numero di cetano (parametro chiave per la qualità della combustione); viscosità e lubrificazione (che influenzano l'atomizzazione del combustibile ed il corretto funzionamento del sistema di iniezione); punti di nebbia, spandimenti o ostruzioni di filtri a freddo (determinano il comportamento del carburante a basse temperature) e stabilità all'ossidazione (correlata al numero di iodio e al numero di legami insaturi o doppi legami presenti nella composizione del biocarburante).

Gli autori dello studio sottolineano che "l’insieme dei biocarburanti sostenibili, generati da numerose materie prime diverse tra loro, può contribuire fortemente a coprire il fabbisogno energetico mondiale per il trasporto, riducendo la dipendenza dal petrolio".

Articolo di riferimento:
David Bolonio, María-Jesús García-Martínez, Marcelo F. Ortega, Magín Lapuerta, Jose Rodríguez-Fernández, Laureano Canoira. (2019). Fatty acid ethyl esters (FAEEs) obtained from grapeseed oil: A fully renewable biofuel. Renewable energy 132: 278-283. DOI: 10.1016/j.renene.2018.08.010

Pubblicata il 20/03/2019
Disponibile in english spagnolo
Schede correlate
  • Analisi e composizione delle uve
    Infowine Focus
    una selezione di contenuti dall'archivio di Infowine per approfondire il tema dell'analisi e composizione delle uve in vista della prossima vendemmia
    Pubblicata il:08/08/2019
  • Maturazione delle uve
    Infowine Focus
    Un estratto dei contenuti di Infowine per approfondire un tema fondamentale per l'ottimizzazione della vendemmia
    Pubblicata il:08/08/2019
  • Rimbalza sul web la notizia che la Food and Drug Administration, l'organismo di controllo statunitense, ha riconosciuto "non pericoloso" l'utilizzo di un ceppo di lievito geneticamente modificato, ...
    Pubblicata il:11/01/2007
  • Chiusure: il tema del futuro
    Nel corso di Enoforum 2005 ha riscosso particolare interesse la relazione di Peter Godden, ricercatore dell'Australian Wine Research Institute di Adelaide (South Australia), che ha esposto i risult...
    Pubblicata il:27/04/2005
  • 1ª edizione Premio CARLO MICONI per una tesi di dottorato in Enologia
    Il premio intende valorizzare le attività di ricerca che abbiano portato un valido contributo, sul piano scientifico, applicativo e divulgativo, nel settore dell’analisi chimico-enologica applicata.
    Pubblicata il:05/02/2018
© Vinidea srl 2016: Piazza I° Maggio, 20, 29028 Ponte dell'Olio (PC) - ITALY - P.Iva: 01286830334
Per contattarci segui questo link
Titolo del periodico: Rivista Internet di Viticoltura ed Enologia
Editore e proprietario: Vinidea Srl
Direttore Responsabile: Dott. Giordano Chiesa
Registro Stampa - Giornali e Periodici: iscrizione presso il Tribunale di Piacenza al n. 722 del 02/03/2018
ISSN 1826-1590
powered by Infonet Srl Piacenza
Privacy Policy
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Maggiori informazioniOK

- A +
ExecTime : 5,21875