italianoenglishfrançaisdeutschespañolportuguês
Lingua
Cerca nel sito
  • » Novità
  • » Valutazione delle performance vegeto-produttive degli ibridi resistenti nel comprensorio dei Colli Piacentini
  • K-POLIASPARTATO: oltre la stabilizzazione tartarica
    Gianni TRIULZI – Enartis; Valerio CARINCI – CEM
    Dopo quasi due anni di esperienze applicative, in occasione di Enoforum è stato fatto il punto della situazione spiegando la gestione dell’instabilità del tartrato di calcio ed illustrando le propr...
    Pubblicata il: 13/11/2019

Valutazione delle performance vegeto-produttive degli ibridi resistenti nel comprensorio dei Colli Piacentini

L'azione 4 del Progetto ValorInVitis: risultati della stagione 2019

Nel 2019 il GOI ha eseguito una prima valutazione delle performance vegeto-produttive degli ibridi resistenti in collezione presso il vigneto sperimentale di Vicobarone. Benché il vigneto presenti i tratti tipici di un impianto al primo anno di produzione (scarso accrescimento dei tralci, limitato accrescimento della bacca e misura ridotta del grappolo), le misure effettuate possono offrire un utile quadro preliminare sulla attitudine dei vari genotipi in studio alla coltivazione nel comprensorio dei Colli Piacentini.

Tutti i vitigni in collezione hanno esibito un’ottima fertilità media del germoglio, superiore a 1,5 infiorescenze/germoglio. La varietà maggiormente produttiva è risultata essere Soreli (incrocio Friulano x 20-3) tra quelle a bacca bianca (3,18 kg/vite) e UD 31-103 (incrocio Merlot x 20-3) tra quelle a bacca nera (2,13 kg/vite). Tali livelli produttivi sono il risultato di un elevato numero di grappoli per ceppo, ma di ridotte dimensioni (31 grappoli/ceppo per 104 g di peso medio del grappolo per Soreli, e 35 grappoli/ceppo per 61 g di peso medio del grappolo per UD 31-103). Anche le varietà risultate meno produttive (UD 72-096 e Merlot Khorus con 1,28 kg/vite) hanno presentato un elevato numero di grappoli per ceppo (mai inferiore a 22), ma con uno scarso accrescimento della bacca. Ciò suggerisce che, una volta raggiunta la piena maturità del vigneto, tutti i vitigni in esame possono raggiungere livelli produttivi elevati.

Il decorso della maturazione dei vitigni resistenti è risultato assai anticipato rispetto ai vitigni autoctoni più diffusi nel comprensorio dei Colli Piacentini. Al 19 di Agosto, tutti i vitigni a bacca bianca presentavano livelli di acidità titolabile delle uve inferiori ai 5 g/L e una concentrazione in solidi solubili superiore a 20° Brix. L’unica eccezione è risultata essere Sauvignon Rytos (incrocio Sauvignon blanc x Bianca) che ha dimostrato un decorso della maturazione decisamente posticipato rispetto agli altri vitigni in collezione (acidità titolabile superiore a 6 g/L fino al 2 Settembre), ma comunque precoce se comparato ad altri vitigni a bacca bianca utilizzati nel territorio (Fig. 1). Anche i vitigni a bacca nera hanno dimostrato un’elevata precocità di maturazione. In tutti i vitigni in esame la concentrazione in solidi solubili è risultata superiore a 22° Brix già dal 19 di Agosto, con l’unica eccezione rappresentata da Cabernet Eidos (incrocio Cabernet Sauvignon x Bianca), leggermente più tardivo rispetto agli altri (Fig. 2).

Evoluzione dell'acidità titolabile nelle uve degli ibridi resistenti in Ortrugo e Sauvignon blanc nel piacentino progetto ValorinvitisFig.1 Evoluzione dell’acidità titolabile nelle uve degli ibridi resistenti in collezione e in uve di Ortrugo e Sauvignon blanc coltivate in vigneti limitrofi nel 2019.

Evoluzione acidità titolabile uve Ervi e Barbera nel piacentino progetto ValorinvitisFig.2  Evoluzione della concentrazione in solidi sulubili nelle uve degli ibridi resistenti in collezione e in uve di Ervi e Barbera (coltivato in un vigneto limitrofo) nel 2019.

Benchè la maturazione degli ibridi resistenti dovrà essere valutata nuovamente quando il vigneto assumerà la piena maturità vegeto-produttiva, i primi dati raccolti nel 2019 suggeriscono che tra i vitigni a bacca bianca in studio Sauvignon Rytos (Fig. 3) è quello che potrebbe risultare più interessante nel comprensorio dei Colli Piacentini, per via delle sue buone potenzialità produttive e per il decorso della maturazione delle uve.

Grappolo di Sauvignon Rytos a maturazione - progetto ValorinvitisFig. 3 Grappolo di Sauvignon Rytos a maturazione

Pubblicata il 25/09/2019
Immagini
Disponibile in english
Schede correlate
  • Analisi e composizione delle uve
    Infowine Focus
    una selezione di contenuti dall'archivio di Infowine per approfondire il tema dell'analisi e composizione delle uve in vista della prossima vendemmia
    Pubblicata il:08/08/2019
  • Maturazione delle uve
    Infowine Focus
    Un estratto dei contenuti di Infowine per approfondire un tema fondamentale per l'ottimizzazione della vendemmia
    Pubblicata il:08/08/2019
  • Rimbalza sul web la notizia che la Food and Drug Administration, l'organismo di controllo statunitense, ha riconosciuto "non pericoloso" l'utilizzo di un ceppo di lievito geneticamente modificato, ...
    Pubblicata il:11/01/2007
  • Chiusure: il tema del futuro
    Nel corso di Enoforum 2005 ha riscosso particolare interesse la relazione di Peter Godden, ricercatore dell'Australian Wine Research Institute di Adelaide (South Australia), che ha esposto i risult...
    Pubblicata il:27/04/2005
  • 1ª edizione Premio CARLO MICONI per una tesi di dottorato in Enologia
    Il premio intende valorizzare le attività di ricerca che abbiano portato un valido contributo, sul piano scientifico, applicativo e divulgativo, nel settore dell’analisi chimico-enologica applicata.
    Pubblicata il:05/02/2018
© Vinidea srl 2016: Piazza I° Maggio, 20, 29028 Ponte dell'Olio (PC) - ITALY - P.Iva: 01286830334
Per contattarci segui questo link
Titolo del periodico: Rivista Internet di Viticoltura ed Enologia
Editore e proprietario: Vinidea Srl
Direttore Responsabile: Dott. Giordano Chiesa
Registro Stampa - Giornali e Periodici: iscrizione presso il Tribunale di Piacenza al n. 722 del 02/03/2018
ISSN 1826-1590
powered by Infonet Srl Piacenza
Privacy Policy
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Maggiori informazioniOK

- A +
ExecTime : 3,34375