italianoenglishfrançaisdeutschespañolportuguês
Lingua
Cerca nel sito
  • » Novità
  • » Vite da vino: il grado zuccherino dell’uva si incrementa dalla fioritura
  • La gestione dei sali di tartrato nei vini
    Gli intorbidimenti e le precipitazioni nel vino sono alterazioni correlate a svariati fattori, uno dei quali le concentrazioni di sali di tartrato (bitartrato di potassio e il tartrato di calcio) i...
    Pubblicata il: 18/06/2021

Vite da vino: il grado zuccherino dell’uva si incrementa dalla fioritura

Vite da vino: il grado zuccherino dell’uva si incrementa dalla fioritura

Aumentare il grado zuccherino in occasione della vendemmia non è un obiettivo a cui pensare solo quando l’uva inizia a cambiare colore. E’ necessario pensarci già dalle prime fasi di sviluppo, dal germogliamento alla formazione degli abbozzi fiorali, in quanto proprio in queste fasi si formano le strutture principali della pianta: tralci, foglie, rachidi e fiori che poi dovranno supportare lo sviluppo dei grappoli e la qualità finale dell’uva.

La fase più delicata è la fioritura, in quanto qualsiasi evento anomalo, che sia causa nella pianta di uno stress che interferisca con il processo di fecondazione dell’ovario, ha effetti diretti non solo sulla produttività ma anche sul grado zuccherino finale.

Una fioritura anomala e un’allegagione molto prolungata sullo stesso grappolo sono la causa di presenza di acini con età diverse e stadi di sviluppo differenti, fattore che può portare al fenomeno dell’acinellatura o al fatto che alla raccolta ci saranno sullo stesso grappolo acini maturi e acini acerbi portando a una riduzione del grado zuccherino totale.

Per supportare la vite nella delicata fase della fioritura, ILSA ha sviluppato due specialità: Ilsamin Boro e il biostimolante IlsaVegetus, per favorire una fioritura più breve e una maggiore e regolare allegagione.

ILSA VEGETUSILSAMIN BORO

 

Ilsamin Boro contiene boro nella forma di boroetanolammina, una delle forme più attive per le piante, che viene complessata e veicolata all’interno dei tessuti della pianta da GELAMIN, la matrice proteica liquida, ottenuta da idrolisi enzimatica, base delle specialità nutrizionali di ILSA.  Il boro è fondamentale per le piante durante la fioritura e l’allegagione, poiché regola la traslocazione dei carboidrati e inoltre aumenta la fertilità del polline e la formazione dei primordi dei semi e dei frutti nel loro sviluppo.

Ilsa Vegetus invece è un biostimolante vegetale del programma Viridem, a base di idrolizzato enzimatico di Fabaceae, in cui triacontanolo, composti fenolici ed altri estratti vegetali bioattivi hanno un’azione sul metabolismo primario delle piante. Ilsa Vegetus stimola l’attività degli enzimi che regolano il metabolismo del carbonio e dell’azoto, favorendo così la fotosintesi, la fioritura, l’allegagione anche in momenti di stress. La regolazione enzimatica e ormonale permette alle piante di sviluppare, senza problemi, un numero maggiore di frutti, limitando così la cascola dei frutticini e favorendo un aumento della produzione finale.

I due formulati vanno applicati insieme, alla dose di 2 kg/ha ciascuno, a partire dalle fasi di abbozzi fiorali a inizio allegagione. Come in una prova effettuata a Monteforte d’Alpone (VR) su var. Garganega (particolarmente ostica per l’aumento dei gradi Brix), dove si è osservata una fioritura più compatta, un incremento dell’allegagione, una riduzione del fenomeno dell’acinellatura (foto 1), tramutatosi al momento della vendemmia in un costante e significativo aumento della produzione e un incremento del grado zuccherino delle uve raccolte (grafico 1).  

tab1

Tab.1: protocollo della prova condotta a Monteforte su uve varietà Garganega. A parte gli interventi indicati, tutte le altre pratiche colturali sono state effettuate con le stesse modalità e tempistiche su tutte e due le parcelle.

foto1

Foto1: è possibile osservare come nella tesi ILSA ci sia stata una miglior allegagione e gli acini si presentino uniformi per dimensione e stadio di maturazione rispetto al testimone.

grafico

Grafico 1: analisi dei mosti effettuate alla raccolta dove è possibile osservare come le uve della tesi ILSA al momento della raccolta siano risultate più mature (indice di maturazione Godet) e presentino una maggior concentrazione di zuccheri espressa in grammi/litro rispetto alla tesi aziendale.

Tutti i dettagli relativi alle nostre specialità nutrizionali, prodotti ad azione specifica e biostimolanti, citati nell’articolo, sono disponibili sul sito http://www.ilsagroup.com nella sezione PRODOTTI. Consultando il sito potrai inoltre scoprire tutta la gamma prodotti di ILSA e registrandoti ricevere documentazione tecnica di approfondimento.

Pubblicata il 13/06/2021
Schede correlate
    Analisi e composizione delle uve
    Infowine Focus
    una selezione di contenuti dall'archivio di Infowine per approfondire il tema dell'analisi e composizione delle uve in vista della prossima vendemmia
    Pubblicata il:08/08/2019
    Maturazione delle uve
    Infowine Focus
    Un estratto dei contenuti di Infowine per approfondire un tema fondamentale per l'ottimizzazione della vendemmia
    Pubblicata il:08/08/2019
    10 anni di successi nell’aumentare i gradi Brix
    In dieci anni di prove, il biostimolante vegetale ILSAC-ON ha sempre aumentato i gradi Brix alla vendemmia su tutti i principali vitigni italiani
    ILSA festeggia dieci anni di prove di sviluppo in campo del padre dei suoi biostimolanti, ILSAC-ON, completamente vegetale. Coniugando materia prima (tessuti di piante della famiglia delle Fabaceae...
    Pubblicata il:26/04/2021
    12ª Giornata tecnica Vite e Vino: calo della produzione, ma grande annata per basi spumante e vini da invecchiamento
    Focus tecnico sull'andamento stagionale fitosanitario, qualità dei vini, flavescenza e cimice
    Il 2019 sarà ricordato per un calo della produzione di uve del 15 per cento, ma la qualità dei vini ottenuti si mantiene oltre le aspettative, soprattutto per le basi spumante e i vini da invecchia...
    Pubblicata il:10/12/2019
    1ª edizione Premio CARLO MICONI per una tesi di dottorato in Enologia
    Il premio intende valorizzare le attività di ricerca che abbiano portato un valido contributo, sul piano scientifico, applicativo e divulgativo, nel settore dell’analisi chimico-enologica applicata.
    Pubblicata il:05/02/2018
© Vinidea srl 2016: Piazza I° Maggio, 20, 29028 Ponte dell'Olio (PC) - ITALY - P.Iva: 01286830334
Per contattarci segui questo link
Titolo del periodico: Rivista Internet di Viticoltura ed Enologia
Editore e proprietario: Vinidea Srl
Registro Stampa - Giornali e Periodici: iscrizione presso il Tribunale di Piacenza al n. 722 del 02/03/2018
ISSN 1826-1590
powered by Infonet Srl Piacenza
Privacy Policy
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Maggiori informazioniOK

- A +
ExecTime : 3,8125