italianoenglishfrançaisdeutschespañolportuguês
Lingua
Cerca nel sito
  • » Novità
  • » Uniformità di maturazione dell’uva è sinonimo di qualità espressa in aromi, colore e zuccheri

Uniformità di maturazione dell’uva è sinonimo di qualità espressa in aromi, colore e zuccheri

Vigneti sotto scacco da stress biotici e abiotici. Cosa sono questi stress e come possono essere gestiti per ottenere una produzione soddisfacente?

Qualità e quantità produttive del vigneto sono fortemente influenzate dall’ambiente di coltivazione. I fattori ambientali come la composizione e tessitura del suolo e le condizioni climatiche, influenzano lo sviluppo della pianta e dei frutti. Questi fattori possono influenzare positivamente se in perfetto equilibrio, e consentire uno sviluppo corretto della vite oppure, cosa sempre più frequente, sottoporre il vigneto a situazioni di forte stress.

In base alla loro natura gli stress sono suddivisi in due macrocategorie: biotici e abiotici.
Gli stress biotici sono provocati da organismi viventi e sono gestibili grazie all’uso di prodotti fitosanitari, mentre quelli abiotici sono indotti da un fattore di natura ambientale, come la carenza o l’eccesso idrico, le condizioni climatiche avverse o le carenze nutrizionali.

Gli stress influenzano negativamente lo sviluppo della vite in tutte le sue parti, e uno sviluppo scorretto porta ad una maturazione disforme, caratterizzata da un’invaiatura molto lunga delle bacche con la conseguenza che la carica aromatica e di colore ottenute a maturazione saranno scarse e minore il grado zuccherino rispetto al reale potenziale del vigneto. In queste situazioni di consueto si attende a vendemmiare, aumentando così ulteriormente la suscettibilità e l’insorgenza di muffe e marciumi.

fig1

 

Condizioni climatiche avverse, che si possono manifestare nelle varie fasi fenologiche, sono uno dei fattori abiotici che influisce negativamente sul corretto ed omogeneo sviluppo della vite e dei suoi frutti. Ritorni di freddo in fase di ripresa vegetativa comportano una schiusura scalare delle gemme e quindi la competizione tra i germogli dello stesso capo a frutto, così come nello stesso periodo si possono manifestare gelate tardive che causano danni importanti alla pianta. Periodi freddi e piovosi in fase di fioritura e allegagione possono portare a cascola dei frutticini, acinellatura e il conseguente ingrossamento disomogeneo degli acini. Infine, per non farci mancare nulla, caldo e siccità estivi portano a scottature su acino e ad un anticipo della maturazione tecnologica, a scapito della qualità. Tutti gli stress abiotici sono da gestire con prodotti ad azione specifica, in particolare con biostimolanti, che vanno a incrementare l’attività fotosintetica, la divisione cellulare, l’adsorbimento radicale e la resistenza della vite aiutando la pianta a portare avanti ed equilibrare tutti i suoi processi metabolici responsabili che sono responsabili della qualità finale. IlsaC-on ed IlsaVegetus, sono biostimolanti di origine vegetale, a base di idrolizzato enzimatico di Fabaceae, che permettono di ottenere una produzione più uniforme e quindi più ricca in aromi, colore e zuccheri, migliorando le caratteristiche qualitative finali dell’uva.

fig2


 

Inoltre, sappiamo che la legge del minimo di Liebig afferma che la crescita è controllata non dall'ammontare totale delle risorse naturali disponibili, ma dalla disponibilità di quella più scarsa e quindi la carenza nutrizionale di un singolo elemento può compromettere l’intera produzione. Le clorosi fogliari, ad esempio, anche se temporanee, vanno a ridurre drasticamente la capacità fotosintetica della pianta, influenzandone il suo rendimento produttivo. E’ quindi una nutrizione corretta del vigneto che ci aiuta ad incrementare la qualità espressa in aromi, colore e grado zuccherino.

Per migliorare il patrimonio aromatico è opportuno frazionare tra l’autunno e la primavera l’apporto di elementi, in particolare dell’azoto, da fornire in forma organica. Progress Micro (NPK 6-5-13 con MgO e SO3) con azoto tutto organico e un alto contenuto di sostanza organica è il prodotto che soddisfa tutti i requisiti richiesti ed è ideale per applicazioni in post-raccolta o a fine inverno, alternato con Fertil10, che consente di apportare un alto contenuto di azoto organico (10%), di carbonio organico (40%), di calcio (8%) e di magnesio (3%). Sono entrambi fertilizzanti a base della matrice Agrogel®, la gelatina idrolizzata per uso agricolo di produzione esclusiva ILSA, ammessa in biologico, prodotta tramite l’utilizzo di materie prime rinnovabili e con un processo naturale di idrolisi termo-barica a bassissimo impatto ambientale.

Per saperne di più consulta i nostri siti, dove puoi anche richiedere un piano di intervento personalizzato sulla tua realtà.
www.ilsagroup.com
www.agrogel.it
www.gelamin.it

Pubblicata il 22/02/2021
Immagini
Schede correlate
    Analisi e composizione delle uve
    Infowine Focus
    una selezione di contenuti dall'archivio di Infowine per approfondire il tema dell'analisi e composizione delle uve in vista della prossima vendemmia
    Pubblicata il:08/08/2019
    Maturazione delle uve
    Infowine Focus
    Un estratto dei contenuti di Infowine per approfondire un tema fondamentale per l'ottimizzazione della vendemmia
    Pubblicata il:08/08/2019
    10 anni di successi nell’aumentare i gradi Brix
    In dieci anni di prove, il biostimolante vegetale ILSAC-ON ha sempre aumentato i gradi Brix alla vendemmia su tutti i principali vitigni italiani
    ILSA festeggia dieci anni di prove di sviluppo in campo del padre dei suoi biostimolanti, ILSAC-ON, completamente vegetale. Coniugando materia prima (tessuti di piante della famiglia delle Fabaceae...
    Pubblicata il:26/04/2021
    12ª Giornata tecnica Vite e Vino: calo della produzione, ma grande annata per basi spumante e vini da invecchiamento
    Focus tecnico sull'andamento stagionale fitosanitario, qualità dei vini, flavescenza e cimice
    Il 2019 sarà ricordato per un calo della produzione di uve del 15 per cento, ma la qualità dei vini ottenuti si mantiene oltre le aspettative, soprattutto per le basi spumante e i vini da invecchia...
    Pubblicata il:10/12/2019
    1ª edizione Premio CARLO MICONI per una tesi di dottorato in Enologia
    Il premio intende valorizzare le attività di ricerca che abbiano portato un valido contributo, sul piano scientifico, applicativo e divulgativo, nel settore dell’analisi chimico-enologica applicata.
    Pubblicata il:05/02/2018
© Vinidea srl 2016: Piazza I° Maggio, 20, 29028 Ponte dell'Olio (PC) - ITALY - P.Iva: 01286830334
Per contattarci segui questo link
Titolo del periodico: Rivista Internet di Viticoltura ed Enologia
Editore e proprietario: Vinidea Srl
Registro Stampa - Giornali e Periodici: iscrizione presso il Tribunale di Piacenza al n. 722 del 02/03/2018
ISSN 1826-1590
powered by Infonet Srl Piacenza
Privacy Policy
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Maggiori informazioniOK

- A +
ExecTime : 1,75